3 Set 2018

“Attacchi di Cinema”: una rassegna per parlare di salute mentale

Scritto da: Daniela Bartolini

“Attacchi di Cinema", è la rassegna organizzata dall'associazione “+Diritti” di settimo Torinese. Per divertirsi, per combattere lo stigma, per scambiarsi idee ed emozioni intorno al tema della salute mentale.

Continuare a garantire i diritti civili alle persone in difficoltà, dare voce ai reali bisogni e aspettative delle persone più fragili, sensibilizzare enti ed istituzioni affinché le persone con problemi di salute mentale siano rispettate come qualsiasi altro cittadino, aumentare la conoscenza delle questioni relative alla salute mentale, sono gli obiettivi principali dell’associazione “+Diritti”.
Un’associazione che a Settimo Torinese si impegna nel vigilare su azioni di disuguaglianza e promuovere azioni di consapevolezza, accogliendo anche segnalazioni da parte di soggetti terzi su eventuali condotte discriminanti.

L’organizzazione di rassegne cinematografiche, spettacoli teatrali, convegni, dibattiti, seminari ed eventi è un’attività importante dell’associazione per veicolare messaggi formativi ed informativi e stimolare la riflessione e il dibattito.

Attacchi di Cinema”, prima rassegna cinematografica sul tema della salute mentale, prenderà il via il 19 settembre con cinque appuntamenti ad ingresso gratuito presso la Sala Levi della Biblioteca Archimede di Settimo Torinese.

attacchi di cinema rassegna salute mentale 1535969005

“Avere problemi di salute mentale vuol dire:
soffrire per qualcosa che ci è oscuro;
sentirsi in difetto;
sentirsi diversi dagli altri;
sentirsi estranei alla società;
chiedersi “perché proprio a me”;
esser così sensibili da sentirsi feriti dagli altri anche per un niente;
sentirsi soli e non riuscire a chiedere aiuto;
pensare che gli altri siano tutti più felici o migliori;
sentirsi inferiori.
Se hai vissuto o vivi anche solo una di queste sensazioni, RIFLETTI prima di considerare i problemi di salute mentale come qualcosa che appartiene solo agli altri.”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza