7 Ott 2020

Lo Pan Ner, celebrare l’arte del pane e gli antichi saperi delle comunità

Le comunità alpine sono vive e portano avanti relazioni, tradizioni e saperi che valorizzano i territori e creano connessioni virtuose. Lo testimonia la grande partecipazione alla quinta edizione de Lo Pan ner – Il Pane Nero delle Alpi, evento in diretta streaming organizzato per celebrare l'arte del pane e l'agricoltura locale.

Sabato 3 ottobre si è tenuta in diretta streaming la quinta edizione de Lo Pan Ner – Il Pane Nero delle Alpi, un evento transfrontaliero organizzato dalla Regione Lombardia e dalla Comunità della segale per celebrare l’arte del pane e della panificazione, ma anche l’agricoltura naturale, locale e biologica. All’evento ha preso parte anche Italia che Cambia, con la partecipazione di Paolo Cignini che ha raccontato alcune delle storie virtuose di valorizzazione delle tipicità locali incontrate in questi anni.

La Regione, gli organizzatori, i volontari, i comuni e le comunità montane, i fornai ed i ristoratori hanno animato questo appuntamento rendendolo “un viaggio stupendo, una diretta di sette ore con migliaia di persone connesse”, si legge sulla pagina Facebook.

lo pan ner

«È stato faticoso ma siamo molto soddisfatti di come è andata. È stata un’edizione sperimentale dal punto di vista tecnologico e per questo fino all’ultimo momento c’è stata tensione. Stiamo ricevendo tantissimi feedback positivi dalle comunità e ne siamo felici. La Regione ed ERSAF hanno avuto un ruolo importante, supportandoci nell’organizzazione dell’evento. Ringraziamo in modo particolare Agostina Lavagnino, che ci ha creduto e sostenuto», afferma Fabrizio Zanotti, tra i responsabili dell’organizzazione della festa insieme a Claudio Furloni e Matteo Astori.

«L’evento – ci spiega Fabrizio – è stato incentrato sul fare il pane insieme sotto la guida del maestro Claudio Zani, cuoco errante di Slow Food. Questa “cerimonia di panificazione” è stata intervallata da una serie di interventi in diretta, servizi registrati e ospiti in studio. Abbiamo così fatto incontrare virtualmente molte comunità e possiamo dire che la formula ha funzionato».

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

lo pan ner 2

«Grazie a questo evento – continua Fabrizio – si sono create connessioni tra le persone che hanno iniziato a sentirsi e confrontarsi sulla realizzazione del pane, e non solo. È nato un movimento e questo è un risultato molto importante. Tantissime poi le richieste arrivate nell’ultima settimana di farine locali biologiche. C’è molto da fare e va fatto attraverso la creazione di reti e nel rispetto di quella grande eredità di sapori e saperi che chi ha vissuto prima di noi ci ha lasciato».

«A differenza di quello che a volte si pensa, le comunità alpine sono molto attive e vive. Questa festa lo ha confermato!».

Guarda qui sotto il video della prima parte della festa. A questo link il video della seconda parte.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate
Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

DeltArte: l’antico mestiere del traghettatore rivive grazie alla streetart
DeltArte: l’antico mestiere del traghettatore rivive grazie alla streetart

Orsigna Arum Festival: ritroviamoci nel bosco per rigenerare noi stessi e gli altri
Orsigna Arum Festival: ritroviamoci nel bosco per rigenerare noi stessi e gli altri

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna

|

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente