25 Mar 2020

L’importanza dell’informazione positiva in questo momento di emergenza

Scritto da: Redazione

Mezzopieno rilancia la campagna nazionale per una informazione più positiva per uscire dalla crisi anche con gli strumenti della fiducia. Ospitata dalla piattaforma Change.org, l'iniziativa ha raccolto sinora oltre 5.500 adesioni.

In questo momento di grande difficoltà, Mezzopieno – la rete italiana della positività, insieme ai 100 giornalisti per l’informazione positiva italiana, chiama all’azione il mondo dei media rilanciando la necessità di “dedicare più spazio alle notizie positive, per alimentare la capacità di resilienza delle persone e diffondere una informazione virtuosa e le buone pratiche”.

La proposta di Maurizio Lozzi, Consigliere pubblicista dell’Ordine dei giornalisti del Lazio, è “per una informazione che alimenti di più la fiducia” e, con lui, Barbara Ganz, giornalista de Il Sole 24Ore, che chiede all’informazione di “fare uno sforzo per porsi in modo più positivo nei confronti della realtà” e anche Giampietro Vecchiato, Docente di Teoria e Tecnica delle Relazioni Pubbliche in diverse Università e Vice Presidente della Federazione Relazioni Pubbliche Italiana che conferma come “nella comunità, l’informazione ha il compito di mettere in circolazione tutte le informazioni indispensabili per la sopravvivenza stessa del sistema” e “occorre raccontare ‘tutte’ le notizie”.

mezzopieno

Luca Streri, fondatore del movimento Mezzopieno, precisando che “ci troviamo ad affrontare la più grande crisi dal dopoguerra – spiega che nei media – è importante dare spazio all’impegno delle persone e delle comunità di reagire con buona volontà, con altruismo e con la positività. Questo non vuol dire negare la serietà della situazione e l’impegno di tutti a dover contenere il contagio, ma avere fiducia nel mondo e negli esseri umani e nella loro capacità di collaborare per il bene comune” operando per “creare una ricaduta positiva sulla fiducia della collettività, elemento fondamentale in questa fase, come in tutte le crisi”.

Anche la scienza dimostra, infatti, che la lettura di notizie che presentano aspetti positivi e risolutivi è associata ad un maggiore coinvolgimento delle persone e ad un incremento degli atteggiamenti altruistici. Conferme, in tal senso, arrivano anche dal Greater Good Science Centre dell’Università di Berkeley, partner del movimento Mezzopieno, che condivide la “Campagna nazionale per la Parità di Informazione Positiva”, oggi sostenuta da oltre 5.500 firmatari sulla piattaforma Change.org, grazie al supporto di cittadini e dei 100 giornalisti, selezionati tra i più positivi d’Italia.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mezzopieno ha coinvolto questi ultimi nella realizzazione di un protocollo che sappia favorire la diffusione delle buone pratiche e della
cultura della positività, elementi già presenti nel primo free press nazionale di sole buone notizie, “Mezzopieno News”, diffuso in tutta Italia tra la gente in ospedali, aziende, scuole, università, carceri, associazioni, enti e nel “TG delle Buone Notizie” fatto dai ragazzi delle scuole italiane.

Qui la campagna su change.org.

Vuoi cambiare la situazione di informazione e comunicazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk
L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk

Informazione costruttiva: perché il giornalismo dovrebbe essere consapevole ogni giorno
Informazione costruttiva: perché il giornalismo dovrebbe essere consapevole ogni giorno

Il giornalismo che vorrei: ecco come le notizie fanno bene (o male) alla società
Il giornalismo che vorrei: ecco come le notizie fanno bene (o male) alla società

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Gli Usa cancellano il diritto all’aborto: conseguenze e reazioni – #549

|

RAEE e riciclo di rifiuti elettronici: a che punto siamo in Italia?

|

Officina AgroCulturale Cafeci, alla scoperta della Sicilia in modo lento ed ecologico

|

Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”

|

Ucciso un altro ciclista, ma chi sceglie di spostarsi in maniera sostenibile va protetto

|

La finanza, il Covid e il controllo sociale: a I(n)spira-Azioni arriva Fabio Vighi – #12

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali