Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
31 Ott 2019

Design, creatività e pratiche sociali: un master per progettare il futuro

Il master in “Design, creatività e pratiche sociali” del Politecnico di Milano in collaborazione con la Fondazione Pistoletto partirà a febbraio 2020 e verrà presentato a Cittadellarte il 30 novembre in occasione del workshop “Boost your ideas! dai valore alla tua organizzazione”, un'occasione per incontrare innovatori sociali e imprenditori e conoscere la loro esperienza, oltre a confrontarsi con chi ha deciso di puntare sulla sostenibilità.

Scoprire alcuni degli strumenti per ideare progetti di sostenibilità e innovazione attraverso il design e l’arte: è questo l’obiettivo di “Boost your ideas! Dai valore alla tua organizzazione”, workshop organizzato da POLI.design e Accademia UNIDEE. L’evento, gratuito, si pone non solo come giornata di formazione per professionisti e imprese, ma anche come anteprima di presentazione del master in “Design, creatività e pratiche sociali” in partenza a febbraio 2020 e teso a formare professionisti nel campo dell’impegno sociale e ambientale capaci di ideare e gestire progetti che creino valore per le organizzazioni pubbliche e private di cui fanno parte.

Come portare sostenibilità e innovazione all’interno delle organizzazioni, generando impatto sociale e valore economico? È attorno a questa domanda che si articolerà parte dei contenuti dell’appuntamento immersivo in programma a Cittadellarte sabato 30 novembre: «Il workshop – si legge nella nota stampa dell’evento – sarà un’occasione per incontrare innovatori sociali e imprenditori e conoscere la loro esperienza, confrontarsi con chi ha puntato sulla sostenibilità e ne ha fatto un valore per la sua impresa e partecipare a laboratori dove capire com’è possibile generare valore e impatto sociale tramite il design, l’arte e la creatività».
Le sfide complesse di carattere sociale, ambientale ed economico che le società contemporanee si trovano ad affrontare, messe in luce dall’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, richiedono l’intervento di nuove figure professionali in grado di interpretare il presente e proporre soluzioni e visioni progettuali innovative.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

ATTIVATI

«Il Master è svolto in collaborazione con la Fondazione Pistoletto che, a partire dagli anni ’90, ha formato migliaia di allievi alla professione di facilitatori di trasformazione sociale in seno alle più diverse organizzazioni pubbliche e private, commerciali, industriali, del terzo settore, culturali. Grazie alla collaborazione tra Politecnico di Milano e Cittadellarte, fornisce un approccio innovativo che integra le tecniche e l’approccio del Design alle “sensibilità” dell’Arte per declinare l’impegno sociale e ambientale in una professione» si legge sul sito del Politecnico.

Il Master Executive è dedicato a professionisti ed è teso a fornire competenze per individuare e dare risposta concreta ai bisogni di cambiamento e di innovazione sociale nella progettazione di sistemi e servizi da parte delle organizzazioni, delle pubbliche amministrazioni e delle imprese profit e no profit che hanno compreso come l’ascolto delle comunità e dei territori, la responsabilità sociale e ambientale siano oggi fattori non solo complementari al business ma che anzi costituiscono potenziali fattori competitivi.

«Le figure in uscita (creativi della comunicazione, progettisti e consulenti di innovazione di processo e di nuovi servizi, project manager e development manager) saranno caratterizzate da competenze specialistiche per l’ideazione e la gestione di progetti complessi ad alto impatto sociale nel settore pubblico e privato».

Passiamo ora al programma, che prenderà il via al 10 con i saluti di benvenuto. Alle 10.30 inizieranno le attività mentre alle 11.30 si entrerà nel vivo della giornata con l’incontro con gli innovatori. Lo spazio per il confronto tra i presenti arriverà alle 12.30. Alle 14 è prevista la presentazione del master con l’incontro “Design, creatività e pratiche sociali”: le opportunità per le imprese, la scommessa degli imprenditori sociali. Trenta minuti dopo andranno in scena i workshop – gli iscritti possono indicare due preferenze al momento della prenotazione – su cinque differenti focus: arte e organizzazioni, design e organizzazioni, impatto sociale e organizzazioni, raccontare le organizzazioni, riorganizzare l’organizzazione. Alle 16.30 si terrà l’ultima attività della giornata con la tavola rotonda, momento di condivisione collettiva tra i partecipanti.

Per ulteriori informazioni contattare info@accademiaunidee.it o formazione@polidesign.net

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’accelerazione dell’Intelligenza artificiale – Io Non Mi Rassegno #212

|

Quando l’arte crea comunità, svela la bellezza delle periferie e promuove la trasformazione sociale

|

A Borgo! Un viaggio lento tra le comunità delle aree interne

|

Funghi mangia-sigarette e alghe che assorbono Co2, così Montemero ripulisce il Mediterraneo

|

Sardaigne en Liberté: viaggiare in Sardegna valorizzando i territori e le esperienze – Io faccio così #299

|

In una borgata recuperata nasce il Museo dei Racconti sulla vita contadina

|

A chi cerca ispirazione per vivere in modo ecologico e costruire qualcosa di sano

|

La città del futuro o sarà in salute o non sarà