Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
4 Dic 2018

Arriva in Piemonte EcoForum, l'Economia Circolare dei rifiuti

Scritto da: Lorena Di Maria

Qual è la situazione dei rifiuti oggi ed in quale misura siamo responsabili delle nostre azioni sull’ambiente? Il Piemonte si prepara ad un momento di incontro e riflessione rispetto a questo tema sempre più attuale ed urgente. L’iniziativa, organizzata da Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta vuole essere un momento di riflessione sulla gestione virtuosa dei […]

Qual è la situazione dei rifiuti oggi ed in quale misura siamo responsabili delle nostre azioni sull’ambiente? Il Piemonte si prepara ad un momento di incontro e riflessione rispetto a questo tema sempre più attuale ed urgente. L’iniziativa, organizzata da Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta vuole essere un momento di riflessione sulla gestione virtuosa dei rifiuti che coinvolgerà e metterà in comunicazione le principali realtà piemontesi che operano nel settore quali aziende, consorzi e pubblica amministrazione.

 

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

ATTIVATI

“Il 2018 è stato l’anno della definitiva approvazione del nuovo pacchetto di direttive europee sull’economia circolare. Stiamo entrando in una nuova era, quella dell’economia circolare 4.0 che può rappresentare una svolta epocale per l’economia, la creazione di lavoro, l’ambiente e la salute dei cittadini. L’Italia vanta già tante esperienze di successo di economia circolare e di riuso praticate da Comuni, società pubbliche o miste e imprese private che possono consentirci di assumere una vera e propria leadership in Europa” affermano gli organizzatori, che intendono “creare un’occasione anche in Piemonte per stimolare un dibattito efficace, contribuire a identificare soluzioni e fornire indicazioni certe agli operatori di settore”.

arriva-piemonte-ecoforum-economia-circolare-rifiuti

Obiettivo dell’iniziativa è confrontarsi con le attuali responsabilità che tutti noi abbiamo per la salvaguardia del territorio in cui viviamo.
Quali sono le criticità del ciclo dei rifiuti in Piemonte e quali le soluzioni per minimizzare gli impatti e massimizzare il recupero e la rigenerazione della materia? Questi sono soltanto alcuni degli interrogativi su cui si avvierà il confronto.

 

Sarà una giornata ricca di dibattiti e incontri che verteranno sulle buone pratiche di economia circolare e gestione dei rifiuti, sulle statistiche della raccolta differenziata nei Comuni piemontesi e su scambi di esperienze tra le realtà presenti sul territorio.

 

Saranno inoltre premiati i “Comuni Rifiuti Free del Piemonte”, amministrazioni che oltre ad aver superato il 65% di raccolta differenziata, hanno raggiunto l’obiettivo di produrre meno di 75 kg di rifiuto indifferenziato per ogni abitante.
Tale confronto, in particolare, vuole “restituire un quadro della gestione dei rifiuti che possa costituire uno stimolo per i Comuni ad intraprendere nuove e più sofisticate strategie per risultati sempre più ambiziosi”, incoraggiando le diverse realtà sul territorio a prendere parte all’azione.

 

I Comuni Piemontesi considerati “più virtuosi” sono in totale 12, dei quali spiccano i tre più rappresentativi diversificati per numero di abitanti: Barone Canavese, con popolazione minore di 5.000 abitanti, Pino Torinese, con un numero di abitanti compreso tra i 5.000 e i 15.000 e Cossato, che conta oltre 15.000 abitanti.

 

L’evento avrà luogo a Torino nella Sala Kyoto dell’Environment Park di via Livorno 60 ed è aperto a chiunque, dal momento che uno degli obiettivi dell’iniziativa è informare e sensibilizzare i cittadini su questo ampio tema. Per partecipare basterà compilare il form di riferimento: goo.gl/mHbjwu

 

Articolo tratto da Piemonte che Cambia

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Le storie che amiamo raccontarci – Io Non Mi Rassegno #109

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

|

“Vogliamo ringraziare l’Italia”: i ragazzi migranti cuciono le mascherine

|

L’oceano è troppo caldo: a rischio la grande barriera corallina

|

Comprendere e gestire emozioni e relazioni in questo periodo

Copy link
Powered by Social Snap