6 Mar 2017

Due giovani biellesi ed un laboratorio di permacultura

Scritto da: Roberto Vietti

Edoardo e Mirko nella meravigliosa cornice della Baraggia, gestiscono la Cascina Foresto: luogo di condivisione, incontro, natura e permacultura.

In molti considerano la Baraggia uno dei luoghi più affascinanti del biellese. Ed in effetti, appena giunti alla Cascina Foresto, si può solo rimanere meravigliati della bellezza della incontaminata natura che ci circonda.

 

L’incontro di oggi è particolarmente significativo. Vi ricordate del viaggio in bicicletta nel “Biellese Che Cambia” ? In sella alle due biciclette nei territori all’ombra del Mucrone, oltre al sostegno e alle energie del Biellese in Transizione e del sottoscritto, c’era anche Edoardo. Ed è proprio da lui che mi ritrovo questa sera. In effetti il suo percorso – concluso quello a due ruote – è particolarmente significativo ed è per questo che abbiamo il piacere di raccontarvelo.

 

Ci ritroviamo davanti ad un gustoso risotto con i prodotti del suo orto e una immancabile bottiglia di ottimo vino locale. Ed è stato bellissimo ritrovarsi a chiacchierare delle nostre rispettive esperienze. “Sono arrivato in questo posto in modo del tutto casuale”. Come già sapevo, Edoardo era appassionato di agricoltura sostenibile, studiava permacultura, senza sapere ancora cosa sarebbe andato a fare di preciso. Ed eccolo qui oggi a gestire, assieme a Mirko, Cascina Foresto. “E’ stata una fortuna, – ci dice – è un posto magnifico. Ho accettato subito, ho finito i miei studi e così è iniziata l’avventura. Sono molto contento”.

 

Edoardo aveva trascorso anni in città a Bologna, per motivi di studio. Il ritorno alla terra è stato necessario. “Questo posto mi da tanto rispetto la città. In città si fanno molte cose, ad un ritmo troppo veloce che non si riesce ad interiorizzare, non si riesce a vivere profondamente”. Dopo poco tempo le opportunità offerte dalla città lo annoiavano. “Era tutto molto veloce e caotico. Nell’incredibile vastità che la città ti propone, la trovavo molto ripetitiva”.

11-edoardo-mirko-permacultura

È bello rincontrarsi e parlare di tutto e di più. Giungiamo a discutere sul valore della lentezza. “Da un certo punto di vista mi spaventa. La vita è corta, estremamente corta. Questo è ciò che spaventa. Non sai se riuscirai a fare tutto quello che vorrai fare, anzi, ti rendi conto che non riuscirai a realizzare tutto. Però allo stesso tempo tutto ciò è anche una libertà, perché devi restare nel ritmo. Non puoi accelerare, devi stare al passo con la natura e con le cose che accadono. Se cerchi di velocizzare questo processo è solo una fatica in più”.

 

Tanti i ricordi che ci accomunano di quel meraviglioso viaggio in cerca di realtà virtuose biellesi. “Quel viaggio mi è stato molto utile. Dal punto di vista pratico, perché ho imparato un sacco di cose e soprattutto perché ho conosciuto un sacco di persone. Perché alla fine è importante sapere le cose ma è ancora più importante sapere dove trovarle”.
Strano, a questo punto, chiedergli che cos’è per lui l’Italia Che Cambia, dato che fino a qualche tempo fa eravamo tutti e due dall’altro lato a chiederlo agli intervistati di turno. Sorridiamo, ma poi mi dice che per lui “l’Italia Che Cambia è un racconto di esperienze pioneristiche per il proprio tempo che saranno state le prime di un cambiamento ormai inevitabile”.

11-edoardo-mirko-permacultura-1487356882

Ci tiene a dire che non si tratta, ad oggi, di un agriturismo in permacultura. “Ci vogliono tanti anni di studio. La nostra è una trasformazione lenta, da un sistema antico a un sistema più autosufficiente”. Molto è già stato fatto: da un fornitore di energia canonico sono passati ad uno sostenibile, da una irrigazione convenzionale sono passati ad una irrigazione a goccia e così via.

 

“Durante l’estate accogliamo volontari, che portano tante nuove energie. Ci divertiamo molto a lavorare insieme. Sperimentiamo la vita comunitaria”. E’ un contesto di condivisione, un modo di vivere che non ci appartiene come società. Tuttavia “insieme abbiamo fatto cose che da soli non avremmo mai fatto, soprattutto per l’entusiasmo. Lavorare assieme è più facile”. Accolgono tanti woofers. “E’ un’esperienza fantastica, sia per chi lo riceve che per chi lo fa. Incontriamo culture da tutto il mondo che danno il loro contributo e che altrimenti non avremmo mai incontrato”. E allora auguriamo a Edoardo e Mirko di continuare in questo, lento ed entusiasmante, percorso di condivisione in permacultura.

 

 

 

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Riforestiamo il mondo? – Io Non Mi Rassegno #367

|

Emilia Romagna prima regione italiana a bandire le gabbie dagli allevamenti

|

In un terreno confiscato alla mafia nasce la prima food forest della Sicilia

|

Il mutuo garantito al 100%? In realtà non è utile per i giovani

|

Ri-nascere cre-attivamente dalla sofferenza. BB, parole di dolore e resilienza

|

AAA cittadini cercasi per rivitalizzare piccolo borgo umbro

|

GasparOrto, l’orto urbano che sfida cemento e degrado

|

La prima volta che mi hanno chiesto il permesso