12 Set 2019

Inaugura la Libera Università del Bosco!

Sabato 21 settembre si terrà la festa inaugurale del progetto della Libera Università del Bosco, lanciato dalla Cooperativa Sociale Liberi Sogni Onlus. Incontri, presentazioni dell'offerta formativa e tante attività in natura costituiscono il ricco programma della giornata.

Il 21 settembre si terrà la festa di inaugurazione della Libera Università del Bosco del Monte di Brianza, un progetto educativo fondato sull’esperienza diretta in natura, un’università unica nel suo genere, profondamente inserita nel tessuto sociale del territorio, capace di connettere le diverse generazioni, vivendo il bosco come una palestra di esperienze e di apprendimento.

libera università del bosco 3In occasione della giornata verrà lanciato il piano di offerta formativa della LUB: percorsi esperienziali, laboratori manuali, percorsi artistici, itinerari di riscoperta del bosco progettati insieme ad una ventina di docenti, esperti e assidui frequentatori del bosco. Durante l’evento si aprirà un confronto sul tema “Giovani, ambiente naturale e green jobs” durante il quale interverranno Stefano Laffi, ricercatore sociale esperto nel coinvolgimento dei giovani, e Marcella Danon, giornalista ed ecopsicologa.

 

Durante la giornata si svolgeranno molte attività che prevedono un’immersione totale nella natura, come l’escursione guidata alla scoperta del nuovo Itinerario del Castagno e delle opere di land art. Sarà un percorso volto a riscoprire la cultura legata a una pianta che fu un tempo regina di queste terre. Tra radure e cascine si potrà dialogare con la storia e con le voci di chi ha vissuto l’ultimo periodo della Brianza contadina. Si camminerà riscoprendo saperi, mestieri e architettura. Lungo il tragitto sarà possibile ammirare le opere di land art realizzate quest’estate da alcuni artisti con i materiali del bosco. Si raccomanda abbigliamento comodo e scarpe adatte. Il percorso è facile e adatto a tutti, grandi e piccoli.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

 

La Libera Università del Bosco è un progetto della Cooperativa Sociale Liberi Sogni Onlus, realtà che mira a inventare occasioni e strumenti per favorire armonia con la natura. Per farlo usa la sua grande esperienza aiutata dalle competenze di operatori che collaborano con la cooperativa. È un percorso che non si ferma ai tanti campi estivi, giornate ecologiche, escursioni e laboratori che organizziamo ma rappresenta un valore che guida le scelte quotidiane, la comunicazione, le relazioni, i progetti e gli spazi che la cooperativa gestisce. L’idea è di agire come uno scultore che crea non aggiungendo ma togliendo il superfluo per arrivare all’essenza. La natura stessa è una fonte d’ispirazione per tutti noi e imparare a conoscerla aiuta a farci star bene.

libera università del bosco 2

«In un epoca che sembra propendere sempre di più verso la modernità urbanizzata, la tecnologia e la rapidità – ha detto Marcella Danon – tornare nei boschi, nei piccoli paesi e ridare un senso a stili e ritmi di vita dimenticati può sembrare folle ma la visione di cui ci facciamo portavoce è quella che trae ispirazione dagli insegnamenti stessi della natura, che ha grande esperienza nel sopravvivere e prosperare su questo pianeta. La nostra civiltà cosiddetta moderna è giovane e può avere molto da imparare da ecosistemi che hanno vita ben più lunga di quelli urbani, di recentissima diffusione».

 

Clicca qui per consultare il programma completo della giornata.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
A Torino nascerà un bosco urbano per migliorare la vivibilità in città
A Torino nascerà un bosco urbano per migliorare la vivibilità in città

“Salviamo i parchi liguri”: confermato il dietrofront della giunta Toti
“Salviamo i parchi liguri”: confermato il dietrofront della giunta Toti

“Stop al taglio indiscriminato delle alberature stradali!”
“Stop al taglio indiscriminato delle alberature stradali!”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani