Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
19 Lug 2018

Festival Frontière: una montagna accogliente, una frontiera fluida

Scritto da: Daniela Bartolini

Dal 25 al 29 luglio, a Paraloup, la Fondazione Nuto Revelli e ACTI Teatri Indipendenti organizzano la prima edizione del FESTIVAL FRONTIÈRE, che mette al centro una parola, dalla doppia lettura italiana e francese e indica un confine: una meta da superare per raggiungere nuove aspirazioni e ideali tra due terre continue.

Frontière è un festival di montagna, nella rinata borgata partigiana di Paraloup, che attraverso il teatro, la narrazione e gli incontri, dà potere alla parola per raccontare il naturale migrare delle genti attraverso le montagne.

Quattro giorni di teatro, musica, incontri, eventi speciali per raccontare i territori, riflettere sulle migrazioni di ieri e di oggi e scoprire le Alpi come spazio aperto, libero e accogliente. Perché “a volte basta il suono di una voce perché un muro crolli” (N. Revelli, “Il mondo dei vinti”).

Il nome Paraloup, la più alta borgata del comune di Rittana (1360 m) in Valle Stura (CN), secondo la tradizione popolare locale significa “difesa dai lupi”. Tra l’autunno del 1943 e il 1944 è stata la sede della prima banda partigiana di “Giustizia e Libertà”. Vi militarono in qualità di comandanti Duccio Galimberti, Dante Livio Bianco e, più tardi, Nuto Revelli. Con loro, oltre 200 giovani e giovanissimi che avevano deciso di contribuire con le armi in pugno a liberare l’Italia dal fascismo.

festival-frontiere-montagna-accogliente-frontiera-fluida-1531991042

Il Festival Frontière è un’azione del progetto MigrACTION, cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma di Cooperazione Territoriale Transfrontaliera Interreg V A Italia-Francia ALCOTRA 2014-2020 e realizzato in partnership con Comune di Vinadio (capofila), Comune di Barcelonnette, Fondazione Filatoio Rosso di Caraglio. Il festival si avvale del patrocinio di Comunità Montana di Demonte, Comune di Rittana, Città di Cuneo e si svolge in collaborazione con le Associazioni Contardo Ferrini e Voci dal Mondo e con il progetto Interreg Terract.

L’inaugurazione del festival avverrà a Cuneo mercoledì 25 luglio, alle ore 21, in Piazza Galimberti, in occasione della commemorazione del discorso di Duccio Galimberti, con la partecipazione di Yvan Sagnet (associazione Nocap) e il gruppo musicale Monsieur De Rien.
Da giovedì 26 a domenica 29 luglio il festival si sposterà alla borgata Paraloup, che sarà possibile raggiungere anche con bus navetta parcheggiando al pianoro del Quiot Rosa, a pochi minuti di auto dall’abitato di Rittana (CN), oppure proseguendo a piedi in venti minuti di facile cammino.

Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti. È possibile consultare il programma completo sul sito del Festival Frontière.

festival-frontiere-montagna-accogliente-frontiera-fluida

Nelle giornate del festival si potranno visitare anche le mostre presso la borgata Paraloup:
“Eravamo noi”, mostra sull’emigrazione dei piemontesi in Francia realizzata dall’Associazione Voci del Mondo di Dronero con il contributo del CSV di Cuneo ed il patrocinio del Comune di Dronero;
“La Valle ritrovata. La Valle Grana da Clemens Kalischer al reportage contemporaneo”, mostra fotografica a cura di Erica Liffredo e Luca Prestia realizzata in collaborazione con l’associazione Contardo Ferrini e il Museo della Montagna;
“Lupi”, opera di Santo Tomaino dalla mostra “Natura! Un piccolo repertorio” di Rittana.

Nei giorni di venerdì, sabato e domenica (15.30-19) è visitabile presso la canonica di Rittana (capoluogo di Paraloup) la rassegna d’arte contemporanea composta da 4 mostre: “Natura! Un piccolo repertorio” a cura di Roberto Baravalle; “Ego Bianchi e il disegno: una ragione di vita” a cura di Enrico Perotto; “Sergio Unia, sculture”; “Nuove opere per il paese” con opere di Rodolfo Allasia, Coco Cano e Guido Vigna.

Il Rifugio Paraloup offrirà in occasione del festival un menu gourmet con prodotti tipici della Valle al prezzo convenzionato di 18 Euro (bevande escluse). Essendo i posti limitati la prenotazione è obbligatoria al numero 3491268858. Per chi non riuscisse a prenotare, sono disponibili gustosi lunch box per pic-nic sui prati al costo di 10 Euro.

Foto copertina
Didascalia: Festival Frontière Paraloup

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il punto sul reddito di cittadinanza – Io Non Mi Rassegno #119

|

Quanta co2 indossiamo? Moda sostenibile alla Fashion Revolution Week

|

Genova e “Il ponte silenzioso”. Riflessioni di due anni dopo

|

Banca Etica lancia i “cultura bond” per sostenere le imprese culturali in crisi

|

Tre amiche e un’idea nata “per caso” per valorizzare la Sicilia

|

“Ragazzi irresponsabili” e Italia che Cambia a Torino per il festival di Cinemambiente

|

Leila, la biblioteca degli oggetti apre alla condivisione dei saperi

|

Francesco Bernabei: dall’istruzione parentale alla finanza etica, storia di uno “sviluppatore del cambiamento”