16 Gen 2019

Da Torino a Milano, nel 2020 una pista ciclabile lungo lo storico canale Cavour

Scritto da: Lorena Di Maria

E’ in progetto la nuova ciclovia che a partire dal 2020 collegherà le città di Torino e Milano e che costeggerà lo storico Canale Cavour, in un viaggio alla riscoperta del territorio e delle sue ricchezze. L’opera è volta a favorire la promozione cicloturistica e la mobilità alternativa e sostenibile, ed è indirizzata a creare un sistema virtuoso per la valorizzazione del paesaggio attorno al canale.

Torino e Milano, due grandi capoluoghi collegati a breve da una nuova pista ciclabile. Non si tratta del solito progetto volto all’aumento del traffico, dell’asfalto, dell’inquinamento incontrollato, ma di un totale di 82 chilometri di pura natura, bellezze paesaggistiche e salute.
L’opera consiste in una pista ciclabile che collegherà Torino e Milano, un percorso di cicloturismo pensato per creare nuove connessioni tra le città, per vivere i territori da una prospettiva diversa e per incrementare la mobilità dolce e sostenibile.

 

La particolarità della nuova ciclovia è il fatto che verrà realizzata quasi interamente lungo il Canale Cavour, opera storica che a Chivasso trae origine direttamente dal Po e che rafforza il valore paesaggistico del territorio circostante, caratterizzato da vaste campagne, risaie e ampi panorami.

da-torino-a-milano-2020-pista-ciclabile-lungo-storico-canale-cavour

 

Il progetto potrà rappresenta una vera e propria risorsa turistica volta a favorire la riscoperta dei luoghi che contraddistinguono la Pianura Padana. Il canale, che nel 2016 ha compiuto 150 anni, è un’importante ricchezza storica e culturale, un elemento di continuità territoriale che ha da sempre rappresentato un riferimento per il sostentamento e l’agricoltura del luogo. 

 

Il percorso ciclabile, che parte da Chivasso, permetterà di vivere pienamente i paesaggi del vercellese, del basso novarese fino a giungere in Lombardia, innestandosi nella ciclabile esistente, che da Sesto Calende si congiunge alla città di Milano percorrendone i Navigli.

 

Il progetto è nel complesso promosso da Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino, Province di Vercelli e Novara, Ente Parco del Po e della Collina Torinese, Ente Parco del Ticino e Lago Maggiore, Associazione di Irrigazione Ovest Sesia, Associazione di Irrigazione Est Sesia e Coutenza Canali Cavour.

da-torino-a-milano-2020-pista-ciclabile-lungo-storico-canale-cavour-2

 

Il tracciato avrà un costo totale di 25 milioni di euro ed è attualmente curato dall’ingegner Luigi Spina, già noto per aver realizzato in passato numerose ciclabili nella provincia torinese e nel capoluogo.

 

L’opera si diversifica dal progetto del tracciato VenTo – Torino – Venezia, dorsale di cicloturismo ideata da un gruppo di ricercatori del Politecnico di Milano con l’obiettivo di collegare il capoluogo veneto con quello piemontese, attraverso un totale di 679 chilometri di pista ciclabile con una grande portata, capace di valorizzare il territorio e le sue risorse ambientali e paesaggistiche.

 

A differenza di quest’ultima, la futura ciclabile Torino-Milano permetterà di entrare direttamente nel capoluogo lombardo e rappresenta un imprescindibile punto di forza per i nostri territori, poiché capace di creare nuove sinergie, forme di promozione turistica, economie locali e soprattutto una riscoperta dei bellissimi territori che ci circondano.

 

Foto copertina
Didascalia: Pista Ciclabile
Autore: Unsplash
Licenza: CCO Creative Commons

 

Articolo tratto da Piemonte che Cambia

Torino - Vuoi cambiare la situazione
della mobilità in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Convertire le nostre auto in elettriche: cosa prevede il decreto retrofit

Con “biciXtutti” nuovi incentivi per la mobilità sostenibile nella provincia di Torino

TAV in Val di Susa, come prendere una decisione?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”