17 Feb 2020

Un tour musicale in bicicletta dall’Inghilterra alle Marche

Un tour musicale in bicicletta lungo1500 km e durato 19 giorni. È l'avventura del giovane musicista di origini marchigiane Andrea Gobbi che da Manchester, dove vive e lavora, è partito la scorsa estate per un tour su due ruote con destinazione Castelfidardo. Il suo messaggio? La musica è una passione, come i viaggi, da compiere in modo sostenibile.

Marche - Un tour in bicicletta da Manchester a Castelfidardo in 19 tappe all’insegna della musica. Cycling Soundtrack è l’avventura della scorsa estate del giovane bassista e compositore Andrea Gobbi.

Andrea, originario di Castelfidardo, si è affacciato al mondo della musica fin da giovanissimo suonando prima la chitarra nella sua parrocchia e poi il clarinetto nella banda del paese. A 14 anni arriva la scoperta di gruppi come Nirvana, Rage Against the Machine, Led Zeppelin e della scena punk americana. La passione per questi generi esplode sia per Andrea che per i suoi amici, e nasce l’idea di dare vita ad una band.

andrea gobbi 2
Andrea Gobbi durante il suo Cycling Soundtrack

«Tutti volevano suonare la chitarra, compreso me, e nessuno suonava il basso. Così mi sono deciso a comprare un basso – ci ha raccontato. Ma a meno che tu non sia un genio, per entrare nel panorama musicale devi andare in città e, come dicono tutti, farti i contatti – che per me è sempre stato più un suonare con quante più persone possibili».

Raggiunta la maggior età, dunque, Andrea si trasferisce a Milano e poi a Manchester per inseguire la sua passione, oggi diventata anche il suo lavoro. L’idea di tornare a casa in bicicletta nasce durante la primavera del 2019, un po’ per unire la voglia di avventura, l’attenzione all’ambiente e la passione per la musica. «Mi sono chiesto come fare spazio alla musica in questo viaggio, perché non mi sento a mio agio a suonare sulle strade. Ho pensato così di registrare le persone e i suoni che incrociavo lungo il mio percorso».

Buttate giù le tappe fra Gran Bretagna, Francia e Italia, e trovata ospitalità di amici, conoscenti, o attraverso comunità online come Couchsurfing e Warm-shower che sono solite ospitare viaggiatori provenienti da tutto il mondo, il 29 luglio Andrea parte. Armato di una tastiera MIDI, microfoni, un pc e recorder, Andrea pedala di tappa in tappa, a volte ritardando l’arrivo perché assorto a cogliere la bellezza di uno squarcio, il suono di una cascata o il verso di una mucca.

andrea gobbi 4

Le sere sono tutte diverse. A Londra, per esempio, incontra l’amico fonico Milo Benericetti che lo aveva accompagnato in un tour con i Soliti Idioti. Questa volta sta lavorando per Ludovico Einaudi, e fa conoscere ad Andrea due musicisti, violino e cello, che accompagnano il noto pianista. Federico Mecozzi e Radi Hasa si prestano così a suonare e a farsi registrare da Andrea. Altre sere, ad aprire la porta di casa e a suonare insieme ad Andrea sono stati musicisti amatoriali e perfino persone a digiuno di musica, che non mancavano tuttavia di inventiva e di entusiasmo. «La maggior parte degli ospitanti erano stati avvertiti in anticipo del progetto ed erano curiosi all’idea di ospitare questo personaggio che arrivava in bicicletta e ti voleva registrare».

Vivere ogni giorno in una casa diversa è stato bello ed elettrizzante, e l’entusiasmo per l’avventura spazzava regolarmente via la stanchezza del viaggio, che sta per diventare un film. Con l’uscita del documentario, prevista a marzo, oltre a raccontare la propria avventura, Andrea spera di veicolare due messaggi. Da una parte, che è possibile organizzare le proprie vacanze in modo diverso, e forse più semplice, girando in bicicletta e chiedendo ospitalità alle persone. Dall’altra che per fare musica non serve essere per forza musicisti virtuosi. «La musica non è solo scuola, è anche passione».

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Percorsi espositivi per non vedenti e ipovedenti nei musei casentinesi
Percorsi espositivi per non vedenti e ipovedenti nei musei casentinesi

Un viaggio in Nuova Zelanda aiuterà i bambini malati oncologici

Repubblica Nomade in Cammino a Cuncordu: le ultime tappe del viaggio in Sardegna

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Germania, un governo “semaforo”? – #417

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa

|

Re-sisters: l’arte e la cultura per dire no alla violenza sulle donne

|

Il primo Asilo nel Bosco altoatesino, dove le maestre sono la neve e la pioggia

|

La storia di Esma, il musicista che ha lasciato la città per vivere e cantare la campagna

|

Camilla Rossi, educatrice: “Attivismo quotidiano, educazione e messa in discussione per combattere la violenza contro le donne”