30 Mar 2020

“Pronto? Come stai?”. Ai tempi del coronavirus la solidarietà passa per il telefono

In questi giorni di isolamento forzato per comunicare spesso dobbiamo affidarci al telefono. Proprio lungo i cavi telefonici viaggiano alcune belle iniziative di sostegno e solidarietà rivolte soprattutto a persone sole e anziane, forse le più fragili in questo momento difficile. Ve le raccontiamo in questo articolo.

L’Emilia-Romagna è una delle regioni più colpite da un’emergenza sanitaria che in questa parte d’Italia ha colpito più di 10000 persone, portandosi via 1500 vite. Ma quello emiliano-romagnolo è un popolo che vanta una storia fondata su legami forti e su una innata predisposizione per il mutuo aiuto e l’attenzione verso il prossimo.

Per questo, fra le iniziative virtuose di sostegno reciproco che ormai sono diventate migliaia in tutta Italia, vogliamo segnalarvene tre nate lungo la via Emilia, tutte e tre legate alla comunicazione telefonica. La prima arriva dall’organizzazione del Festival della Lentezza, ormai celebre appuntamento sorto cinque anni fa come evoluzione della festa nazionale dell’associazione dei Comuni Virtuosi e volto a recuperare e celebrare il valore del tempo.

telefono coronavirus ant
Isabella Conti, sindaca di San Lazzaro di Savena

Si chiama “Storie al telefono” e si basa su un meccanismo molto semplice: chiunque può scrivere una mail a festivalentezza@gmail.com, indicando nome e numero di telefono della persona a cui si vuole donare una storia. Si fissa un appuntamento prestabilito e, all’ora convenuta, un narratore volontario telefona alla persona indicata.

«In questi giorni di tempo sospeso, di ansia e preoccupazione per un futuro quanto mai incerto – commenta il direttore artistico del Festival, Marco Boschini – questa iniziativa semplice e concreta vuole portare sollievo, compagnia e cultura alle persone isolate e in difficoltà emotiva. È una piccola cosa, ci rendiamo conto, ma è quanto possiamo fare ora. Siamo partiti pochi giorni fa e in poche ore abbiamo già donato tante storie, segno che c’è un estremo bisogno di sentirci più vicini».

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Dal piccolo comune di San Lazzaro di Savena, arriva la seconda storia. È quella di Isabella Conti, giovane sindaca già balzata agli onori delle cronache per aver fermato qualche tempo fa un gigantesco progetto di cementificazione e speculazione edilizia e molto attiva nell’opera di sensibilizzazione e lotta alla diffusione del virus.

All’inizio della settimana la sindaca ha pensato di chiamare i 1200 anziani residenti nel suo comune per fare quattro chiacchiere con loro, sincerarsi sulle loro condizioni e soprattutto farli sentire meno soli. Le prime chiamate sono state effettuate da lei stessa e dai suoi assessori, ma già decine di volontari si sono proposti per aiutarla in questo compito. «Ci raccontano le loro storie – ha spiegato –, l’orgoglio per essere arrivati alla loro età, le preoccupazioni quotidiane».

Angelo Da Costa, Riccardo Orsolini e Andrea Poli. Questi tre nomi diranno qualcosa agli appassionati di calcio: sono tre giocatori del Bologna FC e pochi giorni fa hanno aderito a una bella iniziativa lanciata dalla società emiliana. I calciatori hanno telefonato ai tifosi che vivono da soli, per lo più anziani, chiacchierando con loro di calcio e cercando di confortarli e farli sentire meno soli in questo momento difficile, in cui anche parlare di temi leggeri può essere taumaturgico.

Concludiamo segnalando qualche altra bella idea fra le tante che ci sono state segnalate in questi giorni. Attraverso la pagina Germe di Vita, Giovanna organizza dirette e interviste ad amici, operatori olistici e del benessere, per dare consigli semplici e per affrontare al meglio questi momenti e invita altri professionisti a unirsi all’iniziativa, specificando che «c’è nulla da guadagnare, ma tanto da condividere».

Un altro importante appello che vi invitiamo a condividere è quello lanciato da Francesca e Siriana attraverso l’operazione #maniunite, con la creazione di un portale che ha lo scopo di raccogliere in un posto le informazioni per supportare chi è in difficoltà a causa della pandemia di COVID-19. Un altro portale dedicato all’emergenza è Lumino.blog, creato da quattro ragazzi di Milano e suddiviso in tre aree: una per commemorare chi è deceduto a causa del virus, una per ringraziare pubblicamente tutti coloro che stanno combattendo in prima linea il COVID-19 e una per condividere riflessioni, pensieri, paure e speranze.

Vuoi cambiare la situazione di informazione e comunicazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Nascono gli orti collettivi di Imperia, sociali e solidali
Nascono gli orti collettivi di Imperia, sociali e solidali

Fare Inclusione: una piattaforma web aiuta le persone in difficoltà a trovare lavoro
Fare Inclusione: una piattaforma web aiuta le persone in difficoltà a trovare lavoro

52 gomitoli e mille fiori per non dimenticare le vittime di mafia #7
52 gomitoli e mille fiori per non dimenticare le vittime di mafia #7

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Pet and Breakfast: il luogo per un soggiorno green con i nostri amici animali

|

#pagenotfound, la campagna “salvanegozi” che vuole tenere in vita i piccoli produttori

|

Nell’antico borgo di Oscata si impara a fare ceste e cera d’api

|

Orto Condiviso Vesuviano, dove si crea comunità e si recuperano antiche colture

|

Dedichiamo più tempo all’immaginazione: possiamo cambiare la nostra vita!

|

AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17

|

“Vi racconto la mia esperienza di wwoofing nei campi di lavanda”