18 Mar 2019

Pellerei: l’Azienda Agricola che coltiva l’energia

Scritto da: Luca Deias

La storia dell’Azienda Pellerei coincide con quella di una storica famiglia agricola biellese che da sempre si considera attenta e rispettosa dell’ambiente. Il suo progetto ambizioso è "Pellerei Energia", una nuova tipologia di impresa 100% sostenibile che reinterpreta il ciclo della biomassa legnosa ed esalta il legno come fonte di energia rinnovabile.

L’Azienda Agricola Pellerei è ubicata a Cossato (BI), in frazione Spolina ed è una realtà a conduzione famigliare attiva da moltissimi anni, nota per la produzione di ortaggi freschi e naturali.

“Già i nostri bisnonni – ci racconta Simona Pellerei – si occupavano di questo settore. Inizialmente si sono concentrati sul bestiame, poi sulla legna, sui cerali e sul mais”. Un lavoro che ha radici profonde, quindi, ma che ha avuto una svolta 3 anni fa.
“Nel 2016 – continua Simona – è partito un nuovo progetto incentrato sulla nostra serra: quest’ultima viene alimentata grazie a un’apposita centrale nella quale si fa uso del cippato, un legno vergine triturato e messo a bruciare per produrre energia elettrica proprio per la serra”.

pellerei azienda agricola coltiva energia 1552904808

Passando alle specialità prodotte, quali verdure si possono acquistare dall’azienda? “Abbiamo grande varietà di verdura – risponde Simona – come i pomodori, i peperoni, le melanzane, le coste, le erbette, gli spinaci, i porri, la rucola, i ravanelli e molto altro ancora”.

Quantità, ma soprattutto qualità: tutto viene coltivato in maniera naturale e lo testimonia il percorso che la realtà cossatese sta seguendo per diventare bio: “Il nostro obiettivo è arrivare al biologico, attualmente siamo in una fase di conversione. Per ottenere la certificazione, infatti, devono passare alcuni anni. Noi, però operiamo già in maniera sostenibile.
Alcuni esempi? Invece dei pesticidi usiamo prodotti a base di alghe e di fiori o, in alternativa, usiamo il metodo della ‘lotta integrata con insetti antagonisti’. Invece di usare sostanze chimiche, sono proprio gli insetti a mangiare gli animaletti che altrimenti danneggerebbero la verdura”.

pellerei azienda agricola coltiva energia 1552904860

L’azienda agricola Pellerei, nel tempo, ha anche sviluppato una rete virtuosa tra realtà sostenibili: “Vista la grande richiesta della nostra clientela, abbiamo cercato di arricchire il nostro parco prodotti. Così, in seguito a una collaborazione, vendiamo anche le uova dell’Azienda Agricola Tibaldi di Candelo (BI) e il riso della Cascina Angiolina di Buronzo (biologico dall’ottobre del 2018).
Da noi, inoltre, è possibile acquistare l’olio extravergine di oliva e gli agrumi dell’azienda agricola Vitale Mario della Basilicata”.

È possibile trovare tutte queste eccellenze, come anticipato, al Mercatino di Let Eat Bi e nello spaccio dell’attività: “Ringrazio Armona Pistoletto – conclude – per averci contattato e dato la possibilità di essere presenti al punto vendita di Cittadellarte, anche perché siamo assolutamente in linea con i principi di Let Eat Bi.

pellerei azienda agricola coltiva energia 1552904727

A questo proposito, sottolineo che tutti i prodotti che proponiamo alla clientela sono naturali, ma è importante fare una distinzione con i supermarket: da noi, così come in altre realtà del territorio, non si trova la varietà che potrebbe esserci nella grande distribuzione, ma la stagionalità e la freschezza non mancano mai”.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

A Gaza è di nuovo guerra, ma diversa – Io Non Mi Rassegno #368

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile

|

La storia di Simone: “Sono tornato in Sardegna per diffondere la cultura dello sport”

|

Un albero mi ha chiesto di danzare: la storia di due artiste che imparano dalla foresta

|

“Ci siamo trasferiti nel piccolo borgo di Velva e ora la nostra vita ha ritmi più lenti”

|

Mediazione tra pari: ecco la scuola dove i bambini fanno pace senza adulti

|

Parte Sicilia Che Cambia! Volete salire a bordo?

|

Fabrizio Cotza: un cambiamento culturale per non essere più schiavi del lavoro – Meme #36