Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
13 Lug 2020

Creatività sensibile e artigianato: la storia di Radice Comune

Scritto da: Valentina D'Amora

Radice Comune è un centro culturale che promuove la creatività attraverso workshop, eventi, attività educative e iniziative culturali. Un luogo che semina architettura e sostenibilità e che in città è ormai diventato un punto di riferimento dove far nascere progetti e iniziative al servizio della comunità.

Radice Comune è un’associazione, uno spazio, ma anche un “contenitore”. Di idee, di persone, di opere artistiche.

Romani di nascita, Stefano Melli e Francesca Coppola sono due architetti del paesaggio, accomunati da una visione: migliorare la qualità della vita delle persone attraverso una progettazione del verde, in chiave ecologica. Insieme a Giulia Sasso, anche lei paesaggista, con la passione per la ceramica, fondano l’associazione Radice Comune nel 2017, con l’intento di dare vita a un luogo d’incontro per lo scambio di esperienze e competenze, nel centro storico di Genova.

Francesca con una composizione di Kokedama, in via San Bernardo

«L’idea – spiega Stefano – è nata proprio da un bisogno: sentivamo la mancanza di uno spazio che potesse riunire tutti quei creativi che, come noi, avessero in comune un “cuore verde”». Oltre a proporre corsi dall’approccio innovativo, che spaziano dall’erboristica intuitiva ai saponi naturali, passando per la ceramica e la stampa su tessuto, Radice Comune è anche uno spazio espositivo e di reading letterari. In città è ormai diventato un punto di riferimento dove far nascere progetti e iniziative al servizio della comunità. «Da qui – prosegue Francesca – la scelta del nome: ricerchiamo proprio quella radice che ci accomuna tutti e che parla di sensibilità e creatività».

La tessera di Radice Comune e alcuni “terrarium”, piccoli ecosistemi autosufficienti

In tutti gli incontri si affrontano, trasversalmente, tante tematiche, quali il rapporto tra uomo e territorio, le buone pratiche sostenibili e la congiunzione tra tradizione e innovazione.

Durante il lockdown, a saracinesche chiuse, i ragazzi di Radice Comune non si sono fermati: «Abbiamo deciso di mettere online moltissimi contenuti gratuiti a disposizione dei nostri soci, dalla cura delle piante fino alla creazione di un balsamo naturale per le labbra, per dare un senso al tempo sospeso della quarantena». Molti soci, però, sono ancora riluttanti all’idea di radunarsi per svolgere attività di gruppo, quindi si “viaggia a ritmi lenti”.

Il corso di ceramica

«Siamo comunque soddisfatti – concludono – di aver riavviato, con tutte le dovute precauzioni, il laboratorio di ceramica con Giulia Sasso e Ilaria Traverso e quello di erboristeria con Marco Fossati, il nostro super-esperto di piante. Vediamo cosa accadrà con la fine dell’estate e approfittiamo di questi mesi per riorganizzarci con nuove idee e ripartire alla grande!». Questo è lo spirito giusto per ricreare, in autunno, l’atmosfera che contraddistingue questo spazio, unico a Genova.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Città o paesi, dove abiteremo in futuro? – Io Non Mi Rassegno #234

|

Paolo Pallavidino: “Vado a vivere sotto i ponti per affrontare le mie paure”

|

Il Visual Garden di Ilaria: “Cambio vita e lancio un progetto per valorizzare il centro storico di Genova”

|

La scuola italiana è in crisi, ma un aiuto può arrivare dall’homeschooling

|

Il turismo responsabile che in Campania sostiene l’impegno sociale

|

Un sogno di comunità per riportare in vita il borgo rurale di Oscata

|

La sfida di Marco: si licenzia e fa il fotografo freelance… anche per suo figlio

|

La Giornata Mondiale della Metà della Terra si celebra nel Parco delle Foreste Casentinesi