31 Ott 2019

Design, creatività e pratiche sociali: un master per progettare il futuro

Il master in “Design, creatività e pratiche sociali” del Politecnico di Milano in collaborazione con la Fondazione Pistoletto partirà a febbraio 2020 e verrà presentato a Cittadellarte il 30 novembre in occasione del workshop “Boost your ideas! dai valore alla tua organizzazione”, un'occasione per incontrare innovatori sociali e imprenditori e conoscere la loro esperienza, oltre a confrontarsi con chi ha deciso di puntare sulla sostenibilità.

Biella - Scoprire alcuni degli strumenti per ideare progetti di sostenibilità e innovazione attraverso il design e l’arte: è questo l’obiettivo di “Boost your ideas! Dai valore alla tua organizzazione”, workshop organizzato da POLI.design e Accademia UNIDEE. L’evento, gratuito, si pone non solo come giornata di formazione per professionisti e imprese, ma anche come anteprima di presentazione del master in “Design, creatività e pratiche sociali” in partenza a febbraio 2020 e teso a formare professionisti nel campo dell’impegno sociale e ambientale capaci di ideare e gestire progetti che creino valore per le organizzazioni pubbliche e private di cui fanno parte.

Come portare sostenibilità e innovazione all’interno delle organizzazioni, generando impatto sociale e valore economico? È attorno a questa domanda che si articolerà parte dei contenuti dell’appuntamento immersivo in programma a Cittadellarte sabato 30 novembre: «Il workshop – si legge nella nota stampa dell’evento – sarà un’occasione per incontrare innovatori sociali e imprenditori e conoscere la loro esperienza, confrontarsi con chi ha puntato sulla sostenibilità e ne ha fatto un valore per la sua impresa e partecipare a laboratori dove capire com’è possibile generare valore e impatto sociale tramite il design, l’arte e la creatività».
Le sfide complesse di carattere sociale, ambientale ed economico che le società contemporanee si trovano ad affrontare, messe in luce dall’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, richiedono l’intervento di nuove figure professionali in grado di interpretare il presente e proporre soluzioni e visioni progettuali innovative.

«Il Master è svolto in collaborazione con la Fondazione Pistoletto che, a partire dagli anni ’90, ha formato migliaia di allievi alla professione di facilitatori di trasformazione sociale in seno alle più diverse organizzazioni pubbliche e private, commerciali, industriali, del terzo settore, culturali. Grazie alla collaborazione tra Politecnico di Milano e Cittadellarte, fornisce un approccio innovativo che integra le tecniche e l’approccio del Design alle “sensibilità” dell’Arte per declinare l’impegno sociale e ambientale in una professione» si legge sul sito del Politecnico.

Il Master Executive è dedicato a professionisti ed è teso a fornire competenze per individuare e dare risposta concreta ai bisogni di cambiamento e di innovazione sociale nella progettazione di sistemi e servizi da parte delle organizzazioni, delle pubbliche amministrazioni e delle imprese profit e no profit che hanno compreso come l’ascolto delle comunità e dei territori, la responsabilità sociale e ambientale siano oggi fattori non solo complementari al business ma che anzi costituiscono potenziali fattori competitivi.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

«Le figure in uscita (creativi della comunicazione, progettisti e consulenti di innovazione di processo e di nuovi servizi, project manager e development manager) saranno caratterizzate da competenze specialistiche per l’ideazione e la gestione di progetti complessi ad alto impatto sociale nel settore pubblico e privato».

Passiamo ora al programma, che prenderà il via al 10 con i saluti di benvenuto. Alle 10.30 inizieranno le attività mentre alle 11.30 si entrerà nel vivo della giornata con l’incontro con gli innovatori. Lo spazio per il confronto tra i presenti arriverà alle 12.30. Alle 14 è prevista la presentazione del master con l’incontro “Design, creatività e pratiche sociali”: le opportunità per le imprese, la scommessa degli imprenditori sociali. Trenta minuti dopo andranno in scena i workshop – gli iscritti possono indicare due preferenze al momento della prenotazione – su cinque differenti focus: arte e organizzazioni, design e organizzazioni, impatto sociale e organizzazioni, raccontare le organizzazioni, riorganizzare l’organizzazione. Alle 16.30 si terrà l’ultima attività della giornata con la tavola rotonda, momento di condivisione collettiva tra i partecipanti.

Per ulteriori informazioni contattare info@accademiaunidee.it o formazione@polidesign.net

Vuoi cambiare la situazione
dell'imprenditoria in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Una multifactory in Perù? 30 giorni e 4000 chilometri di esplorazione e ricerca
Una multifactory in Perù? 30 giorni e 4000 chilometri di esplorazione e ricerca

La tempesta Vaia: eccome gli imprenditori della valle hanno saputo rialzarsi
La tempesta Vaia: eccome gli imprenditori della valle hanno saputo rialzarsi

Emozioni a caldo: abbiamo creato la cooperativa di Italia Che Cambia
Emozioni a caldo: abbiamo creato la cooperativa di Italia Che Cambia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne