8 Mag 2020

Salviamo il patrimonio vinicolo, poesia delle nostre terre

Scritto da: Lorena Di Maria

La crisi dovuta alla pandemia Covid ha causato la chiusura di mercati, la contrazione violenta dei consumi e l’annullamento di molte ordinazioni, che stanno mettendo in ginocchio il mondo del vino piemontese, con forti ripercussioni sulla filiera agricola. Così Piemonte Land, consorzio per la tutela dei vini piemontesi illustra e propone delle soluzioni per affrontare la difficile situazione del mondo dei vini.

Cuneo - “Il vino è la poesia della terra“, disse lo scrittore Mario Soldati. Una poesia che parla di uomini e donne, che ogni giorno con il loro lavoro rinnovano il profondo legame con le stagioni e la magia del territorio.

Langhe, Monferrato, Roero sono patrimonio dell’Umanità Unesco, dove l’uva e il vino qui coltivati e prodotti sono parte della cultura dei piemontesi. Con circa 20.000 aziende vitivinicole, oltre 45.000 ettari di vigneti e più di 2 milioni di ettolitri di vino prodotto all’anno, il Piemonte è uno dei territori di eccellenza della produzione di vino nazionale, portando avanti questa lunga tradizione da secoli.

Ma, in questo strano periodo che sta mettendo in crisi tantissimi settori, anche il mondo del vino non ne è escluso. Per questo motivo Piemonte Land, che raggruppa e mette in comunicazione i Consorzi di Tutela dei vini piemontesi presenti sui territori delle varie province, ha proposto una serie di richieste alle istituzioni regionali e a quelle nazionali per mettere in luce le ripercussioni generate dalla situazione di stallo causate dall’emergenza e per salvare il mondo dei vini.

«La chiusura dei luoghi della ristorazione ha causato un’insostenibile contrazione delle vendite per molte aziende. Il rischio concreto per il vino piemontese è di non riuscire a sopportare lo stress finanziario causato dal Coronavirus» ha affermato Filippo Mobrici, presidente di Piemonte Land.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Vino piemontese1

«Per questo ci stiamo attivando in tutte le sedi opportune per chiedere misure straordinarie utili a superare questo periodo e preparare il terreno per il futuro rilancio del comparto. Fin da ora dobbiamo pianificare una grande azione promozionale per rilanciare i nostri vini da sempre ambasciatori della nostra regione nel mondo. In questo momento è fondamentale stringersi attorno alle nostre Denominazioni, dalla cui salute passa l’economia e la salvaguardia del nostro territorio». Tra le varie soluzioni che vengono messe in luce emergono:

Distillazione delle eccedenze vinicole

Per cominciare, potrebbe essere avviata una distillazione d’emergenza delle eccedenze vinicole, da avviare eventualmente alla produzione di alcol igienizzante. Questa proposta va imputata soprattutto all’incertezza sulla reale capacità del mercato domestico e di quelli esteri di assorbire le produzioni di vino piemontese. Essa dovrà essere applicata a tutte quelle denominazioni che ne abbiano necessità. Secondo Piemonte Land la quantità di prodotto da avviare alla distillazione d’emergenza si aggira tra i 250 e i 280 mila ettolitri. Questa soluzione eviterebbe giacenze di prodotto invenduto prima della vendemmia che potrebbero generare dannose speculazioni.

Vino piemontese2

Lo stoccaggio

Lo stoccaggio entra a buon titolo tra le opzioni per arginare la crisi attuale. I numeri che arrivano dai Consorzi di Tutela, infatti, parlano di una quantità di vini da stoccare che sfiora i 600 mila ettolitri, tra sfuso, imbottigliato e prodotto da avviare alla conservazione refrigerata. La riduzione delle rese, sia in vigneto sia in cantina, deve essere considerata come una delle soluzioni che possono limitare i danni della crisi da Covid-19. Le previsioni sui rapporti nazionali e internazionali di scambio sostengono che avverrà una ripresa lenta e lo scopo è quello di diminuire la produzione di uva e di vino in modo da evitare pericolosi surplus che inciderebbero in maniera negativa sui prezzi.

Vino piemontese

«Si chiede quindi con forza di dare un impulso significativo alla promozione delle Denominazioni regionali sui mercati interno e internazionale. I Consorzi di Tutela, infatti, concordano sull’importanza strategica di un grande sforzo futuro finalizzato a riconquistare e le quote di mercato perse durante la pandemia e garantire un reddito dignitoso ai viticoltori ed a centinaia di famiglie».

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La Rete Sostenibilità e Salute critica il decreto Lorenzin

Vaccinazioni, obbligo o libertà di scelta?

Malattie ambientali: l'isolamento di Luisa e gli ultimi passi della ricerca

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita