7 Ott 2020

Rifiuti Zero Sicilia: bloccati gli inceneritori previsti sull’isola

Una sentenza del TAR del Lazio ha premiato la mobilitazione degli ambientalisti, in particolare del movimento Rifiuti Zero Sicilia, bloccando la realizzazione di due inceneritori di rifiuti urbani inizialmente previsti dal decreto Sblocca Italia.

Sicilia - Il Dpcm del 10 ottobre 2016, in attuazione di quanto previsto dal decreto Sblocca Italia, prescriveva il potenziamento delle capacità di trattamento di quaranta impianti già presenti in Italia e disponeva la realizzazione di nuovi su tutta la Penisola.

In particolare, relativamente alla Sicilia, il testo recita che “risulta evidente l’assoluta necessità di localizzare sul territorio dell’Isola di almeno n. 2 o più impianti di incenerimento di capacità pari al relativo fabbisogno”. Secondo l’analisi condotta dal Governo, “La Sicilia presenta un fabbisogno residuo di incenerimento pari a 685.099 tonn/anno, corrispondente al fabbisogno di incenerimento in quanto la regione risulta priva di qualsiasi infrastruttura impiantistica dedicata all’incenerimento dei rifiuti”.

In contrapposizione all’ipotesi di realizzare due inceneritori sul territorio siciliano si è subito schierata Rifiuti Zero Sicilia, associazione ispirata alla strategia ideata dal chimico ambientale americano Paul Connet, che – ispirandosi al riutilizzo delle risorse che avviene in Natura – si propone di riprogettare la vita ciclica delle risorse in modo tale da riutilizzare tutti i prodotti, facendo tendere la quantità di rifiuti da conferire in discarica allo zero, in contrapposizione alle pratiche che prevedono un processo di incenerimento o discarica.

mulltonnen 3979757 1920

Proprio Rifiuti Zero Sicilia ha guidato l’azione legale per bloccare il provvedimento di realizzazione degli inceneritori previsto dal decreto del 2016, che ha portato a una sentenza del TAR del Lazio che ha accolto il ricorso presentato dagli ambientalisti: «La sentenza ha accolto uno dei rilievi che abbiamo posto all’attenzione del tribunale», spiega l’avvocato dell’associazione Giovanni Pappalardo. «Nello specifico è stata riconosciuta la necessità che il piano venisse sottoposto a valutazione ambientale strategica (VAS) prima di essere esitato. Per il governo nazionale, invece, sarebbe bastato effettuarla nella fase di progettazione di ogni singolo impianto».

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Questa vittoria dimostra da un lato l’importanza che riveste il confronto con la società civile, dall’altro la percorribilità di una strada che porta verso un nuovo modello di gestione dei rifiuti, già oggetto di sperimentazioni più che positive in diverse città italiane: sono infatti sono 309, per un totale di 6.863.468 abitanti, i Comuni che hanno già adottato la strategia Rifiuti Zero.

«Il Tar ci ha dato ragione dopo anni di impegno. Ha confermato che non si può fare a meno di confrontarsi con i territori», ha detto la presidente regionale di Rifiuti Zero Sicilia Manuela Leone. «Quando si parla di impiantistica strategica, le soluzioni calate dall’alto non vanno bene. L’obiettivo deve rimanere sempre quello di ridurre la produzione dei rifiuti, per poi gestirli puntando su riciclo».

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Recuperare i rifiuti in un mondo usa e getta

L’area ex Sacci sotto sequestro
L’area ex Sacci sotto sequestro

Una mappa dei centri di riuso e riparazione per diffondere l’economia circolare
Una mappa dei centri di riuso e riparazione per diffondere l’economia circolare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”