7 Ott 2020

Lo Pan Ner, celebrare l’arte del pane e gli antichi saperi delle comunità

Le comunità alpine sono vive e portano avanti relazioni, tradizioni e saperi che valorizzano i territori e creano connessioni virtuose. Lo testimonia la grande partecipazione alla quinta edizione de Lo Pan ner – Il Pane Nero delle Alpi, evento in diretta streaming organizzato per celebrare l'arte del pane e l'agricoltura locale.

Salva nei preferiti

Sabato 3 ottobre si è tenuta in diretta streaming la quinta edizione de Lo Pan Ner – Il Pane Nero delle Alpi, un evento transfrontaliero organizzato dalla Regione Lombardia e dalla Comunità della segale per celebrare l’arte del pane e della panificazione, ma anche l’agricoltura naturale, locale e biologica. All’evento ha preso parte anche Italia che Cambia, con la partecipazione di Paolo Cignini che ha raccontato alcune delle storie virtuose di valorizzazione delle tipicità locali incontrate in questi anni.

La Regione, gli organizzatori, i volontari, i comuni e le comunità montane, i fornai ed i ristoratori hanno animato questo appuntamento rendendolo “un viaggio stupendo, una diretta di sette ore con migliaia di persone connesse”, si legge sulla pagina Facebook.

lo pan ner

«È stato faticoso ma siamo molto soddisfatti di come è andata. È stata un’edizione sperimentale dal punto di vista tecnologico e per questo fino all’ultimo momento c’è stata tensione. Stiamo ricevendo tantissimi feedback positivi dalle comunità e ne siamo felici. La Regione ed ERSAF hanno avuto un ruolo importante, supportandoci nell’organizzazione dell’evento. Ringraziamo in modo particolare Agostina Lavagnino, che ci ha creduto e sostenuto», afferma Fabrizio Zanotti, tra i responsabili dell’organizzazione della festa insieme a Claudio Furloni e Matteo Astori.

«L’evento – ci spiega Fabrizio – è stato incentrato sul fare il pane insieme sotto la guida del maestro Claudio Zani, cuoco errante di Slow Food. Questa “cerimonia di panificazione” è stata intervallata da una serie di interventi in diretta, servizi registrati e ospiti in studio. Abbiamo così fatto incontrare virtualmente molte comunità e possiamo dire che la formula ha funzionato».

lo pan ner 2

«Grazie a questo evento – continua Fabrizio – si sono create connessioni tra le persone che hanno iniziato a sentirsi e confrontarsi sulla realizzazione del pane, e non solo. È nato un movimento e questo è un risultato molto importante. Tantissime poi le richieste arrivate nell’ultima settimana di farine locali biologiche. C’è molto da fare e va fatto attraverso la creazione di reti e nel rispetto di quella grande eredità di sapori e saperi che chi ha vissuto prima di noi ci ha lasciato».

«A differenza di quello che a volte si pensa, le comunità alpine sono molto attive e vive. Questa festa lo ha confermato!».

Guarda qui sotto il video della prima parte della festa. A questo link il video della seconda parte.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Come va l’agricoltura in Sardegna? Ecco una fotografia scattata da chi lavora “sul campo”
Come va l’agricoltura in Sardegna? Ecco una fotografia scattata da chi lavora “sul campo”

Terra Masta diffonde nel napoletano l’agricoltura naturale e sinergica
Terra Masta diffonde nel napoletano l’agricoltura naturale e sinergica

Crisi agricola e proteste degli agricoltori: qual è la verità? – A tu per tu + #14
Crisi agricola e proteste degli agricoltori: qual è la verità? – A tu per tu + #14

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La Grecia vieterà la pesca a strascico, primo paese in Europa – #920

|

L’assalto eolico è ingiustizia climatica: le conseguenze sul patrimonio culturale sardo

|

Franco D’Eusanio e i vini di Chiusa Grande: “È un equilibrio naturale, noi non interveniamo”

|

L’arte collettiva del sognare: il social dreaming arriva in Liguria

|

Quanto inquinano gli aerei? Ecco cosa dicono i dati e le leggi

|

No border books, un kit di benvenuto per i piccoli migranti che approdano a Lampedusa

|

Intelligenza artificiale in azienda: ci sostituirà o ci renderà il lavoro più facile?

|

HandiCREA e il sogno di Graziella Anesi di un turismo accessibile e inclusivo

string(9) "nazionale"