5 Ago 2019

L’aeroporto di San Francisco bandisce la plastica monouso

Scritto da: Redazione

A partire dal 20 agosto nello scalo americano sarà vietata la vendita di acqua in bottiglia. Il provvedimento si inserisce in una serie di azioni che punta a eliminare i rifiuti conferiti in discarica entro il 2021.

I giorni in cui si compra acqua in bottigliette di plastica per idratarsi durante i voli finiranno presto per i passeggeri in partenza dall’aeroporto internazionale di San Francisco.

 

L’aeroporto, che aveva già ridotto la distribuzione di cannucce in plastica monouso a luglio, quando era entrata in vigore la relativa ordinanza, adesso sta eliminando tutti i chioschi, i ristoranti e i distributori automatici che vendono acqua in bottiglie di plastica. A partire dal 20 agosto sarà consentito vendere acqua solo in bicchieri di vetro, alluminio riciclato o materiali compostabili certificati.

san franciscoSecondo dei dati raccolti dell’amministrazione dell’aeroporto, ciascun passeggero produce mediamente 2200 grammi di rifiuti. Per ridurre questo quantiativo, lo scalo californiano ha già limitato l’utilizzo di dispositivi usa e getta come salviette, bicchierini da caffè e bacchette. Oltre alla plastica, l’aeroporto di San Francisco bandirà anche oggetti di dubbia sostenibilità ambientale. Adesso le bottiglie con etichette che riportano messaggi come “eco-friendly” o “di origine naturale” dovranno essere approvate dal Biodegradable Plastics Institute (BPI).

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

 

Ancor prima che venisse adottato questo provvedimento, l’aeroporto aveva installato un centinaio di punti di distribuzione di acqua potabile e chiesto ai ristoranti di fornire bustine con condimenti monouso solamente nel caso in cui il cliente lo avesse richiesto espressamente e non a ogni ordine.

 

“Abbiamo atteso sinora perché fino a pochi anni fa non esistevano alternative all’acqua in bottiglia”, ha dichiarato l’addetto stampa Doug Yakel in un’intervista. La nuova politica dell’aeroporto americano si inserisce in una presa di coscienza diffusa in merito ai limiti dei sistemi di riciclaggio.

 

A giugno scorso un’inchiesta condotta dal Guardian aveva rivelato che solo il 9% della plastica che gli americani conferiscono agli impianti viene effettivamente riciclata. Questo perché essi non accettano plastica non lavata né bottiglie con il tappo. La maggior parte della plastica economica utilizzata per le bottigliette d’acqua o i cartoni del latte finisce in discarica o in inceneritore oppure viene spedita in altri paesi per essere trattata.

 

Questa pratica ha creato un mercato internazionale in cui le nazioni occidentali mandano la plastica non riciclabile in paesi poveri come Vietnam o Laos. Molti di essi tuttavia stanno cominciando a rifiutare il ruolo di bidone della spazzatura della parte ricca del mondo. Ora che è stata avviata una discussione globale sulla riduzione degli impianti di riciclaggio, anche l’aeroporto di San Francisco spera che la propria politica possa incoraggiare le grandi aziende a eliminare gli imballaggi in plastica.

 

“Speriamo che, se la richiesta ai produttori diminuisce, aumenti l’utilizzo di acqua del rubinetto e imbottigliata con materiali sostenibili. Ci piacerebbe che questo sia un monito per tutta l’industria”.

 

Clicca qui per l’originale.

 

Articoli simili
Franco Borgogno: l’unica risposta possibile al problema dei rifiuti è la consapevolezza
Franco Borgogno: l’unica risposta possibile al problema dei rifiuti è la consapevolezza

Rifiuti-amo-ci, il gruppo di volontari che ripulisce le spiagge
Rifiuti-amo-ci, il gruppo di volontari che ripulisce le spiagge

La storia di Sara, che ha mollato tutto per andare a ripulire dalla plastica il Mar dei Caraibi
La storia di Sara, che ha mollato tutto per andare a ripulire dalla plastica il Mar dei Caraibi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi