3 Feb 2020

In Inghilterra i bambini hanno creato un’aula all’aperto con plastica riciclata

Scritto da: Sara Capurso

Utilizzando circa tremila bottiglie che altrimenti sarebbero finite in discarica, i bambini di una scuola inglese hanno realizzato un'aula all'aperto che comprende una zona lettura, tavoli, sedie e una capanna. Un'iniziativa per promuovere l'educazione ambientale tra i più piccoli e abituarli a riciclare divertendosi.

Maria Montessori diceva che per “per insegnare bisogna emozionare”. Per insegnare ai bambini la cura dell’ambiente e sensibilizzarli all’enorme problema dell’abuso di plastica, una scuola elementare di Accrington in Inghilterra ha pensato di farli toccare con mano bottiglie, contenitori e imballaggi di plastica.

I bambini si sono divertiti a trasformare qualcosa che sarebbe finito in discarica in strumenti per costruire una eco classe all’aperto trasformando quindi dei rifiuti in banchi, sedie e persino un orto ecologico.

Il preside Mashiter ha scoperto il progetto attraverso un’associazione di beneficenza cattolica che aveva contribuito a costruire mattoni simili per costruire scuole in Cambogia e ha deciso di replicare l’esperienza con i ragazzi della St Mary’s RC Primary School di Clayton le Moors. Un anno di lavoro e oltre 3.000 bottiglie di plastica hanno dato vita a una classe all’aperto.

Il preside è rimasto molto soddisfatto di questa iniziativa ha dichiarato che tutta la comunità, insieme ad amici e genitori ha sostenuto questo progetto, raccogliendo la plastica che altrimenti sarebbe finita in discarica e nei nostri mari.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

«I bambini – ha dichiarato – si sono divertiti molto e hanno beneficiato dell’attività all’aria aperta, è stato un modo interattivo e diverso per insegnare loro il rispetto per l’ambiente.

Sono stati creati tremila mattoni, che equivalgono a circa due tonnellate di plastica, per costruire l’aula all’aperto che comprende una zona lettura, tavoli, sedie e una capanna, quest’ultima costruita con seicento mattoni ecologici. Questi mattoni sono davvero forti, è incredibile quanta plastica puoi inserire in ognuno di loro. Ci vogliono due settimane per creare un singolo mattone perché devi usare un cucchiaio di legno per schiacciare cellophane e involucri di plastica al suo interno.

È importante insegnare ai bambini come riciclare e ridurre l’impronta di carbonio in modo che continueranno a impegnarsi anche da grandi», conclude. Mashiter ha affermato che i bambini sono rimasti scioccati nel vedere quanta plastica hanno usato e quanti mattoncini ecologici sono riusciti a creare.

aula riciclata caternews
Foto tratta da Caters News Agency

«Stiamo educando i bambini ai pericoli del climate change. Con i cambiamenti climatici che sono una vera minaccia per il futuro dell’umanità, ognuno deve fare la propria parte per aiutare a salvare il pianeta. Insegnare ai bambini come essere rispettosi dell’ambiente fin dalla giovane età li incoraggia a mantenere abitudini positive per tutta la vita, sperando che continuino ad avere un impegno costante e duraturo».

Bob Turner, del Global Catholic Climate Movement, ha svolto un ruolo importante nella costruzione della classe e ha dichiarato: «Ridurre la nostra impronta di carbonio è vitale per la sostenibilità del nostro futuro, quindi è importante che questo venga trasmesso ai bambini che imparano fin da ora a come ridurla ed è qualcosa che tutti noi dobbiamo fare».

La classe nata dal riciclo è un eccellente esempio di come i bambini possano essere educati sulle questioni ambientali in modo pratico, divertendosi e attivando quei piccoli gesti quotidiani che sono fondamentali per la salvaguardia dell’ambiente.

Anche in Italia molte scuole si stanno attivando concretamente coinvolgendo i bambini, le loro famiglie e la comunità con progetti legati all’ecologia, al riciclo e a pratiche rispettose del pianeta. Ci piacerebbe ascoltare le vostre storie e le vostre idee. Sentitevi liberi di inviarcele, perché tutti possiamo diventare autori del cambiamento!.

Fonti:
https://www.lancashiretelegraph.co.uk/
https://www.catersnews.com/
https://www.unilad.co.uk/


Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La Barista Disoccupata: cambiare vita e lavoro nel segno dell’economia circolare
La Barista Disoccupata: cambiare vita e lavoro nel segno dell’economia circolare

Kymia, la start up che dallo scarto del pistacchio produce prodotti cosmetici di nicchia
Kymia, la start up che dallo scarto del pistacchio produce prodotti cosmetici di nicchia

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo
Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi