16 Mar 2020

Flashmob in tutt’Italia per riunirsi sui balconi e “suonarle” alla pandemia

Scritto da: Lorena Di Maria

Canti e balli sui balconi, applausi collettivi dalle finestre e tanta voglia di vivere. Questo weekend abbiamo dimostrato che non bastano quattro mura a tenerci lontani ma che, in questa situazione emergenziale, siamo uniti più che mai. Così le nostre città si sono risvegliate dal torpore e dal silenzio della quarantena grazie a diversi flashmob che hanno visto i cittadini darsi appuntamento sui balconi e alle finestre, dimostrando che insieme siamo più forti di qualsiasi virus.

Torino - Siamo rimasti increduli davanti a un’epidemia che è entrata improvvisamente nelle nostre vite sconvolgendole inaspettatamente, ci siamo spaventati, ci siamo fatti assalire da mille timori. Poi abbiamo deciso di reagire, proprio come testimoniato dai diversi flashmob che sono stati organizzati questo weekend con appuntamento sui balconi di tutt’Italia come cura alla paura, alla solitudine e alla distanza, per risvegliare quella voglia di vivere che ci contraddistingue.

Spalancare le finestre delle proprie abitazioni o affacciarsi sui balconi, uscire nei giardini e sulle terrazze per suonare il proprio strumento, cantare una canzone e condividere un momento di allegria per far sentire le persone meno sole. Il primo dei numerosi flashmob organizzati questo weekend è stato un enorme concerto gratuito disseminato per le città che ha coinvolto i cittadini per celebrare un momento di condivisione all’insegna della musica.

Si tratta di un “flashmob sonoro” che ha presto fatto il giro dell’intera Italia riaccendendo gli animi e diffondendosi a gran voce, per raccontare l’importanza della libertà d’espressione e la bellezza della convivialità nonostante l’isolamento e lo stato di quarantena.

E così sono stati tutti invitati a prendere in mano un proprio strumento o a improvvisarne uno, per rompere quel silenzio che da qualche giorno a questa parte fa da sfondo alle nostre città deserte, dando il via ad un esperimento di socialità a distanza che ci ricorda che l’Italia è unita e che insieme possiamo fare la differenza.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Come hanno riportato sulla pagina facebook gli artisti di FanfaRoma, street band romana che ha organizzato l’evento «Non importa saper leggere la musica, suonare uno strumento o possederlo, basta anche cantare una canzone o far suonare le pentole di casa, l’importante è farci sentire perché la musica è la migliore medicina per curare l’anima e in questo momento ne abbiamo bisogno».

Anche Torino ha partecipato all’iniziativa, con musicisti che hanno risvegliato le vie, dai quartieri di Vanchiglia a San Salvario, grazie agli appelli che, nei giorni precedenti all’evento, si sono diffusi tramite i social. L’appuntamento, alle sei di pomeriggio, è stato testimoniato dalle foto e dai video che sono stati caricati sulle pagine Facebook delle diverse città per condividere la memoria di quest’esperienza tra chitarre, trombe, tamburi, violini e strumenti di ogni sorta. Un’esperienza per far riscoprire quel senso di comunità e quella gioia di condivisione che insieme, nonostante ogni distanza, siamo in grado di creare.

I flashmob in questi giorni si sono poi moltiplicati in tutte le città, attraverso appuntamenti scanditi che, in diversi modi, hanno risvegliato i palazzi silenziosi. Dagli applausi collettivi per l’incredibile lavoro che stanno svolgendo medici e infermieri in prima linea negli ospedali ai disegni esposti sulle facciate raffiguranti un arcobaleno che ci ricordano che “andrà tutto bene”.

Non sono poi mancati canti e balli sulle note delle celebri “Ma il cielo è sempre più blu” di Rino Gaetano e “Azzurro” di Adriano Celentano o l’accensione di torce e candele alle finestre per far vedere al mondo che l’Italia è viva e compatta e che solamente uniti si può vincere, proprio come hanno spiegato gli organizzatori del flashmob. Perchè insieme siamo più forti di qualsiasi virus.

Articoli simili
“Talenti e imprese mortificati”. Dialogo con Dario Apicella sulla chiusura dei teatri e il contraccolpo sui lavoratori
“Talenti e imprese mortificati”. Dialogo con Dario Apicella sulla chiusura dei teatri e il contraccolpo sui lavoratori

Casa Balestra: ospitare il passato per seminare il futuro #2
Casa Balestra: ospitare il passato per seminare il futuro #2

FotoConfronti 2016 e Biennale dei Giovani Fotografi Italiani
FotoConfronti 2016 e Biennale dei Giovani Fotografi Italiani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Famiglie, relazioni, sesso: ne abbiamo parlato insieme

|

Refugees Welcome: storia di una famiglia e di un giovane che ha ritrovato la speranza

|

In bici da Torino a Milano: la carovana di Extinction Rebellion verso la preCOP26

|

IT.A.CÀ sbarca in Ogliastra per raccontare una delle provincie meno inquinate d’Europa

|

“Facciamo girare l’olio”: economia circolare a sostegno delle donne vittime di violenza

|

Famiglie, relazioni, sesso: cosa succede in Italia

|

Aumento delle bollette 2021: cosa c’è dietro ai rincari dei prezzi di gas ed energia?