2 Apr 2020

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

Scritto da: Lorena Di Maria

È rivolto a tutti i piccoli negozi e alle botteghe d'Italia che stanno chiudendo i battenti il nuovo progetto promosso da Smart Cities Italy: si tratta di una piattaforma online pensata per offrire un aiuto ai commercianti utilizzando la vendita a distanza per contrastare questi mesi di emergenza. Il suo scopo è rafforzare le realtà locali mettendo in rete i piccoli produttori e stimolando un nuovo modo di fare economia.

Verbania - «In questo periodo di difficoltà per la situazione causata dal Coronavirus, in che modo possono essere aiutate le persone e le attività commerciali?» Questa è la domanda che si è posta l’associazione con sede in Piemonte “Smart Cities Italy”, operatore abilitante del modello di sviluppo di Alfassa, che da anni opera sui territori promuovendo l’innovazione tecnologica e comportamenti eco-responsabili per creare una nuova consapevolezza utile a migliorare i nostri stili di vita.

È una domanda che trova presto risposta nella situazione emergenziale che stiamo vivendo in queste settimane e allo stesso tempo fondamentale per individuare delle soluzioni concrete che ripensino nuovi modelli economici e alternativi di cui abbiamo bisogno ora più che mai.

photo 1549057188 efd70413345e

L’associazione è promotrice del progetto “Come aprire il tuo negozio online”, una piattaforma di e-commerce con la quale intende sostenere le piccole e medie attività comerciali come negozi e botteghe diffuse sul territorio italiano attraverso l’utilizzo di una app pensata per facilitare gli ordini e le consegne a domicilio. Si tratta di un servizio pensato per supportare tutte quelle realtà che hanno dovuto sospendere la propria attività e che, in questo modo, hanno la possibilità di vendere i propri prodotti, trovando un’occasione per reinventarsi e… ripartire.

L’app è già operativa e, considerata la situazione di emergenza, ne viene concesso l’uso gratuito per la durata di tre mesi. Sono tantissimi i suoi vantaggi: pensiamo a un piccolo negozietto che attualmente, a causa delle misure prese per contrastare l’emergenza, ha dovuto chiudere i battenti. Utilizzando senza costi la piattaforma può così creare la sua “vetrina virtuale” ed inserire i propri prodotti, le immagini e i relativi prezzi permettendo al cliente di ordinare gli acquisti online e ottenere la consegna direttamente presso il proprio domicilio.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Inoltre, come ci racconta Giovanna Menzaghi, presidente dell’associazione Smart Cities Italy, il progetto si adatta a tutti i settori come panetterie, alimentari e fruttivendoli, nella speranza che questa iniziativa possa essere un sostegno alle attività commerciali che, non effettuando consegne a domicilio, rischiano di non avere sufficienti forze per mantenere in vita la propria attività.

lane 566720 1280

«A causa di questa emergenza tante persone hanno perso il lavoro e sono sempre più sole e sempre più vulnerabili. La nostra volontà è aiutare le singole attività a ripartire e creare nel tempo un distretto sostenibile in cui i produttori locali, i commercianti, gli albergatori e le imprese acquisiscano valore all’interno della stessa rete. Per costruire un nuovo modello c’è bisogno di fare “massa critica” e di relazionarci per creare una rete sui territori dove i piccoli produttori locali diventano i veri protagonisti del futuro».

In questo modo la piattaforma vuole diventare uno strumento virtuale e innovativo che rafforza i territori attraverso uno strumento accessibile a tutti che vuole contribuire a rimettere in moto un’economia attualmente sospesa tra la paralisi del presente e l’incertezza del domani. E l’economia non può che ripartire dalla dimensione locale, dalla creazione di reti che, durante una situazione di emergenza come quella che stiamo vivendo, traggono forza le une dalle altre.

«Il nostro sogno da sempre è quello di riaprire le botteghe e restituire dei servizi utili alla comunità. Penso che quest’emergenza ci farà molto riflettere: riflettere sul nostro tenore di vita, sull’importanza di valorizzare i borghi e le piccole attività che li caratterizzano per far ripartire l’economia del Paese».

Maggiori dettagli riguardo all’app li trovi cliccando qui.

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Kalabria Eco Fest: buone pratiche e comunità per rilanciare la Calabria
Kalabria Eco Fest: buone pratiche e comunità per rilanciare la Calabria

Monica, portiere di quartiere: “Voglio combattere l’indifferenza della città”
Monica, portiere di quartiere: “Voglio combattere l’indifferenza della città”

Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328
Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Pet and Breakfast: il luogo per un soggiorno green con i nostri amici animali

|

#pagenotfound, la campagna “salvanegozi” che vuole tenere in vita i piccoli produttori

|

Nell’antico borgo di Oscata si impara a fare ceste e cera d’api

|

Orto Condiviso Vesuviano, dove si crea comunità e si recuperano antiche colture

|

Dedichiamo più tempo all’immaginazione: possiamo cambiare la nostra vita!

|

AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17

|

“Vi racconto la mia esperienza di wwoofing nei campi di lavanda”