20 Mag 2024

Quando scegli miele italiano sostieni la qualità

Scritto da: Redazione

Comprare un miele italiano prodotto responsabilmente significa investire in salvaguardia dell’ambiente e nella sicurezza alimentare. Piemonte Miele, cooperativa arriva da quasi cinquant’anni in questo campo, spiega perché è importante affidarsi ai principi e alle pratiche del consumo critico, in particolare quando si sceglie quale miele comprare.

Salva nei preferiti

In un mercato sempre più internazionale, anche la singola scelta del consumatore ha un’importante ricaduta e un impatto non solo ambientale, ma anche economico e sociale. Una scelta importante come l’acquisto di un miele Made in Italy, prodotto da apicoltori italiani sul nostro territorio, può quindi assicurare una garanzia di qualità, salubrità e sicurezza, il rispetto del lavoro degli apicoltori e la salvaguardia di una lunga tradizione.

Così Piemonte Miele, cooperativa italiana leader nella produzione di miele e che associa oltre 450 soci apicoltori in tutta Italia, punta i riflettori sull’importanza di sostenere una produzione nazionale e di qualità per salvaguardare il lavoro fondamentale degli apicoltori e l’ambiente.

DSC3638

Optare per un miele italiano significa abbracciare una filosofia che pone al centro la qualità, la sicurezza alimentare e la salvaguardia dell’ambiente. In un mercato messo sempre più in difficoltà dai cambiamenti climatici e dalla concorrenza di prodotti esteri a prezzi inferiori, ma che non sempre rispettano i rigidi parametri dei mieli italiani, è fondamentale quindi che gli stessi consumatori siano pienamente consapevoli delle caratteristiche di ciò che acquistano.

Nel caso del miele, ad esempio, è possibile incorrere in un prodotto frutto di miscele con mieli extra europei o sostanze zuccherine. Offrire ai consumatori un prodotto puro, ricco di aromi unici che solo il nostro territorio sa offrire: questa è la chiave che permette non solo di valorizzare il lavoro degli apicoltori italiani, ma anche di assicurare al consumatore un prodotto salubre, tracciabile e sicuro.

In questo scenario, come dimostrato da Piemonte Miele, anche la cooperazione può giocare un ruolo fondamentale nel sostenere gli apicoltori italiani, specialmente in tempi caratterizzati da urgenti sfide come i cambiamenti climatici e la concorrenza di prodotti esteri. Un modello di successo di come la collaborazione tra apicoltori italiani può creare una rete solida, capace di offrire supporto tecnico, logistico e commerciale ai soci.

DSC3683

Grazie alla cooperazione, i piccoli e medi produttori riescono infatti a mantenere alti standard di qualità, a innovare e a resistere alle avversità, garantendo la continuità e la crescita del settore apistico italiano. Attraverso il proprio impegno nella promozione di pratiche rispettose e di offerta di un prodotto di qualità, Piemonte Miele invita quindi i consumatori a fare una scelta consapevole, di cui beneficiano la salute, l’economia locale e l’ambiente. Scegliere miele italiano di qualità significa investire in un futuro più sostenibile e sicuro, in cui il benessere delle api e degli apicoltori è al primo posto.

La cooperativa Piemonte Miele nasce a Cuneo nel 1976, grazie al sogno di 9 apicoltori che unirono le proprie forze. Oggi rappresenta un punto di riferimento nazionale nella produzione di miele di alta qualità: con circa 460 soci costituisce la maggiore cooperativa di produttori di miele di tutto il nord Italia. Da anni è impegnata nella promozione di buone pratiche per riconoscere un miele di qualità e al centro delle sue attività vi sono la conservazione delle api, essenziali per la biodiversità, e la tutela del lavoro degli apicoltori.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Clara Vitaggio, enologa tra vin de garage e ricerche sui vitigni reliquia
Clara Vitaggio, enologa tra vin de garage e ricerche sui vitigni reliquia

Magarìe, la fattoria “magica” dove la disabilità si trasforma in opportunità
Magarìe, la fattoria “magica” dove la disabilità si trasforma in opportunità

Antonio Giaquinto, il giovane agricoltore che recupera i terreni abbandonati
Antonio Giaquinto, il giovane agricoltore che recupera i terreni abbandonati

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Assalto eolico: l’isola dice no- INMR Sardegna #34

|

Oltre la paura: Trame di legalità tra festival, antiracket e normalità – Calabria sarai Tu #1

|

Campi estivi in natura 2024, ecco quali sono i migliori in base alle esigenze

|

Con Four Seasons Natura e Cultura si viaggia in modo sostenibile alla scoperta dell’Italia e del mondo

|

Un cammino lento attraverso la natura dell’appennino e le sue comunità

|

Agroecologia, sostenibilità, comunità: la Sardegna al centro del festival “Challenge Naturalmente locale”

|

Clara Vitaggio, enologa tra vin de garage e ricerche sui vitigni reliquia

|

Rina e basta, il libro per bambini sulla ricerca di identità ambientato nel mar Ligure

string(8) "piemonte"