Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
19 Apr 2019

Addio alla plastica: Giaveno diventa Comune Plastic Free

Scritto da: Lorena Di Maria

Eliminare progressivamente la plastica monouso: è l’obiettivo di Giaveno, che si impegna a diventare Comune plastic-free. Dalle piccole azioni quotidiane alla trasmissione di nuove abitudini all’intera cittadinanza, il Comune vuole coinvolgere tutte le persone e le realtà presenti sul territorio in un cambiamento collettivo fatto di iniziative e buone pratiche che limitino l’utilizzo della plastica puntando su un sempre maggior riuso e riciclo.

Giaveno è una delle prime città piemontesi a eliminare la plastica: sono cittadini, scuole, associazioni ed un’amministrazione che si sono uniti per iniziare una lotta agli sprechi e l’eliminazione dell’uso della plastica e dei prodotti monouso. Una scommessa che ci parla di sostenibilità, seguendo l’esempio dei molti comuni italiani che proprio in questi mesi hanno intrapreso un progressivo percorso all’insegna della lotta per l’ambiente.

Si tratta di un impegno avviato con la precedente campagna “cannuccia-free”, pensata, come punto di partenza, per coinvolgere gli esercizi di ristorazione presenti sul territorio e invitandoli a sostituire l’utilizzo della cannuccia con prodotti naturali o biodegradabili. L’iniziativa nasce per dare vita ad una prima buona pratica collettiva improntata a sostituire le abitudini e i comportamenti quotidiani con azioni più sostenibili e consapevoli.

Con l’ordine del giorno approvato all’unanimità dall’Amministrazione e dal sindaco Carlo Giacone, il Comune si impegna in diverse azioni sul territorio, a partire dall’abolizione progressiva della plastica monouso e della vendita di acqua in bottiglia, favorendo, in collaborazione con Smat, l’installazione di erogatori di acqua potabile presso gli edifici scolastici e le sedi municipali.

Si prevede una maggiore sensibilizzazione degli esercizi commerciali e dei ristoratori che stimoli momenti di incontro, confronto e discussione fra tali soggetti, affinchè non utilizzino prodotti monouso quali stoviglie, contenitori e sacchetti nelle loro attività e si facciano promotori di un sempre più intenso utilizzo di materiali sostenibili presso i loro clienti.

La lotta alla plastica coinvolgerà anche eventi, fiere, feste e manifestazioni prevedendone la realizzazione solamente nel caso in cui si dimostrino “plastic free”. Inoltre si garantiscono forme di incentivazione quali la riduzione delle tasse sui rifiuti per gli esercizi commerciali che si impegnano a ridurne o eliminarne l’utilizzo.

Saranno molti i progetti a cui il Comune darà attuazione, tra cui un diverso utilizzo dei distributori nelle scuole o negli uffici dove si sostituiranno le plastiche con prodotti naturali o la creazione e la diffusione di campagne di sensibilizzazione sul tema rifiuti, così come il coinvolgimento della cittadinanza tramite incontri pubblici.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap