18 Set 2018

Detox: i vestiti che indossiamo sono ancora tossici?

Scritto da: Elena Risi

Nel 2011 Greeanpeace aveva lanciato Detox, una campagna per spingere i marchi di abbigliamento a rendere le loro filiere più trasparenti e sostenibili. In questi giorni è uscito Destination Zero, un rapporto che analizza i progressi compiuti dal mondo della moda per diminuire il proprio impatto ambientale.

Se è vero che l’industria della moda è il secondo settore più inquinante al mondo (subito dopo quello del petrolio), vero è anche che alcuni passi verso un graduale abbandono delle sostanze tossiche si stanno già facendo.

 

Nel 2011 Greenpeace lanciava la campagna Detox, proprio per sensibilizzare il settore della moda – comprensiva di grandi marchi nazionali e internazionali – sulla necessità di eliminare dalla filiera produttiva sostanze tossiche e nocive che vanno poi a scaricarsi nei mari inquinando il nostro pianeta. Da quel momento 80 marchi della moda, di cui 60 italiani, hanno preso un impegno: la graduale riconversione verso una produzione sostenibile.

detox1Oggi, a sette anni dall’inizio della campagna, Greenpeace Germania ha stilato un primo bilancio pubblicandone i risultati nel rapporto Destination Zero: seven years of Detoxing the clothing industry e evidenziando i progressi fatti da case di moda e aziende tessili che hanno aderito all’appello dell’Organizzazione.

 

Primo tra i più importanti cambiamenti introdotti, la trasparenza della filiera che permette di tracciare le emissioni di sostanze chimiche prodotte lungo tutta la filiera; secondo – ma non per importanza – l’eliminazione dei PFC (i composti poli- e per-fluorurati), utilizzati nei trattamenti idrorepellenti e antimacchia dal 72% dei marchi impegnati in Detox.

 

In Italia, molte delle aziende tessili del distretto di Prato hanno firmato un primo impegno collettivo per l’eliminazione delle sostanze chimiche nocive per l’ambiente e in collaborazione con Confindustria Toscana Nord è nato il Progetto Detox, un percorso di riflessione e confronto sulla campagna di Greenpeace che può diventare guida di un sempre più ampio gruppo di aziende che operano nel settore tessile.

 

Non solo grandi marchi e produzione industriali su larga scala. Sono molte le realtà più o meno piccole e artigianali che hanno scelto una moda etica e sostenibile. Dalle Officine Frida che producono abiti dagli scarti, alla Animal Free Fashion e ancora, dalla produzione di abiti in fibra di arancio di Orange Fiber alla piattaforma Dress the Change che permette di conoscere e orientarsi tra i marchi della moda etica in Italia.

 

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
L’area ex Sacci sotto sequestro
L’area ex Sacci sotto sequestro

Il tessile guida la crescita dell'economia circolare

Un premio biodinamico al Gusto dei Guidi
Un premio biodinamico al Gusto dei Guidi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”