Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
29 Gen 2019

Sos Donna: nasce il portale contro le violenze di genere

Scritto da: Lorena Di Maria

Un progetto pilota nato ad Asti per informare e supportare donne vittime di violenza e in condizioni di fragilità. Si chiama “Sos Donna” e rappresenta il primo portale web sui percorsi attivi nella provincia dedicati all’aiuto e alla prevenzione di situazioni di criticità. Ideato dall’Associazione culturale Agar, il progetto vuole promuovere la creazione di una rete diffusa sul territorio che coinvolge istituzioni, scuole, associazioni, capaci insieme di collaborare e diffondere nuove sensibilità.

Sarà lanciato proprio l’otto marzo, in occasione della festa della donna, un nuovo portale web piemontese ideato per supportare le persone vittime di violenza, un’esperienza innovativa sul territorio che fa luce su un tema sempre più attuale e urgente.
Un portale sui percorsi attivi sul territorio per contrastare la violenza sulle donne: informare, prevenire e aiutare le vittime a non essere sole e a trovare un supporto immediato nel momento di necessità.

Si tratta di un progetto pilota che nasce ad Asti con la volontà di promuovere e rafforzare le reti presenti sul territorio, creando sinergie tra istituzioni, studenti e associazioni, capaci, insieme, di dare una maggior visibilità a questo tema.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

ATTIVATI

Elemento innovativo del progetto è l’impegno nel coinvolgere attivamente gli studenti di una scuola locale: un momento formativo, una grande opportunità di apprendimento che permetterà ai ragazzi del Liceo Scienze Umane dell’Istituto statale “A. Monti” di confrontarsi, attraverso le attività di alternanza scuola-lavoro, con gli operatori e le vittime.

“Grazie alla collaborazione di tante associazioni attive sul territorio e le forze dell’ordine, i ragazzi avranno l’opportunità di vivere un momento altamente formativo e di aiutare attivamente donne e bambini che vivono situazioni difficili o pericolose”.

I ragazzi, nello specifico, si occuperanno di effettuare servizi e incontri sul territorio, oltre che elaborare riflessioni, commenti ed osservazioni che arricchiranno il portale.

Il progetto, ideato dall’Associazione culturale Agar, è sostenuto dal Consiglio regionale del Piemonte, dall’Assessorato regionale alle Pari Opportunità, da Anci Piemonte, Asl AT, Cisa – Asti Sud, Cogesa e Israt.

“Pur offrendo risposte tempestive e di qualità alle urgenze e ai bisogni delle donne, i servizi hanno necessità di essere più conosciuti, maggiormente percepiti come vicini alle vittime di violenza e soprattutto essere immediatamente contattabili telefonicamente in caso di urgenza e di richiesta di informazioni. Anche una buona comunicazione infatti, può essere determinante per chi ha bisogno di aiuto o è in procinto di compiere una scelta” racconta Angela Motta, vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte.

#IoNonMiRassegno 23/1/2020

|

Foodbusters: acchiappacibo in azione per salvare gli avanzi degli eventi

|

Così le compagnie fossili denunciano gli Stati per bloccare la transizione ecologica

|

Vazapp, l’hub che insegna ai contadini a coltivare… le relazioni! – Io faccio così #276

|

Un chilometro al giorno: la passeggiata che diventa lezione nelle scuole

|

Costituita a Roma la RIES, Rete Italiana per l’Economia Solidale

|

Blocco del traffico contro lo smog? Servono misure a lungo termine

|

Alessia d’Epiro: “Aiuto le donne a diventare imprenditrici… e ad essere felici!”

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.