Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
5 Nov 2018

“UNESCO Creative City of Craft & Folk Arts”, Biella al centro del mondo

Scritto da: Luca Deias

Cittadellarte e le sue ambasciate Rebirth nel mondo supportano ufficialmente e collaborano alla candidatura della Città di Biella de "UNESCO Creative City of Craft & Folk Arts". Il simbolo del Terzo Paradiso, inoltre, diventa il simbolo ufficiale della candidatura.

La Città di Biella, con la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e numerose realtà pubbliche e private del territorio, lavora alla propria candidatura 2019 per il Network UNESCO delle Città Creative nel settore Crafts & Folk Arts.

Biella ha scelto anche questa via per valorizzare la sua storia creativa: la maestria e l’innovazione dell’universo tessile, che qui è fiorito grazie a speciali condizioni ambientali, strutture industriali/spazi di lavoro, know-how e capacità professionali secolari, ma soprattutto grazie a una “trama” flessibile di soggetti, progetti e contatti collaborativi esistenti e potenziali nel settore culturale e creativo.

Cittadellarte, ospitata proprio in un’ex manifattura laniera, e le sue numerose ambasciate Rebirth/Terzo Paradiso nel mondo condividono questa specifica impostazione progettuale basata sulla “trama” di incroci e sul ri-nascimento creativo della città e appoggiano la candidatura nel segno-simbolo di Michelangelo Pistoletto. “La rete mondiale che la Fondazione Pistoletto cura da oltre un ventennio – si legge in una nota stampa – è una risorsa di enorme valore per la città e il suo territorio. Il 20 ottobre 2018, in occasione dell’annuale riunione plenaria, sessanta rappresentanti delle Ambasciate del Terzo Paradiso (su 150 totali), provenienti dai cinque continenti, si sono riunite per raccontare i più di mille eventi realizzati in 15 anni e hanno in questa occasione firmato il documento che ufficialmente supporta la candidatura della Città di Biella UNESCO Creative City”.

In particolare, il progetto Terzo Paradiso di Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, riconosce come fondativi gli stessi valori alla base del Network UNESCO delle Città Creative e dell’Agenda ONU 2030 per lo Sviluppo Sostenibile: una crescita equilibrata, che sorge delle radici socio-culturali del territorio.

“Biella – ha affermato Paolo Naldini, direttore di Cittadellarte – ha già assunto la veste di una città mitica perché qui è nato e ha sede il Terzo Paradiso, progetto che già oggi coinvolge più di 150 Ambasciate nel mondo che hanno realizzato più di 900 eventi. Creatività e sostenibilità come ponti verso il futuro che vogliamo, partendo da Biella”.

Commento positivo anche da parte di Franco Ferraris, Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Biella: “La Fondazione Cassa di Risparmio di Biella – ha affermato – sostiene la candidatura della Città di Biella nella convinzione che rappresenti una straordinaria occasione per il nostro territorio di raccontare al mondo la propria unicità  legata non solo ai saperi della lana e del tessile, ma alla bellezza del paesaggio, all’eccellenza dei servizi e dei prodotti, alla varietà e creatività delle proposte culturali. Un’occasione per scrivere insieme un nuovo futuro per il Biellese basato sui valori della bellezza e della sostenibilità, in una parola: sulla qualità della vita”.

Alle parole di Naldini e Ferraris fanno eco quelle di Marco Cavicchioli, sindaco di Biella: “La cifra di questa candidatura – ha argomentato – sta nel gioco di squadra e nel fatto che una città e una provincia hanno mostrato il desiderio di valorizzare la propria identità e nel mostrarla al mondo. Michelangelo Pistoletto porta già il nome di Biella nel mondo. E la sua adesione al progetto non può che dargli forza”.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il Papa e le coppie omosessuali – Io Non Mi Rassegno #237

|

SPIGA: il forno sociale per la rigenerazione artigiana della periferia

|

I Deplasticati: il gruppo sanremese che libera la città e le spiagge dai rifiuti

|

Il Parlamento europeo condanna i tirocini gratuiti. Una risoluzione storica per gli stagisti

|

La Specie Felice: pensare e praticare la felicità per costruire un futuro di benessere condiviso

|

Orizzontale: gli architetti che rigenerano lo spazio pubblico e creano comunità – Io faccio così #304

|

Vaia, la startup che pianta nuovi alberi nei boschi delle Dolomiti distrutti dalla tempesta

|

Imparare per il futuro: il nostro racconto del viaggio Erasmus verso la sostenibilità