3 Feb 2020

In Inghilterra i bambini hanno creato un’aula all’aperto con plastica riciclata

Scritto da: Sara Capurso

Utilizzando circa tremila bottiglie che altrimenti sarebbero finite in discarica, i bambini di una scuola inglese hanno realizzato un'aula all'aperto che comprende una zona lettura, tavoli, sedie e una capanna. Un'iniziativa per promuovere l'educazione ambientale tra i più piccoli e abituarli a riciclare divertendosi.

Maria Montessori diceva che per “per insegnare bisogna emozionare”. Per insegnare ai bambini la cura dell’ambiente e sensibilizzarli all’enorme problema dell’abuso di plastica, una scuola elementare di Accrington in Inghilterra ha pensato di farli toccare con mano bottiglie, contenitori e imballaggi di plastica.

I bambini si sono divertiti a trasformare qualcosa che sarebbe finito in discarica in strumenti per costruire una eco classe all’aperto trasformando quindi dei rifiuti in banchi, sedie e persino un orto ecologico.

Il preside Mashiter ha scoperto il progetto attraverso un’associazione di beneficenza cattolica che aveva contribuito a costruire mattoni simili per costruire scuole in Cambogia e ha deciso di replicare l’esperienza con i ragazzi della St Mary’s RC Primary School di Clayton le Moors. Un anno di lavoro e oltre 3.000 bottiglie di plastica hanno dato vita a una classe all’aperto.

Il preside è rimasto molto soddisfatto di questa iniziativa ha dichiarato che tutta la comunità, insieme ad amici e genitori ha sostenuto questo progetto, raccogliendo la plastica che altrimenti sarebbe finita in discarica e nei nostri mari.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

«I bambini – ha dichiarato – si sono divertiti molto e hanno beneficiato dell’attività all’aria aperta, è stato un modo interattivo e diverso per insegnare loro il rispetto per l’ambiente.

Sono stati creati tremila mattoni, che equivalgono a circa due tonnellate di plastica, per costruire l’aula all’aperto che comprende una zona lettura, tavoli, sedie e una capanna, quest’ultima costruita con seicento mattoni ecologici. Questi mattoni sono davvero forti, è incredibile quanta plastica puoi inserire in ognuno di loro. Ci vogliono due settimane per creare un singolo mattone perché devi usare un cucchiaio di legno per schiacciare cellophane e involucri di plastica al suo interno.

È importante insegnare ai bambini come riciclare e ridurre l’impronta di carbonio in modo che continueranno a impegnarsi anche da grandi», conclude. Mashiter ha affermato che i bambini sono rimasti scioccati nel vedere quanta plastica hanno usato e quanti mattoncini ecologici sono riusciti a creare.

aula riciclata caternews
Foto tratta da Caters News Agency

«Stiamo educando i bambini ai pericoli del climate change. Con i cambiamenti climatici che sono una vera minaccia per il futuro dell’umanità, ognuno deve fare la propria parte per aiutare a salvare il pianeta. Insegnare ai bambini come essere rispettosi dell’ambiente fin dalla giovane età li incoraggia a mantenere abitudini positive per tutta la vita, sperando che continuino ad avere un impegno costante e duraturo».

Bob Turner, del Global Catholic Climate Movement, ha svolto un ruolo importante nella costruzione della classe e ha dichiarato: «Ridurre la nostra impronta di carbonio è vitale per la sostenibilità del nostro futuro, quindi è importante che questo venga trasmesso ai bambini che imparano fin da ora a come ridurla ed è qualcosa che tutti noi dobbiamo fare».

La classe nata dal riciclo è un eccellente esempio di come i bambini possano essere educati sulle questioni ambientali in modo pratico, divertendosi e attivando quei piccoli gesti quotidiani che sono fondamentali per la salvaguardia dell’ambiente.

Anche in Italia molte scuole si stanno attivando concretamente coinvolgendo i bambini, le loro famiglie e la comunità con progetti legati all’ecologia, al riciclo e a pratiche rispettose del pianeta. Ci piacerebbe ascoltare le vostre storie e le vostre idee. Sentitevi liberi di inviarcele, perché tutti possiamo diventare autori del cambiamento!.

Fonti:
https://www.lancashiretelegraph.co.uk/
https://www.catersnews.com/
https://www.unilad.co.uk/


Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto
La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler
L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo
Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna

|

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente