Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
16 Gen 2019

Da Torino a Milano, nel 2020 una pista ciclabile lungo lo storico canale Cavour

Scritto da: Lorena Di Maria

E’ in progetto la nuova ciclovia che a partire dal 2020 collegherà le città di Torino e Milano e che costeggerà lo storico Canale Cavour, in un viaggio alla riscoperta del territorio e delle sue ricchezze. L’opera è volta a favorire la promozione cicloturistica e la mobilità alternativa e sostenibile, ed è indirizzata a creare un sistema virtuoso per la valorizzazione del paesaggio attorno al canale.

Torino e Milano, due grandi capoluoghi collegati a breve da una nuova pista ciclabile. Non si tratta del solito progetto volto all’aumento del traffico, dell’asfalto, dell’inquinamento incontrollato, ma di un totale di 82 chilometri di pura natura, bellezze paesaggistiche e salute.
L’opera consiste in una pista ciclabile che collegherà Torino e Milano, un percorso di cicloturismo pensato per creare nuove connessioni tra le città, per vivere i territori da una prospettiva diversa e per incrementare la mobilità dolce e sostenibile.

 

Vuoi cambiare la situazione
della mobilità in italia?

ATTIVATI

La particolarità della nuova ciclovia è il fatto che verrà realizzata quasi interamente lungo il Canale Cavour, opera storica che a Chivasso trae origine direttamente dal Po e che rafforza il valore paesaggistico del territorio circostante, caratterizzato da vaste campagne, risaie e ampi panorami.

da-torino-a-milano-2020-pista-ciclabile-lungo-storico-canale-cavour

 

Il progetto potrà rappresenta una vera e propria risorsa turistica volta a favorire la riscoperta dei luoghi che contraddistinguono la Pianura Padana. Il canale, che nel 2016 ha compiuto 150 anni, è un’importante ricchezza storica e culturale, un elemento di continuità territoriale che ha da sempre rappresentato un riferimento per il sostentamento e l’agricoltura del luogo. 

 

Il percorso ciclabile, che parte da Chivasso, permetterà di vivere pienamente i paesaggi del vercellese, del basso novarese fino a giungere in Lombardia, innestandosi nella ciclabile esistente, che da Sesto Calende si congiunge alla città di Milano percorrendone i Navigli.

 

Il progetto è nel complesso promosso da Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino, Province di Vercelli e Novara, Ente Parco del Po e della Collina Torinese, Ente Parco del Ticino e Lago Maggiore, Associazione di Irrigazione Ovest Sesia, Associazione di Irrigazione Est Sesia e Coutenza Canali Cavour.

da-torino-a-milano-2020-pista-ciclabile-lungo-storico-canale-cavour-2

 

Il tracciato avrà un costo totale di 25 milioni di euro ed è attualmente curato dall’ingegner Luigi Spina, già noto per aver realizzato in passato numerose ciclabili nella provincia torinese e nel capoluogo.

 

L’opera si diversifica dal progetto del tracciato VenTo – Torino – Venezia, dorsale di cicloturismo ideata da un gruppo di ricercatori del Politecnico di Milano con l’obiettivo di collegare il capoluogo veneto con quello piemontese, attraverso un totale di 679 chilometri di pista ciclabile con una grande portata, capace di valorizzare il territorio e le sue risorse ambientali e paesaggistiche.

 

A differenza di quest’ultima, la futura ciclabile Torino-Milano permetterà di entrare direttamente nel capoluogo lombardo e rappresenta un imprescindibile punto di forza per i nostri territori, poiché capace di creare nuove sinergie, forme di promozione turistica, economie locali e soprattutto una riscoperta dei bellissimi territori che ci circondano.

 

Foto copertina
Didascalia: Pista Ciclabile
Autore: Unsplash
Licenza: CCO Creative Commons

 

Articolo tratto da Piemonte che Cambia

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La “ciambella” di Amsterdam e il sesso fra panda – Io Non Mi Rassegno #114

|

[RI]Costruire l’Italia: associazioni e movimenti chiedono al Governo misure immediate e coraggiose

|

Clean Up Italia: la rete dei cittadini che ci liberano dai rifiuti abbandonati – Io faccio così #286

|

Suggerimenti per una corretta alimentazione ai tempi del coronavirus

|

Non dimentichiamoci di tutto il resto

|

Matrix è dentro di noi: al via la rubrica di Daniel Tarozzi!

|

Vivi Consapevole Live: 15 esperti per ripensare un nuovo mondo

|

Il valore educativo dei giardini scolastici

Copy link
Powered by Social Snap