Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
11 Lug 2019

L’Azienda Agricola Emanuele Bono: prodotti naturali dal cuore della terra

Scritto da: Luca Deias

L’Azienda Agricola Emanuele Bono si trova a Cigliano, nel Vercellese, ed è il risultato di un passaggio generazionale che vede protagonisti i prodotti di stagione a km 0. Sara Pisterzi moglie del titolare dell’azienda agricola di Cigliano, mette in luce le peculiarità dei prodotti in vendita, tra ortaggi e piccoli frutti.

L’Azienda Agricola Emanuele Bono, aperta tre anni fa, si trova in frazione Petiva a Cigliano e fa dei prodotti stagionali e bio la propria eccellenza. Sara Pisterzi, moglie del titolare, ci ha illustrato l’azienda e il suo modus operandi: “Abbiamo iniziato a lavorare con piccoli campi, ma nel tempo ci siamo ingranditi anche con un appezzamento vicino a casa e abbiamo messo le serre. Fin dalla nostra apertura – spiega – abbiamo scelto di coltivare piccoli frutti e verdura di stagione senza pesticidi e con metodi naturali. Non solo: per innaffiare gli ortaggi usiamo l’acqua del nostro pozzo”.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

Come anticipato, gli agricoltori operano per offrire prodotti d’eccellenza a tutti i clienti: “Già dal 2017 – continua – lavoriamo col biologico e abbiamo cominciato l’iter per ottenerne la certificazione, che arriverà a inizio 2020. La nostra non è una scelta casuale: io e mio marito ci siamo sempre nutriti con prodotti sani e stagionali, ancor prima di avviare l’attività.
Con l’apertura dell’azienda agricola abbiamo seguito i nostri valori”. Un percorso che non si contraddistingue solo per la messa in pratica di uno stile di vita sostenibile con l’alimentazione, ma anche per un passaggio generazionale: i nonni di Emanuele Bono erano agricoltori ed è da loro che il titolare ha ereditato i terreni e la passione per questa professione.

Quali sono le specialità biologiche coltivate e vendute? In estate si possono acquistare fragole e mirtilli (entrambi il fiore all’occhiello dell’azienda agricola), zucchini, melanzane, pomodori, patate, cetrioli, cipolle, peperoni, meloni e angurie; in inverno, invece, zucche, porri, radicchi, varie tipologie di cavoli, cavolfiori e broccoli. Non mancano, inoltre, i prodotti trasformati, come marmellate, succhi di frutta, conserve di pomodoro e verdure sottolio e sottaceto.

Tutto questo si può acquistare a Cigliano o tutti i mercoledì al mercatino di Cittadellarte, con il quale l’azienda agricola condivide le linee guida: “Abbiamo scelto di vendere al punto vendita di Let Eat Bi – argomenta la moglie del titolare – perché questa associazione incarna i nostri valori, soprattutto in riferimento alla politica del ‘km0’, dei prodotti stagionali e delle piccole realtà locali. Per noi, inoltre, al mercatino così come nella nostra azienda, è fondamentale il rapporto con i clienti”.

In quest’ottica, l’azienda agricola organizza una open day annuale che si tiene solitamente a maggio. Nell’edizione dell’open day di quest’anno, il rapporto tra l’attività di Emanuele Bono e i partner Let Eat Bi ha portato nuovi frutti: ha preso parte all’iniziativa anche l’azienda agricola La Crava Cuntenta, che ha portato lo yogurt di capra, poi offerto insieme alle fragole dell’attività di Cigliano: “È un momento di festa – conclude Sara in riferimento all’open day – dove mostriamo ai partecipanti la nostra realtà e come lavoriamo. La finalità della giornata non è vendere, ma farci conoscere e mantenere un rapporto tra cliente e produttore”.

#IoNonMiRassegno speciale Natale

|

COP25: i genitori di tutto il mondo lanciano un appello urgente

|

GEN Ucraina, una rete di ecovillaggi per uscire dall’isolamento

|

Tibet Festival: al via un lungo viaggio sul tetto del mondo

|

“Mamme imprenditrici, voglio raccontare le vostre storie!”

|

Circolo Wood: il ristorante solidale che crea comunità – Io faccio così #271

|

COP25: tra la “capitolazione” e la “speranza” vinca l’azione

|

IT.A.CÀ, il primo Festival itinerante di Turismo Responsabile racconta l’Italia del futuro