6 Ott 2022

La scarpa con alghe marine ed estratti naturali ideata da due fratelli

Scritto da: Lorena Di Maria

Una scarpa realizzata con alghe marine e colorata con estratti naturali ottenuti dalle piante: è questo il risultato del progetto di Andrea e Stefano, fondatori dell'azienda Barbera Biella, in collaborazione con la Tintoria Iride di Andorno Micca. Valsaar è un progetto che ricerca sostenibilità e rispetto per la natura, proponendo nuove soluzioni all'insegna di una moda più etica.

Biella - Li abbiamo incontrati qualche mese fa e oggi siamo pronti a raccontarvi un altro importante pezzo della loro storia. Parliamo di Stefano e Andrea Barbera, fratelli, calzolai, artigiani, imprenditori e dei veri tuttofare. In qualsiasi modo li vogliamo definire, una cosa è certa: anche questa volta non smettono di sorprenderci.

Stefano e Andrea vivono a Biella e proprio nel centro della città si trova la loro bottega, dove tutti i giorni li potete trovare intenti a riparare e costruire da zero nuove calzature. A fianco c’è il negozio, grazie al quale le scarpe che riportano il nome Barbera Biella sono ormai largamente conosciute in tutto il territorio biellese. Proprio qui, nel distretto tessile per eccellenza in Italia, in queste settimane i due fratelli hanno lanciato il loro nuovo modello: una ecosneaker con alghe marine e tinta con estratti naturali 100% sostenibili.

Valsaar alghe
DALLE ALGHE ALLE SCARPE

Il nuovo modello di scarpa Valsaar è stato realizzato con un materiale innovativo che ha forti benefici per il corpo. Come ci racconta Andrea Barbera, «per il nuovo progetto cercavamo un materiale che avesse delle caratteristiche sostenibili e che fosse naturale. Ad oggi sono molti i materiali da sperimentare ma volevamo qualcosa che avesse una storia forte da poter raccontare. Le alghe si sono dimostrate il materiale perfetto per la scarpa, il più possibile durevole, che volevamo realizzare».

La scarpa Valsaar è traspirante, purificante, antiossidante e detossinante, grazie alle proprietà delle alghe. La tintura delle sneakers è inoltre 100% naturale con estratti delle piante e la suola in gomma è totalmente riciclata e riciclabile. «Il processo Lyocell è un metodo innovativo, circolare ed ecologico, infatti la produzione avviene in un “circuito chiuso”, ovvero non produce sostanze chimiche come rifiuti. Il processo di creazione avviene in questo modo: le alghe vengono raccolte in maniera tale di garantire una nuova germogliazione e successivamente vengono essiccate grazie ad un processo naturale. Infine, vengono mischiate con cellulosa naturale per ottenere il tessuto».

La storia che Andrea e Stefano vogliono raccontare parte dal concetto di “fare insieme”: hanno infatti realizzato il progetto in sinergia con un’altra realtà virtuosa del biellese, ovvero la Tintoria Iride Srl, da anni all’avanguardia nella ricerca della sostenibilità. A dirigerla è Adolfo Marchetti che, come ci ha raccontato in una precedente intervista, vent’anni fa ha iniziato a scommettere sulle tinture naturali per la colorazione della lana all’interno della sua azienda specializzata in tintoria, nobilitazione e finissaggio dei tessuti.

L’obiettivo è quello di mandare un forte messaggio di positività e aggregazione per mezzo della moda etica

Azienda Iride e Barbera Biella insieme hanno unito la ricerca e la sperimentazione della sostenibilità con la capacità artigiana di una professione in via d’estinzione. «Un altro dettaglio che ci rende molto orgogliosi è il fatto che sia totalmente Made in Italy, caratteristica purtroppo non scontata nell’ambito della moda».

MODA ETICA: CONDIVISIONE E LEGAME CON IL TERRITORIO

Facendo un passo indietro nel tempo, possiamo dire che la loro collaborazione, dalla quale è poi nata un’amicizia, è partita nel 2020 con la realizzazione del primo modello di Valsaa. Si tratta du una eco sneaker in cotone organico eco-friendly e tinta da Iride Srl con gli estratti naturali delle piante.

Valsaar alghe1

«Il progetto è nato dalla collaborazione tra dieci eccellenze biellesi sulla base di valori condivisi, sostenibilità e rispetto per la natura in primis. L’obiettivo è quello di mandare un forte messaggio di positività e aggregazione per mezzo della moda etica, concetti racchiusi nel simbolo del Terzo Paradiso del maestro Michelangelo Pistoletto, il cui logo è ben visibile nell’etichetta nella parte frontale della scarpa grazie alla collaborazione con Cittadellarte e Fashion Best».

Dalla sostenibilità della moda etica a un territorio che reagisce e che, grazie alle aziende che ne fanno parte, vuole mostrare quanto il sistema moda possa proporre nuove soluzioni per ridurre gli impatti sul nostro pianeta. Dal 22 al 25 Settembre Andrea e Stefano hanno presentato la loro Valsaar al WSM White Milano, evento annuale legato alla moda. «Il fatto di aver proposto a White questa nuova ecosneaker è stato un avvenimento che ci ha dato molta energia in questo periodo difficile».

«La ricerca di mondi nuovi legati alla sostenibilità non è semplice perché si tratta di sperimentare mondi a volte poco conosciuti», conclude Andrea Barbera. «Nella fase di realizzazione di un prodotto possono venir fuori problematiche che ci mettono alla prova ma che, al tempo stesso, ci stimolano ricercare sempre cose nuove».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Boccia-cosi duci, dalla ricetta misteriosa di un panettone una passione si trasforma in progetto
Boccia-cosi duci, dalla ricetta misteriosa di un panettone una passione si trasforma in progetto

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”
Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

Remedia: erbe medicinali e alberi per la cura del corpo e per una vita più consapevole – Dove eravamo rimasti #6
Remedia: erbe medicinali e alberi per la cura del corpo e per una vita più consapevole – Dove eravamo rimasti #6

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”