21 Dic 2018

La Raccontadina: “Vi racconto il mio ritorno alla terra”

Scritto da: Elisa Elia

Amore, cura e soprattutto fiducia. Su questi elementi si basa il legame con la terra che da sempre ha Francesca Pachetti, donna, mamma e contadina di Massa Carrara che da un po' di tempo ha deciso di condividere su una pagina Facebook le sue esperienze di vita e ciò che la natura ogni giorno le insegna.

Nata e cresciuta in una famiglia contadina di Massa Carrara, Francesca Pachetti vive a contatto con “la terra” da sempre, anche se ogni tanto se ne è allontanata. Da undici anni la terra è diventata il suo lavoro e la sua sussistenza, ma anche fonte di vita in senso più ampio, intesa come serenità e pace interiore. Da un anno ha deciso di portare avanti un blog su Facebook con il nome di La Raccontadina, dove parla della sua vita da contadina e di ciò che la natura ogni giorno insegna.

Francesca Pachetti

Francesca Pachetti


“Io già a cinque anni lavoravo nella terra come ci lavoro ora, ma era molto dura e per questo mi sono allontanata una volta cresciuta, scegliendo di diventare educatrice”, spiega Francesca parlando dell’inizio di questo suo profondo rapporto con la natura. Un rapporto che però non si è mai interrotto davvero: “Lavoravo negli asili nido e nelle strutture per disabili psichiatrici adulti, eppure un piede nella terra l’ho sempre lasciato: ad esempio facevo delle coltivazioni particolari per conto mio che poi vendevo”. Undici anni fa, poi, un grosso cambiamento: l’arrivo di un bambino e la necessità di coniugare i tempi frenetici del lavoro con l’impegno dell’essere madri. “Da lì mi sono detta ‘Torno alla terra’ e l’ho fatto”.

 

La terra di cui Francesca si occupa è fatta di cinquemila metri di terra davanti casa sua, nel paese di Montignoso, a Massa Carrara. Qui Francesca si occupa di orti e di alcune colture estensive. Il suo rapporto con la terra è quotidiano e segue il ciclo delle stagioni, così come la sua vita. È una relazione fatta di amore e cura, ma soprattutto fiducia. “Perché se hai tanta fiducia nella terra – ci spiega – lei ti gratifica e i miei raccolti sono sempre forti e abbondanti”. Senza per questo dimenticare che le difficoltà, anche qui, sono tante: portare avanti una coltivazione assolutamente naturale, da sola, basata sulla stagionalità non sempre è facile.

 

Così come non è facile ritrovarsi poi in un “mondo esterno” apparentemente schizoide: “Nei supermercati ci vedo completamente la pazzia e l’assurdo di questo mondo: dai supermercati in quanto capannoni finti e completamente innaturali ai prodotti malsani che ci sono dentro per finire alla gente che ci lavora e che spesso non arriva a fine mese con quello stipendio. A volte mi sento disorientata”.

45483818_2202048983344321_8456984201474867200_n

Il rapporto con la natura e con la terra, oggi, è sempre più distante dalle vite quotidiane, a volte idealizzato in senso positivo, altre completamente negato. Anche per questo Francesca promuove una sorta di laboratorio didattico per bambini attraverso gli orti: ogni sabato del mese i bambini si riversano lì e ognuno si occupa del proprio pezzo di terra e della propria gallina. Anche loro seguono, assieme all’aiuto di Francesca, tutto il ciclo dalla semina al raccolto alla vendita dei prodotti al “mercato contadino dei bambini”. E questo serve non solo a riacquistare il legame con la natura, ma può anche essere terapeutico: “Ad esempio ci sono tanti bambini che hanno delle diagnosi di iperattività e disturbi dell’attenzione che ne beneficiano. E qui in campo sono tutti uguali: la terra pareggia tutti, è evidente. In più ci sono lo spazio aperto, la gratifica del lavoro che fai, lo spendere delle energie che devono uscire. Sto tenendo duro perché so che i bambini ne hanno bisogno”.

 

Accanto agli orti didattici, c’è il tentativo di fare rete attraverso la natura: Francesca concede gratuitamente dei pezzi di orto del suo terreno ad alcune famiglie, che possono così coltivare autonomamente il proprio terreno. L’idea è quella di condividere ed aiutarsi reciprocamente, formare un insieme di persone che cooperano in autonomia.

46305267_2208905942658625_5237904593920196608_n

La natura è il fulcro della vita e delle attività di Francesca. E attorno alla terra ruota anche il blog “La Raccontadina”. Non c’è un progetto ben preciso né una direzione: “La Raccontadina” nasce per l’urgenza di scrivere. “Non so di preciso perché; ho sempre scritto ma poi, poi per un esubero di amore, ho aperto la pagina ‘La Raccontadina’. Secondo me si può dire che parlo di agricoltura applicata alla vita e cioè ciò che la terra insegna”. Foto, video e brevi o lunghi racconti che illustrano gli orti e le attività di Francesca o anche semplicemente pensieri sulla vita. È qui che Francesca ha avuto piacevoli sorprese (come persone che trovandola su Facebook sono venute a trovarla dall’altra parte dell’Italia o l’essere chiamata a partecipare ad un festival).

 

Ma il blog è soltanto una piccola parte collaterale della sua vita, che rimane a stretto contatto con la natura. La natura è maestra di vita e, spiega Francesca, insegna innanzitutto come stare al mondo: “Essere contadina incide sulla mia vita perché è la mia pace, la mia serenità, è essere dentro di me e non fuori di me. Essere dentro ai cicli significa essere dentro di te e capire te stessa. Se ti comprendi, riesci a comprendere di più gli altri. E questo mi dà un sacco di pace”.

 

 

Toscana - Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità
Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità

Orto Condiviso Vesuviano, dove si crea comunità e si recuperano antiche colture
Orto Condiviso Vesuviano, dove si crea comunità e si recuperano antiche colture

“Vi racconto la mia esperienza di wwoofing nei campi di lavanda”
“Vi racconto la mia esperienza di wwoofing nei campi di lavanda”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza