Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
6 Nov 2018

Sganciarsi dalle fossili investendo in impianti rinnovabili collettivi

Scritto da: Redazione

Sarà presentato oggi a Rimini il primo progetto collettivo dal basso per l’indipendenza energetica. Lanciato da ènostra, fornitore cooperativo di energia elettrica rinnovabile, il progetto prevede la costruzione di un impianto eolico che sorgerà in provincia di Foggia e contribuirà a cambiare il modo di produrre e consumare energia.

Nella primavera del 2019, in provincia di Foggia, sorgerà, secondo il cronoprogramma, il primo impianto eolico collettivo di ènostra e dei suoi soci. Il progetto prevede l’installazione su terreno vergine (greenfield) di una singola pala, dell’altezza di 80 m e di potenza pari a 850 kW, con una produzione attesa di quasi 3 GWh, equivalenti a circa 1/3 del fabbisogno dei soci forniti nel 2018.

pala-mappa-puglia-1-768x542

Vuoi cambiare la situazione
dell'energia in italia?

ATTIVATI

“Si tratta del primo importante traguardo del nostro modello cooperativo, che mira a favorire la transizione energetica, da un lato incrementando la produzione di energia rinnovabile, dall’altro fornendo ai soci l’energia prodotta, ad un costo che sia indipendente dal mercato delle fonti fossili, le stesse che determinano il prezzo unico nazionale (PUN) a cui le nostre attuali tariffe sono ancorate”.

 

È quanto spiega ènostra, fornitore cooperativo di energia elettrica rinnovabile, che aggiunge: “Ad oggi l’energia che ènostra fornisce ai soci è 100% rinnovabile – acquistata in parte dai produttori selezionati, in parte dalla borsa elettrica, con relativa Garanzia d’Origine – ma in termini di costo resta ancora vincolata al mercato delle fonti fossili, che determinano il prezzo unico nazionale (PUN) a cui le attuali tariffe sono ancorate. Investire nell’impianto eolico significa partecipare al primo progetto collettivo dal basso per l’indipendenza energetica”.

 

Con la realizzazione della pala (e degli impianti che seguiranno), ènostra da un lato incrementerà la quota di energia rinnovabile prodotta in Italia, dall’altro fornirà ai propri soci l’energia con contratti di lungo periodo e ad un prezzo fisso che riflette il reale costo di produzione, finalmente sganciato dal mercato degli idrocarburi.

clouds-3643255_960_720

È Nostra è un’impresa cooperativa con sede operativa a Milano che sta cercando di cambiare dal basso il modo di produrre e consumare energia, basandosi sui valori della mutualità, della trasparenza, della sostenibilità, della condivisione e della partecipazione.

 

“Quando decidemmo di fondare È Nostra – ci ha raccontato Matteo Zulianello, Consigliere di ènostra  quando lo abbiamo intervistato – in parte volevamo fornire un’alternativa a quello che in questo momento il mercato italiano offre. L’Italia può cambiare in maniera molto forte su questi temi, anche affacciandosi fuori casa nostra in altri paesi europei questi concetti sono molto diffusi. La nostra impressione è che l’Italia possa cambiare anche sotto il profilo energetico e che noi possiamo dare un contributo sotto questo aspetto”.

 

Il progetto dell’impianto eolico collettivo sarà presentato pubblicamente oggi a Rimini al Key Energy, il Salone dell’Energia e della Mobilità Sostenibile, che si tiene in contemporanea ad Ecomondo. La conferenza si terrà dalle 11 alle 13 sarà trasmesso in diretta streaming dal canale youtube di ènostra. Nel corso dell’evento si parlerà dei benefici sociali, economici ed ambientali delle comunità energetiche con: Gianni Silvestrini, Giuseppe Onufrio, Dario Tamburrano, Emilio Sani, Natalia Magnani, Giuseppe Mastropieri, Davide Zanoni e Gianluca Ruggieri.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

I “giganti dormienti” del ciclo del carbonio si stanno svegliando? – Io Non Mi Rassegno #240

|

Ragazzi irresponsabili: siamo davvero impotenti di fronte ai cambiamenti climatici? – A tu per tu #7

|

Bambini a contatto con la natura: tutti gli effetti benefici in 10 punti

|

Marco Cappato: “Questa iniziativa può fermare i cambiamenti climatici”

|

La parità di genere ed il linguaggio emotivo siano il cuore di un cambiamento radicale

|

La paura di Lise

|

Il Boschetto: da spazio abbandonato a orto dove si coltivano insieme frutta, verdura e tempo!

|

Covid, scuola e DAD: un sostegno agli studenti in difficoltà per non lasciare indietro nessuno