30 Gen 2020

La Casa dell’Ambiente di Torino apre le porte alla permacultura

Scritto da: Lorena Di Maria

Con l’inizio della primavera arriverà a Torino il primo corso internazionale di progettazione in Permacultura proposto da MediperLab, attraverso un percorso intensivo dal 4 al 13 aprile condotto da Rhamis Kent, che svelerà tutti i segreti della progettazione in permacultura e della gestione etica e sostenibile della terra.

Torino - Abbracciare tutti gli aspetti della progettazione consapevole per creare insediamenti sostenibili, ecosistemi sani e naturali attraversando climi e stagioni e relazionandosi con acqua, suolo e vegetazione per diventare un tutt’uno con Madre Terra. Sarà un viaggio nel mondo della Permacultura quello che, dal quattro al tredici aprile, avrà luogo a Torino con il “Permaculture Design Certificate” organizzato da MEDIPERlab. Il corso sarà condotto da Rhamis Kent, esperto in rigenerazione degli ecosistemi nonchè insegnante in permacultura conosciuto a livello mondiale.

Il corso

La formazione si colloca all’interno del programma di iniziative avviate in occasione dell’apertura dei nuovi spazi della Casa dell’Ambiente, sede dell’Istituto per l’Ambiente e l’Educazione Scholé Futuro Onlus. Il corso avrà un carattere intensivo e durerà dieci giorni per un totale di settantadue ore di lezione attraverso approfondimenti tecnico-scientifici tra teoria e pratica. Il PDC porterà al conseguimento di un attestato di progettazione in permacultura riconosciuto a livello internazionale.

Come approfondito sul sito di MEDIPERlab, la formazione fornisce tutti gli strumenti necessari per adottare uno stile di vita sostenibile in relazione a differenti tipologie di clima e di paesaggi. Verrà insegnato come applicare i principi della permacultura alla produzione alimentare, alla progettazione delle abitazioni e alla conservazione e trasformazione dell’energia, esplorando strutture economiche alternative e strategie legali a supporto dell’autonomia regionale e delle singole comunità, a cui seguiranno sessioni pratiche di progettazione.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Gli organizzatori

Organizzatori dell’evento sono Ignazio Schettini, agronomo, insegnante e permacultore nonchè presidente dell’APS MEDIPERlab – Laboratorio di Permacultura Mediterranea di Bari, che promuove la permacultura in Italia e nel mondo creando un network di studio per la sperimentazione e la ricerca di soluzioni innovative nell’area del Mediterraneo.  Il corso è stato pensato insieme al naturalista ed educatore Marco Regoli, presidente e co-fondatore dell’associazione Conmoi, che da anni a Torino propone progetti culturali e percorsi formativi di integrazione e coesione sociale.

Permacultura3

A tradurre le lezioni, inoltre, sarà proprio Tiziana Tursi che ha recentemente revisionato le circa 600 pagine del Manuale di Bill Mollison, per renderlo accessibile a tutti i permacultori e le permacultrici italiane.

E proprio come scrive Tiziana Tursi, «se è vero che ogni libro ha il suo profumo, il manuale di Bill Mollison odora di terra, al punto che non ti stupiresti di ritrovartela sotto le unghie a fine capitolo. Seicento e passa pagine di incalzante pragmatismo insegnano a disegnare paesaggi consapevoli». E proprio su questi presupposti si basa il PDC che ad aprile, per dieci giorni, insegnerà a saper osservare, conoscere e interagire con gli elementi che compongono l’ambiente circostante in armonia con la natura.

Ogni lezione «offrirà molteplici spunti di riflessione e dimostrerà quanto lasciare “un’impronta positiva” sul nostro pianeta non solo sia possibile, ma costituisca in realtà l’unica strada ragionevole da percorrere».

Per maggiori informazioni sul programma del corso e sui costi è possibile consultare la pagina fb dell’evento o contattare l’indirizzo email info@mediperlab.com.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza