Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
12 Feb 2019

Le “giacche della solidarietà”, per donare un cappotto a chi ne ha bisogno

Scritto da: Lorena Di Maria

Sono giacche e cappotti usati, indumenti pesanti che vengono messi a disposizione dai cittadini a coloro che si trovano in situazione di difficoltà, per proteggersi dai freddi mesi invernali. Il “riciclo della solidarietà” è l’iniziativa che ha recentemente preso avvio nel Comune di Giaveno, dove si è dato vita ad un’azione collettiva e partecipata che coinvolge tutti gli abitanti.

Prendi una giacca se hai freddo, lascia una giacca se non ti serve più” è il motto che nella città di Giaveno ha dato vita ad una bellissima iniziativa che coinvolge i cittadini e che rappresenta un esempio virtuoso che stimola alla solidarietà e al senso di comunità.

 

Lo chiamano per l’appunto “Il riciclo della solidarietà” e consiste nel donare e mettere a disposizione di chi ne ha bisogno giacche, cappotti e abiti pesanti che chiunque può prendere nel momento di necessità.
Un gesto di umanità e di pura bellezza che vede allo stesso tempo tutti protagonisti e tutti vincitori.

 

Quante volte troviamo il nostro armadio di casa colmo di indumenti accumulati e ancora in buono stato che potrebbero fare la felicità di chi vive nel bisogno, non molto lontano da noi? 

 

Che senso di gratificazione proviamo quando compiamo un piccolo gesto di generosità ed altruismo nei confronti di un amico o di uno sconosciuto?

le-giacche-della-solidarieta-per-donare-cappotto-chi-ne-ha-bisogno

L’idea alla base dell’iniziativa è di Marta Bertola del Cafè delle Arti che, in collaborazione con l’Assessorato all’Ecologia del Comune di Giaveno e l’Ufficio Turistico, ha dato avvio alla proposta che dà nuova vita alle giacche e ai cappotti usati, con grande entusiasmo e partecipazione di tutti i soggetti coinvolti.

 

Punto di consegna degli indumenti destinati alla donazione è l’Ufficio Turistico del Comune, che, aperto tutti i giorni della settimana, sarà a disposizione di tutti gli abitanti.
L’obiettivo è garantire un ricambio costante di indumenti, attraverso un esperimento positivo capace di creare maggiori sensibilità sul tema della povertà e dell’uguaglianza e stimolando nuovi legami che favoriscono forme di partecipazione attiva.

 

In Svezia ed in particolare nella città di Uppsala, quest’iniziativa prende nome di “The wall of kindness”, il muro della gentilezza che viene allestito nel periodo invernale con abiti donati da coloro che non li usano più e destinati a chi ne ha bisogno. Ancor prima, l’esperimento ha avuto luogo nella città di Mashhad in Iran, dove è bastato un muro, dei ganci ed una scritta che invitava gli abitanti donare un proprio abito, a generare un effetto di grande risonanza tra la popolazione del luogo.

le-giacche-della-solidarieta-per-donare-cappotto-chi-ne-ha-bisogno-2

 

L’iniziativa rappresenta nel complesso un esempio di condivisione e collaborazione reciproca che sta prendendo piede in sempre più città e capace di indirizzare verso una maggiore attenzione e sensibilità alla condivisione, stimolando piccole pratiche di inclusione sociale ed un maggior senso di gratitudine e riconoscenza verso il prossimo.

le-giacche-della-solidarieta-per-donare-cappotto-chi-ne-ha-bisogno-3

 

Sarà possibile consegnare i capi tutti i giorni dalle ore 15,30 alle ore 18,30 nell’apposito locale messo a disposizione dall’Ufficio Turistico di Giaveno.

 

 

Foto copertina
Didascalia: Donazione abiti usati
Autore: Pixabay
Licenza: CCO Creative Commons

 

Articolo tratto da Piemonte che Cambia

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Si fa presto a dire “buone vacanze”! – Io Non Mi Rassegno #197

|

La parola “bellezza” è la sintesi perfetta del viaggio nella Sicilia che Cambia

|

Quo Vado? Un percorso per giovani alla ricerca della propria rotta nel mondo

|

“I parchi naturali possono salvarci dalla crisi ecologica ed economica”

|

L’ecovillaggio Torri Superiore, il cantiere del vivere sostenibile che ha fatto la storia – Io faccio così #295

|

Elena e Sara: la rivoluzione degli abiti usati per “riformare” il sistema moda

|

Il cammino delle panchine invita le persone a sostare su ciò che è importante

|

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti