Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
28 Mag 2019

“Epiderma”, come nutrirsi attraverso la pelle

Scritto da: Luca Deias

È possibile nutrirsi attraverso la pelle? La pelle è un canale di assorbimento che può risultare inconsueto, ma che risulta sorprendentemente efficace per sperimentare l’interconnessione e la compenetrazione tra il corpo umano e l’ambiente. Con Epiderma gli organizzatori intendono coinvolgere il pubblico in una giornata dedicata alla ricerca e raccolta di erbe spontanee utilizzabili a contatto con l’epidermide. Domenica 9 giugno, a Biella.

L’iniziativa, a partecipazione gratuita, è organizzata da Let Eat Bi nell’ambito del programma dell’Accademia Verde, un ciclo di appuntamenti volti a incentivare la tradizione enogastronomica locale e la condivisione dei saperi. Questo incontro, curato da Andrea Caretto e Raffaella Spagna, vedrà anche la partecipazione del dottore forestale Fabio Porta. Per il duo di artisti non si tratta di un appuntamento inedito, ma di una nuova tappa di un lungo percorso di ricerca e sperimentazione avviato dal 2002 con il progetto Esculenta – azione collettiva di raccolta e consumo alimentare di materiali naturali – che indagava l’impulso ancestrale a raccogliere ciò che si trova in natura allo stato spontaneo per nutrirsene e sostenere la propria esistenza. Se l’alimentazione può essere considerata il momento più radicale dell’incontro interspecifico, nel quale forme diverse di esistenza si compenetrano e si incarnano facendosi una corpo dell’altra, con Epiderma gli artisti estendono questa indagine sperimentando la pelle come canale altro attraverso il quale nutrirsi.

Ai nostri microfoni gli artisti hanno svelato i contenuti dell’evento: “La pelle è l’organo del corpo più esteso e ha un ruolo centrale in questa ricerca; essa è una membrana che delimita e protegge il corpo, ma, allo stesso tempo, lo mette in connessione con l’ambiente. Il lavoro si articola sullo scambio di sostanze tra l’ambiente (e in particolare tra i vegetali) e il corpo umano attraverso la pelle, nell’idea che la nostra identità non si formi solo in relazione all’umano, ma anche in relazione al mondo vegetale e minerale. Epiderma è un invito ad aprirsi verso l’altro vegetale. Un prato, ad esempio, non è un’entità omogenea, ma è una comunità di organismi di molte specie diverse, ognuna delle quali ha un proprio nome e un’individualità e si pone davanti a noi interrogandoci”.

Epiderma attinge alle conoscenze sulle erbe acquisite attraverso il progetto Esculenta, ma estende il campo di indagine a tutte quelle specie che, secondo la tradizione erboristica, possono essere utilizzate a diretto contatto con la pelle. “Nel tempo – affermano gli artisti – abbiamo condotto varie azioni, spesso collettive, in ambienti diversi (come incolti, prati, boschi e sottoboschi), nei quali abbiamo raccolto una grande quantità di erbe adatte all’uso esterno sulla pelle. Quanto raccolto viene in seguito sperimentato dai partecipanti a diretto contatto con la pelle attraverso tecniche diverse: impacchi, impiastri, maniluvi e pediluvi, ecc.”.

In vista della realizzazione dell’installazione permanente Epiderma_bipediluvium, che Caretto-Spagna realizzeranno nella sede di Cittadellarte nell’autunno 2019 nell’ambito del progetto ‘Terme Culturali’, gli artisti intendono formare un gruppo di persone interessate che seguano il progetto nel suo divenire, partecipando alle raccolte collettive, accumulando conoscenze, materie prime vegetali e soprattutto esperienze in relazione all’uso delle erbe per uso esterno. “Se nella fase ‘sul campo’ il riconoscimento delle piante avviene sul piano scientifico del linguaggio, della determinazione scientifica, nominazione, ecc., nella successiva fase di sperimentazione la conoscenza con l’altro vegetale avviene a livello tattile, in una dimensione esterna al linguaggio. Attraverso la stimolazione del tatto – argomentano – le esperienze, le emozioni, le sensazioni viaggiano a un livello diverso, pre-intellettuale e pre-culturale. Ognuno di noi fa parte di due mondi paralleli: quello costituito dalla nostra comunicazione interna e quello costituito dalla nostra comunicazione esterna. Questi due mondi sono collegati attraverso la pelle. La pelle rappresenta, scientificamente, la memoria tattile-emotiva che non è inclusa nel linguaggio verbale ed esiste ben prima della nostra capacità di razionalizzazione”.

In relazione a queste tematiche, l’incontro organizzato da Let Eat Bi prenderà il via con la raccolta e la determinazione delle erbe. I due artisti, con l’apporto scientifico di Fabio Porta, condurranno i partecipanti in ambienti di diverso tipo (prati, boschi, ecc.) nei pressi di Cittadellarte – dove è fissato il ritrovo – alla ricerca di erbe adatte all’uso esterno sulla pelle. Una parte del raccolto verrà utilizzato a fine giornata per un pediluvio collettivo, mentre le erbe rimanenti saranno messe ad essiccare per costituire il primo stock di materiale da utilizzarsi a partire dall’autunno 2019 nell’installazione permanente Epiderma_bipediluvium.
Pronti per questo contatto immersivo con la natura?

L’evento si terrà il 9 giugno dalle 10 alle 17; il ritrovo è fissato al parcheggio di Cittadellarte.
Per prendere parte all’appuntamento è necessario prenotarsi scrivendo una mail a leteatbi@cittadellarte.it o scrivendo un messaggio al numero 348.2106708 entro venerdì 7 giugno.
La partecipazione alla giornata è gratuita.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap