21 Mag 2019

Campi estivi per i bambini terremotati del centro Italia

Tra le iniziative portate avanti dal basso per la rinascita delle comunità terremotate, è stata lanciata una campagna di crowdfunding per reperire i fondi necessari ad organizzare anche quest’anno i campi estivi per i bambini di Sellano, comune della provincia di Perugia duramente colpito dal sisma che nel 2016 ha devastato il centro Italia.

Perugia, Umbria - Mentre tutto è fermo per quanto riguarda le amministrazioni pubbliche e i governi centrali, sono molte le persone che dopo il sisma del 2016 si sono attivate dal basso per ricreare la comunità e per una ricostruzione che sia davvero diversa, ecosostenibile, salubre e rispettosa dell’uomo. A raccontarci, ormai da anni, cosa succede nell’Umbria post-terremoto è Roberto Battista, Agente del Cambiamento dell’Umbria e collaboratore di Italia che Cambia, che tra i primi si è attivato per la rinascita – sociale, economica, culturale, edilizia – delle zone devastate dal sisma.

 

In questi anni Roberto è stato uno dei principali promotori, tra le altre cose, di un laboratorio permanente per l’architettura sostenibile, di un’associazione culturale e di uno spazio ricreativo dove i bambini e ragazzi di Sellano e delle frazioni vicine possono ritrovarsi per stare insieme in serenità, giocare, suonare, condividere, imparare cose nuove, grazie all’aiuto volontario e gratuito di molte persone, accorse da tutta Italia per donare tempo, esperienza e cuore.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

 

“I nostri bambini – si legge sulla pagina Facebook dell’associazione Lumi – stanno diventando una vera micro-società che promette bene per il futuro”. A due anni di distanza la ludoteca “Villamagica”, nell’area casette di legno di Villamagina, funziona e offre corsi e attività, e a luglio organizza quattro settimane di musica, arte, gioco, teatro, ecologia e creatività.

 

“Il luogo – racconta Roberto – è divenuto un punto di riferimento riconosciuto da tutti, dove i bambini si sentono sicuri e coltivano i semi di una comunità in divenire. Prima del terremoto la maggioranza dei bambini e ragazzi dopo la scuola tornava alle loro case, sparse su di un territorio vasto, e con poche possibilità e ragioni di incontrarsi, dall’apertura della ludoteca questi bambini hanno cominciato a formare una loro comunità che nel tempo si è sviluppata con effetti positivi e che speriamo siano il seme per una miglior coesione sociale”.

37691209_2177655855582599_3526953248562872320_n

“Passata l’emergenza – continua Roberto – abbiamo continuato ad organizzare eventi e laboratori e nel luglio del 2017 abbiamo organizzato quattro settimane di campi estivi, ricchi di attività artistiche, culturali e naturalistiche. Nel 2018 abbiamo ripetuto l’esperienza con gran gioia di tutti. I soci di Lumi offrono il loro lavoro gratuitamente e il comune offre gli spazi e il trasporto dei bambini, ma le quattro settimane di attività costano circa 8000 €, principalmente per i compensi degli operatori esterni all’associazione, i materiali e i pasti per i bambini, mediamente 20 dai 3 ai 13 anni, che partecipano alle attività quotidiane”.

 

Per questo è stata lanciata una campagna di crowdfunding. “Nei primi due anni – spiega Roberto – siamo riusciti a coprire i costi grazie alle donazioni ricevute dopo il terremoto, che però ora sono esaurite. Quest’anno vogliamo riproporre i campi estivi, che sono diventati una parte integrante della vita sociale dei giovani, ma ci occorrono almeno 5000 € per riuscirci, quindi abbiamo deciso di tentare la strada del crowdfunding per raggiungere il nostro obiettivo e non deludere i bambini che aspettano con ansia i campi estivi del 2019”.

 

 

 

Articoli simili
Terra Terra: due giovani a piedi lungo gli Appennini per riscoprire la vita nelle terre alte
Terra Terra: due giovani a piedi lungo gli Appennini per riscoprire la vita nelle terre alte

Smart Walking: vivere in cammino e lavorare quando e dove si fermano i piedi
Smart Walking: vivere in cammino e lavorare quando e dove si fermano i piedi

Autosufficienza Live: costruiamo insieme un nuovo mondo a contatto con la Natura
Autosufficienza Live: costruiamo insieme un nuovo mondo a contatto con la Natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La nuova Costituzione “dal basso” cilena è pronta! – #552

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne

|

Sikanamente, il gruppo di ragazzi che sono tornati nel borgo d’origine per farlo rivivere

|

Stop alle armi nucleari: Etica Sgr lancia un manifesto per proporre il disinvestimento finanziario

|

“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica

|

Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo

|

Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità