19 Apr 2019

Addio alla plastica: Giaveno diventa Comune Plastic Free

Scritto da: Lorena Di Maria

Eliminare progressivamente la plastica monouso: è l’obiettivo di Giaveno, che si impegna a diventare Comune plastic-free. Dalle piccole azioni quotidiane alla trasmissione di nuove abitudini all’intera cittadinanza, il Comune vuole coinvolgere tutte le persone e le realtà presenti sul territorio in un cambiamento collettivo fatto di iniziative e buone pratiche che limitino l’utilizzo della plastica puntando su un sempre maggior riuso e riciclo.

Giaveno è una delle prime città piemontesi a eliminare la plastica: sono cittadini, scuole, associazioni ed un’amministrazione che si sono uniti per iniziare una lotta agli sprechi e l’eliminazione dell’uso della plastica e dei prodotti monouso. Una scommessa che ci parla di sostenibilità, seguendo l’esempio dei molti comuni italiani che proprio in questi mesi hanno intrapreso un progressivo percorso all’insegna della lotta per l’ambiente.

Si tratta di un impegno avviato con la precedente campagna “cannuccia-free”, pensata, come punto di partenza, per coinvolgere gli esercizi di ristorazione presenti sul territorio e invitandoli a sostituire l’utilizzo della cannuccia con prodotti naturali o biodegradabili. L’iniziativa nasce per dare vita ad una prima buona pratica collettiva improntata a sostituire le abitudini e i comportamenti quotidiani con azioni più sostenibili e consapevoli.

addio plastica giaveno diventa comune plastic free 1555666542

Con l’ordine del giorno approvato all’unanimità dall’Amministrazione e dal sindaco Carlo Giacone, il Comune si impegna in diverse azioni sul territorio, a partire dall’abolizione progressiva della plastica monouso e della vendita di acqua in bottiglia, favorendo, in collaborazione con Smat, l’installazione di erogatori di acqua potabile presso gli edifici scolastici e le sedi municipali.

Si prevede una maggiore sensibilizzazione degli esercizi commerciali e dei ristoratori che stimoli momenti di incontro, confronto e discussione fra tali soggetti, affinchè non utilizzino prodotti monouso quali stoviglie, contenitori e sacchetti nelle loro attività e si facciano promotori di un sempre più intenso utilizzo di materiali sostenibili presso i loro clienti.

La lotta alla plastica coinvolgerà anche eventi, fiere, feste e manifestazioni prevedendone la realizzazione solamente nel caso in cui si dimostrino “plastic free”. Inoltre si garantiscono forme di incentivazione quali la riduzione delle tasse sui rifiuti per gli esercizi commerciali che si impegnano a ridurne o eliminarne l’utilizzo.

addio plastica giaveno diventa comune plastic free 1555666575

Saranno molti i progetti a cui il Comune darà attuazione, tra cui un diverso utilizzo dei distributori nelle scuole o negli uffici dove si sostituiranno le plastiche con prodotti naturali o la creazione e la diffusione di campagne di sensibilizzazione sul tema rifiuti, così come il coinvolgimento della cittadinanza tramite incontri pubblici.

Torino - Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
SPrugolosa: le arance degli alberi cittadini diventano marmellata solidale!
SPrugolosa: le arance degli alberi cittadini diventano marmellata solidale!

Un libro in cambio di un rifiuto: l’iniziativa delle “Biblioteche tra le Nuvole” nell’Alta Val di Susa

Festasaggia 2018: il 3 marzo primo incontro a Corezzo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti