30 Gen 2020

La Casa dell’Ambiente di Torino apre le porte alla permacultura

Scritto da: Lorena Di Maria

Con l’inizio della primavera arriverà a Torino il primo corso internazionale di progettazione in Permacultura proposto da MediperLab, attraverso un percorso intensivo dal 4 al 13 aprile condotto da Rhamis Kent, che svelerà tutti i segreti della progettazione in permacultura e della gestione etica e sostenibile della terra.

Torino - Abbracciare tutti gli aspetti della progettazione consapevole per creare insediamenti sostenibili, ecosistemi sani e naturali attraversando climi e stagioni e relazionandosi con acqua, suolo e vegetazione per diventare un tutt’uno con Madre Terra. Sarà un viaggio nel mondo della Permacultura quello che, dal quattro al tredici aprile, avrà luogo a Torino con il “Permaculture Design Certificate” organizzato da MEDIPERlab. Il corso sarà condotto da Rhamis Kent, esperto in rigenerazione degli ecosistemi nonchè insegnante in permacultura conosciuto a livello mondiale.

Il corso

La formazione si colloca all’interno del programma di iniziative avviate in occasione dell’apertura dei nuovi spazi della Casa dell’Ambiente, sede dell’Istituto per l’Ambiente e l’Educazione Scholé Futuro Onlus. Il corso avrà un carattere intensivo e durerà dieci giorni per un totale di settantadue ore di lezione attraverso approfondimenti tecnico-scientifici tra teoria e pratica. Il PDC porterà al conseguimento di un attestato di progettazione in permacultura riconosciuto a livello internazionale.

Come approfondito sul sito di MEDIPERlab, la formazione fornisce tutti gli strumenti necessari per adottare uno stile di vita sostenibile in relazione a differenti tipologie di clima e di paesaggi. Verrà insegnato come applicare i principi della permacultura alla produzione alimentare, alla progettazione delle abitazioni e alla conservazione e trasformazione dell’energia, esplorando strutture economiche alternative e strategie legali a supporto dell’autonomia regionale e delle singole comunità, a cui seguiranno sessioni pratiche di progettazione.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Gli organizzatori

Organizzatori dell’evento sono Ignazio Schettini, agronomo, insegnante e permacultore nonchè presidente dell’APS MEDIPERlab – Laboratorio di Permacultura Mediterranea di Bari, che promuove la permacultura in Italia e nel mondo creando un network di studio per la sperimentazione e la ricerca di soluzioni innovative nell’area del Mediterraneo.  Il corso è stato pensato insieme al naturalista ed educatore Marco Regoli, presidente e co-fondatore dell’associazione Conmoi, che da anni a Torino propone progetti culturali e percorsi formativi di integrazione e coesione sociale.

Permacultura3

A tradurre le lezioni, inoltre, sarà proprio Tiziana Tursi che ha recentemente revisionato le circa 600 pagine del Manuale di Bill Mollison, per renderlo accessibile a tutti i permacultori e le permacultrici italiane.

E proprio come scrive Tiziana Tursi, «se è vero che ogni libro ha il suo profumo, il manuale di Bill Mollison odora di terra, al punto che non ti stupiresti di ritrovartela sotto le unghie a fine capitolo. Seicento e passa pagine di incalzante pragmatismo insegnano a disegnare paesaggi consapevoli». E proprio su questi presupposti si basa il PDC che ad aprile, per dieci giorni, insegnerà a saper osservare, conoscere e interagire con gli elementi che compongono l’ambiente circostante in armonia con la natura.

Ogni lezione «offrirà molteplici spunti di riflessione e dimostrerà quanto lasciare “un’impronta positiva” sul nostro pianeta non solo sia possibile, ma costituisca in realtà l’unica strada ragionevole da percorrere».

Per maggiori informazioni sul programma del corso e sui costi è possibile consultare la pagina fb dell’evento o contattare l’indirizzo email info@mediperlab.com.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La storia di Anthony: il gioco e la permacultura per vivere più felici
La storia di Anthony: il gioco e la permacultura per vivere più felici

Eduardo Terzidis: “Vi racconto la mia vita fondata su permacultura e yoga”
Eduardo Terzidis: “Vi racconto la mia vita fondata su permacultura e yoga”

Quattro giorni di Permacultura a Bolsena

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Scuola, salute, green pass, crisi ambientale: ecco le soluzioni possibili

|

Green pass obbligatorio: l’Italia è in fermento – Aspettando Io Non Mi Rassegno #3

|

Oggi si celebrano le contadine, le donne che stanno rilanciando l’agricoltura

|

Da Giulia che pianta alberi a Rosa Maria, alfiera delle minoranze: arrivano i giovani changemakers

|

Ci trasferiamo in un paese del Sud Italia? Qualcosa sta avvenendo a Civita, in Calabria

|

Università in cammino: la scuola senza voti che torna alle origini dell’insegnamento

|

Terre del Magra, la cooperativa di comunità che valorizza il territorio e supporta gli abitanti