7 Ago 2020

Un luogo dove mente e cuore sono in sintonia e il soggiorno si può barattare: il Risveglio naturale

Scritto da: Valentina D'Amora

A pochi chilometri da Varese Ligure, in un casale con pareti in pietra, Francesca ed Emanuele hanno dato vita a un'oasi di pace, lontana anni luce dal brusio della vita cittadina, ma anche un luogo di incontro e confronto, dove si può imparare tutto ciò che riguarda la natura.

La Spezia - Tutte le grandi conquiste iniziano con un piccolo sogno, che è la miccia che accende ogni risultato (e la scalata per ottenerlo), piccolo o grande che sia. La storia di Francesca ed Emanuele comincia con una folgorazione. Con l’arrivo della prima figlia, si rendono conto che desideravano non solo vivere insieme, ma soprattutto lavorare insieme e condividere le proprie giornate. Entrambi si impegnano a lungo per trasformare il sogno in realtà. Le qualifiche rispettivamente di naturopata e massaggiatore prima, la lunga ricerca del casale poi, sono stati un percorso durato circa quattro anni. Poi, finalmente, individuano il loro luogo “magico”, in cima alla collina, dove percepiscono che la loro visione finalmente avrebbe preso forma: da quel casale si sentono subito ammaliati, per questo, la ristrutturazione è stata conservativa, mantenendone la struttura originaria.

Risvrglio naturale Amaca

E non è difficile immaginare cosa li abbia colpiti diciotto anni fa. Una volta parcheggiata la macchina, arrivano la calma e il silenzio, subito dopo l’accoglienza sincera di Francesca ed Emanuele. Basta qualche minuto e ci si sente già a casa.

Le stanze dell’agriturismo, affacciate su prati e montagne, portano i nomi di piante e sono accoglienti e colorate: in bagno non si trova il solito kit cortesia, ma una serie di ciotoline con prodotti naturali sfusi, come polvere di dentifricio, crema corpo alla lavanda e alla rosa e saponi vegetali. Francesca produce tutto con le sue mani (e si diverte molto a farlo!).

Camera Noce Risveglio naturale
La camera noce

Sia la colazione che la cena vengono preparate con cura con le verdure e i cereali dell’orto aziendale (dal grano per il pane al mais per la polenta) o di produttori locali. Francesca si occupa della pasta fresca e dei dolci, Emanuele dei secondi. Entrambi, però, si dedicano anche alla medicina olistica, dai massaggi reiki ai trattamenti naturopatici. Francesca poi, dà a chi li desidera consigli sui fiori di Bach, che raccoglie e prepara personalmente.

E il nome, com’è nato? «Quello che desideriamo – sorride Francesca – è risvegliare l’anima e lo spirito di chi viene a trovarci: dalla fretta, dallo stress cittadino e dall’inquinamento». E in effetti il ri-sveglio qui trasmette pace. Naturale perché dal 2007 sono un’azienda biologica certificata e tutte le produzioni di ortaggi e cereali sono naturali.

Risveglio fiori rotated

Infine, ma non meno importante, qui il soggiorno si può barattare con prodotti, come la birra (per esempio quella che preparano dei ragazzi della zona e scambiano da tempo le loro produzioni con vitto e alloggio), ma anche con competenze: erboristica, scrittura creativa, cristalloterapia… Francesca ed Emanuele sono tutti orecchie per ascoltare proposte innovative. In alternativa, si può scambiare il soggiorno collaborando all’interno dell’azienda, “alla pari”: raccogliere legna, dare una mano nell’orto oppure in cucina, le possibilità di rendersi utili qui sono davvero tante, in un’ottica di scambio di competenze ed esperienze.

“Tutte le famiglie felici si somigliano” diceva Tolstoj in Anna Kareina. In un certo senso è così e ci sono case dove la felicità familiare si respira. Il risveglio naturale è una di queste.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Turismo evoluto ed evolutivo: quando il viaggio genera benessere per persone, comunità e ambiente
Turismo evoluto ed evolutivo: quando il viaggio genera benessere per persone, comunità e ambiente

Ecotono collettivo endemico: “Le esperienze in natura in compagnia sono ancora più belle”
Ecotono collettivo endemico: “Le esperienze in natura in compagnia sono ancora più belle”

Max e il suo bed and breakfast Döit, dove l’accessibilità è sinonimo di inclusione
Max e il suo bed and breakfast Döit, dove l’accessibilità è sinonimo di inclusione

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Iran, tre giorni di sciopero contro il regime – #633

|

Coca-Cola è la regina dei rifiuti plastici: cosa fare per fermare le multinazionali inquinanti?

|

Cosa porta sofferenza e cosa porta felicità? Alcune riflessioni sulla ricerca spirituale

|

Tra falafel e cultura, a Palermo Fateh Hamdan si batte per la Palestina e i diritti civili

|

RECUP Roma: “Ridiamo un valore sociale a quel cibo che ha perso valore economico”

|

Il Gridas e il “modello Scampia”: unire le forze per far rinascere le periferie – Dove eravamo rimasti #6

|

Gigliola Sigismundi: “Medicina forestale e olii essenziali, le grandi passioni che ho trasformato in lavoro”

|

Alla riscoperta di un’Italia poco conosciuta, fra borghi e piccoli contadini