8 Apr 2020

Matrix è dentro di noi: al via il nuovo format di Daniel Tarozzi!

A partire dalla prossima settimana ogni martedì alle 19 in diretta sulla pagina Facebook di Italia che Cambia andrà in onda “Matrix è dentro di noi”, una rubrica video condotta da Daniel Tarozzi che dialogherà con pensatori e attori del cambiamento confrontandosi con loro sulla nostra percezione della realtà e su tutto quello che c'è oltre gli schemi e gli stereotipi cui siamo abituati.

L’ispirazione viene da un film che ha fatto la storia, ma non solo. Si parlerà di realtà, e della sua messa in discussione. Ci si confronterà sugli schemi sociali e su come uscirne. Questo e molto altro nel nuovo format che sta per essere lanciato su Italia che Cambia: la rubrica video di Daniel Tarozzi dal titolo “Matrix è dentro di noi”.

Daniel, presentaci questo nuovo format. Di cosa si tratta e come nasce l’idea?
È un’idea che ho da molto tempo nella testa, addirittura da due anni forse. Da un lato l’esigenza di approfondire temi di attualità e di confrontarmi con pensatori e attori del cambiamento dall’altra la grande voglia di affrontare la realtà con punti di vista diversi e con il cosiddetto “pensiero laterale”. Sono stanco di vedere un’informazione dualistica, fatta sempre di “sì e no”, “a favore e contro”, “di qua o di là”. Spesso la verità è posta altrove, fuori dagli obiettivi delle telecamere e dalle domande preimpostate o banali.

Matrix art

Perché hai scelto questo nome?
Il film Matrix, molti anni fa, ha colonizzato il mio immaginario. Avevo sempre avuto l’impressione che la realtà là fuori non fosse come mi raccontavano. Ho subito molte inflluenze anche dal pensiero di Philip Dick e da film come Truman Show. È da molti anni, però, che sento che non ci sono macchine cattive o produzioni televisive crudeli a sfruttarmi e a mostrarmi una realtà falsata. O meglio, forse in parte ci sono, ma la matrix più grande, la più grande falsificazione della realtà, è quella che produciamo noi stessi ogni giorno. Ci convinciamo di dover lavorare, dover avere una certa relazione, dover eseguire determinati comportamenti e talmente siamo convinti di doverlo fare che non ci fermiamo mai a chiedere: “è davvero così”?

Da ragazzino lessi un piccolo romanzo di fantascienza di cui purtroppo non ricordo il titolo. Ad un certo punto il protagonista smetteva di comportarsi come tutti gli altri si aspettavano, cominciava a fare cose davvero fuori dagli schemi e dall’idea che lui stesso si era fatto di se stesso e… non succedeva niente! Gli altri continuavano a comportarsi come se lui avesse eseguito le solite azioni. Quando esci davvero da uno schema, la realtà sembra rifiutarti. Poi, piano piano, ti rendi conto che quella realtà non esisteva davvero. Eri tu a vederla in quel modo. Ti sentivi oppresso per determinate cause e le generavi ogni giorno…

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Insomma il tema è complesso, ma in sintesi voglio smontare le “matrici” che guidano i nostri pensieri, gli stereotipi, anche quelli “alternativi” e provare ad affrontare un argomento da punti di vista realmente non ideologici. Lo so, è quasi impossibile. Ma le storie che raccontiamo su Italia che Cambia mi hanno insegnato che l’impossibile si può realizzare… Quindi voglio provarci.

Puoi anticiparci i temi e gli ospiti?
Ah se li sapessi, te li direi! Per ora so solo che i primi ospiti saranno Melania e Ilaria, di Tara Facilitazione. Poi ho tante idee e nessuna certezza. Vediamo…

Chi vedremo nella prima puntata?
Forse vedrete proprio me, da solo. Credo che mi prenderò una puntata tutta per me. Voglio autointervistarmi ed esplorare alcuni concetti alla base di questo format.

A chi è rivolto?
A tutti quelli che vorrebbero seguire il coniglio bianco. A chi sente che la realtà non è come sembra. A chi non si riconosce nel “monopensiero”. A chi cerca nuove domande piuttosto che nuove risposte. A chi si interroga ogni giorno sul senso della propria vita. A chi sa di non sapere. A chi sogna un mondo in cui l’umano non vive distruggendo. A chi sogna. A chi ama.

Per un’anticipazione ascolta l’intervento di Daniel per “Danzare con la tempesta”: clicca qui!

Articoli simili
Danzare con la Tempesta: sette incontri online per seminare consapevolezza
Danzare con la Tempesta: sette incontri online per seminare consapevolezza

Guarire dai padri

Sabrina: in bici da Torino a Tirana per ritrovare sé stessa
Sabrina: in bici da Torino a Tirana per ritrovare sé stessa

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’asse anti cinese di Joe Biden – #527

|

La cosmetologa Gloriana Assalti: “Non vergognatevi del vostro corpo, valorizzatelo”

|

Da Tunisi a Milano in bicicletta: “Lo faccio per sostenere chi salva vite umane”

|

Pnrr: nominati i commissari grandi opere, ma alcuni sono sotto processo

|

23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata

|

Cosa sta succedendo al procuratore anti ‘ndrangheta Gratteri, in Calabria

|

Chiusa di Pesio: il Comune dove i muli si prendono cura del verde pubblico

|

Abitare insieme: dal buon vicinato alla comunità solidale, impariamo a vivere con altre persone