22 Giu 2020

Mother Nature: la comunità che aiuta le donne a divenire madri consapevoli

Aiutare le donne a divenire madri consapevoli, accompagnandole in un viaggio alla scoperta della maternità articolato in una serie di iniziative a contatto con la natura e vari strumenti per scoprire la propria interiorità, al fine di sviluppare benessere e creatività. Con questa finalità ha preso vita Mother Nature, progetto ideato da un gruppo di nove donne e un uomo e dedicato ai professionisti a supporto delle madri e alle madri stesse.

Terni - La maternità, soprattutto nei primi anni, è un’esperienza trasformativa unica, ricca di sfide e di doni. Cambiano le abitudini, i ritmi di vita, si stabiliscono nuovi e mutevoli equilibri al fine di conciliare i tempi di cura della famiglia, quelli lavorativi e sociali e i momenti personali, e nel farlo si acquisiscono e consolidano capacità trasversali – di risoluzione dei problemi, gestione, empatia e altre ancora.

Sebbene nella nostra società si tratti di un processo talvolta trascurato, sottovalutato o mal interpretato, diventare madri è un vero e proprio rito di passaggio verso una nuova fase della vita e, riprendendo le parole di Gurmukh Kaur Khalsa «aiutare le donne a diventare madri consapevoli (…) è forse il modo più efficace di portare la pace nel mondo».

cerchio risate

Con questo pensiero, a novembre del 2017, un gruppo di nove donne e un uomo provenienti da varie associazioni e paesi si sono incontrati per scambiare idee e metodologie educative, condividere la propria esperienza genitoriale e dare vita al progetto Mother Nature, dedicato ai professionisti a supporto delle madri e alle madri stesse. A questo primo passo ne sono seguiti altri, che si sono concretizzati in varie forme. Ci sono stati i corsi di formazione, il riadattamento della struttura del viaggio dell’eroe di Campbell al «viaggio della madre», la stesura di una guida per i facilitatori, e ancora il libro e le carte del “Viaggio alla scoperta della maternità”. Tutte tappe, queste, del percorso di creazione di una comunità internazionale di madri e professionisti a supporto delle madri all’insegna della sorellanza.

A febbraio la prima parte del progetto Mother Nature è giunta al termine e le due organizzazioni italiane – Paradiso Ritrovato e la Cooperativa Casa del Cuculo – si sono impegnate a tradurre e portare in Italia il libro “Viaggio alla scoperta della maternità” e le carte. «Il libro raccoglie 42 principi, 42 asserzioni quotidiane d’aiuto nell’essere presenti a noi stesse nel viaggio verso una maternità consapevole», ci ha raccontato Valentina Cifarelli di Paradiso Ritrovato. Ascolta la chiamata, sfida gli schemi acquisiti, abbandonati all’ignoto, ama il tuo nuovo corpo, connettiti alle radici, prenditi cura di te insieme ai tuoi figli, abbraccia la tua vulnerabilità e allineati ai cicli naturali sono, per esempio, solo alcune delle voci che è possibile trovare descritte all’intero del libro.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

MNcircle

La natura, in particolare, riveste un ruolo centrale nella visione di Mother Nature. «Il nome stesso del progetto rimanda alla natura. Abbiamo giocato anche sull’idea di come possiamo scoprire la nostra natura interiore attraverso quella esteriore», ha precisato Valentina. Assieme alla descrizione del principio sono presenti spunti di riflessione e attività, che ben si adattano sia alla riflessione personale che a lavori di gruppo.

«Tutte le attività sono infarcite da passeggiate, chiacchiere, contatto con la natura. Ci sono poi attività che possono essere svolte assieme ai figli, mantenendo però un’attenzione particolare sul benessere della madre, su come si può ricaricarsi e ricentrarsi». A sostegno del pensiero della creatività e del pensiero analogico sono state disegnate anche delle carte, una per principio, a partire dalle quali sia le madri che i professionisti possono trarre ispirazione.

Per chi avesse voglia di contribuire alla stampa in italiano del libro e delle carte, facciamo presente che dal 15 giugno al 15 luglio Mother Nature ha attivato una raccolta fondi su ideaginger.it. Nel futuro prossimo Mother Nature intende sviluppare ulteriormente le competenze, la facilitazione e creare strumenti digitali facilmente consultabili dalle madri in qualsiasi momento – video e podcast – come anche sostenere le madri nello sviluppo delle loro capacità imprenditoriali. «Molte madri hanno attivato dei cerchi e ne vogliono fare un’attività. Anche per questo bisogno, noi vogliamo essere presenti».

Articoli simili
Community School: Il territorio si unisce per contrastare la povertà educativa
Community School: Il territorio si unisce per contrastare la povertà educativa

Pet and Breakfast: il luogo per un soggiorno green con i nostri amici animali
Pet and Breakfast: il luogo per un soggiorno green con i nostri amici animali

AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17
AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Negozio Leggero, dove fare la spesa alla spina per un nuovo commercio di vicinato

|

Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina

|

EcoPlanner, eventi green perché a festeggiare sia anche la Terra

|

Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!

|

Abusi edilizi: ecco cosa sta succedendo in Sicilia

|

Giufà come Godot: gli attori scendono dal palco e diventano attivisti

|

Orsigna Arum Festival: ritroviamoci nel bosco per rigenerare noi stessi e gli altri