27 Ago 2020

Nei mercati rionali niente più sprechi alimentari con l’aiuto degli “Ecomori”

Scritto da: Lorena Di Maria

Creare comunità e integrazione a partire dal cibo: nel mercato più grande e multietnico di Torino il progetto virtuoso RePoPP - Progetto organico Porta Palazzo distribuisce frutta e verdura invendute coinvolgendo rifugiati e richiedenti asilo che recuperano ogni giorno oltre 300 kg di alimenti che altrimenti verrebbero buttati via.

Torino - Porta Palazzo è il mercato più grande di Torino. È parte identitaria della città e chi lo vive e lo frequenta non può non rimanere affascinato dai suoi colori e dalla vivacità che lo rendono unico nel suo genere. Nel via vai che lo caratterizza, tra ambulanti, residenti, commercianti e passanti di ogni età e provenienza, c’è un gruppo di volontari che con impegno contribuisce a contrastare lo spreco alimentare in città, impiegando il proprio tempo nel recupero delle eccedenze alimentari presso i banchi del mercato.

È difficile non imbattersi nel loro banchetto, davanti al quale sono sempre numerose le persone che sostano per ricevere la propria cassetta contenente frutta e verdura di ogni tipo: mele, pere, banane, insalata, melanzane o pomodori.

Insomma, la scelta non manca e tutto questo grazie al progetto RePoPP – Progetto organico Porta Palazzo, che nasce dalla collaborazione tra Comune di Torino, Amiat Gruppo Iren, Novamont ed Eco dalle Città che, dal 2016, ha avviato un efficiente sistema di raccolta dei prodotti ortofrutticoli invenduti insieme ad attività di sensibilizzazione ed educazione alla raccolta differenziata dell’organico, di recupero e ridistribuzione delle eccedenze alimentari.

Tutto questo è possibile grazie a un gruppo di ragazzi migranti richiedenti asilo, conosciuti a Torino (ma attivi anche a Milano e Roma) come gli “Ecomori” che, in sinergia con le “Sentinelle dei Rifiuti” recuperano e ridistribuiscono i prodotti che non saranno adatti alla vendita del giorno successivo poiché parzialmente deteriorati ma che si trovano ancora in buono stato, contribuendo ad ottimizzare gli sprechi. Lo fanno tutti i giorni, dal lunedì al sabato, raccogliendo alimenti sani e genuini tra gli oltre duecento banchi del settore ortofrutticolo, per redistribuirli alle persone bisognose e a tutti coloro che ne hanno necessità.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Raccolta differenziata, contrasto allo spreco di cibo e integrazione: sono questi i pilastri del progetto che, al primo semestre del 2020, dopo tre anni di sperimentazione, ha raggiunto il 77% di raccolta differenziata e una media giornaliera che ha sfiorato i 300 kg di frutta e verdura recuperata e distribuita tutti i giorni a più di 40 nuclei familiari.

Ora, grazie all’ampio successo ottenuto, il progetto si è aperto a quattro nuovi mercati cittadini quali il mercato di Via Porpora, di Corso Cincinnato, di Borgo Vittoria e di Piazza Foroni, con l’obiettivo di dare un contributo immediato all’emergenza alimentare, ridurre la produzione dei rifiuti mercatali e contestualmente migliorare la raccolta differenziata.

Ma RePoPP non è solo un’iniziativa di economia circolare, è anche un progetto pensato per rigenerare il tessuto sociale attraverso l’integrazione di ragazzi richiedenti asilo. Così è stato creato un rapporto diretto con gli operatori del mercato e una rete solidale con le persone destinatarie delle eccedenze alimentari. Nel 2019 sono stati coinvolti nel progetto 43 richiedenti asilo e 2 in attesa di permesso di soggiorno e sono stati attivati diversi tirocini e contratti di lavoro. Ciò fa di questa iniziativa un esempio virtuoso in quanto l’attività di recupero dell’invenduto è soggetta a retribuzione, diventando un vero e proprio lavoro.

Nel periodo dell’emergenza Covid-19 è nata la “Carovana Salvacibo”, per evitare che migliaia di chili di ortofrutta fossero sprecati mentre molte persone hanno avuto scarso accesso agli alimenti. Nata nei primi giorni di aprile, la Carovana Salvacibo ha distribuito più di 120 tonnellate di alimenti, garantendo tutti i giorni un approvvigionamento costante di frutta e verdura a più di 35 realtà torinesi, tra cui 6 Snodi della rete Torino Solidale, ovvero la rete di associazioni che, insieme ai Servizi sociali della città, raccoglie beni di prima necessità. Si tratta di realtà che durante e dopo il lockdown hanno provato (e continuano tuttora) a mettere un freno alla crisi alimentare generata dallo shock causato dal Coronavirus alla nostra economia.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Bando Festasaggia 2016
Bando Festasaggia 2016

Basta plastica! Il vuoto a rendere arriva nei quartieri della movida torinese

Montemignaio Sviluppo: aspettando il Natale
Montemignaio Sviluppo: aspettando il Natale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Aumento delle bollette 2021: cosa c’è dietro ai rincari dei prezzi di gas ed energia?

|

Cosa possiamo aspettarci dalla COP26 sul clima?

|

Perché scendere in piazza per il clima? Anche il Piemonte sciopera con Fridays for Future

|

Fridays for Future e il Parco di Portofino: “Il Ministero non cancelli il nostro futuro”

|

Cambiamenti climatici: inizia un autunno molto caldo

|

Dall’arte alla psicologia, l’impegno di Paolo Valerio per il mondo transgender – Amore Che Cambia #25

|

I detenuti scrivono una lettera aperta ai cittadini: “Investite su di noi”