13 Nov 2020

L’agrichef Giorgio Nadali: il cuoco-contadino che ha cambiato vita per avvicinarsi alla terra

Scritto da: Valentina D'Amora

Gli agricoltori possono diventare agrichef per "divulgare" i saperi locali e le tradizioni contadine. Un modo per valorizzare il territorio e le ricette tradizionali. Ne abbiamo parlato con Giorgio Nadali, il cuoco-contadino che dopo aver gestito diversi ristoranti di Genova ha cambiato vita per avvicinarsi alla natura e agli animali.

La Spezia - Giorgio Nadali è il primo agrichef della Val di Vara. Fino al 2017 ha gestito diversi ristoranti a Genova fino a quando, lui e sua moglie Marcella decidono di lasciare la città e spostarsi nell’entroterra spezzino, per vivere dei prodotti della terra. Un cambio vita nato dalla passione che entrambi condividono per l’aria aperta, la natura, gli animali e la buona cucina.

Oggi Giorgio e Marcella vivono in un casolare circondato da undici ettari di terreno, coltivato a ortaggi, frutta e lavanda, e da svariati animali, tra cui gli asini, Elvis e Priscilla, che fanno subito capolino.

Mi chiedo chi sia un agrichef e quali siano le sue peculiarità, così approfondisco l’argomento con Giorgio.

Priscilla elvis
Elvis e Priscilla

Giorgio, raccontaci: chi è un agrichef?

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

«Come agriturismo La vite rossa facciamo parte del circuito Coldiretti – Campagna Amica e di CIA – Agricoltori Italiani ed è proprio da loro che ho seguito un corso per diventare agrichef. Secondo la definizione, l’Agrichef è un cuoco (o una cuoca) che esercita il suo mestiere all’interno della cucina dell’agriturismo, trasformando le proprie produzioni agricole o di aziende di prossimità, nel totale rispetto della stagionalità e dei saperi contadini. Per questo, ci riforniamo esclusivamente da agricoltori associati a Campagna Amica per tutte le materie prime di cui non disponiamo, come, per esempio, farine e olio. In questo modo, si fa anche rete tra noi agricoltori.

vite rossa ortaggi

Che differenza c’è tra uno chef e un agrichef?

Io sono stato chef “semplice” per tanti anni e i miei menu si basavano su miliardi di ingredienti, potendo scegliere anche i più svariati. Essere agrichef, in un certo senso, è più restrittivo, ma il grande valore aggiunto dei piatti sono la stagionalità e l’autenticità delle materie prime che vengono impiegate. Come “cuochi-contadini” siamo molto legati ai prodotti del territorio e per impostare i menu, ragioniamo sulla base degli ingredienti di cui disponiamo. Il menu estivo, ad esempio, è coloratissimo e basato quasi esclusivamente sulle verdure che coltiviamo sulle nostre fasce.

La vite rossaz
La vite rossa, l’agriturismo di Giorgio Nadali

A La vite rossa si possono apprezzare piatti con ingredienti locali, quindi, ma anche pernottare: chi soggiorna all’agriturismo?

Tanti stranieri, perché siamo a 40 minuti delle Cinque terre, gli amanti del trekking, che esplorano a piedi i dintorni del casolare, e i cercatori di funghi: a loro mettiamo a disposizione un cestino e il bastone e, se li trovano, la sera glieli cuciniamo anche! Vengono a trovarci anche coppie e famiglie che hanno bisogno di una parentesi di silenzio. Così, davanti al camino acceso, che “fa casa”, e a un buon bicchiere di vino, gli ospiti di tutte le età si rilassano e si godono la tranquillità di questo luogo di pace, tra l’odore di fieno e il profumo di lavanda nell’aria. Non tutti però sanno cosa aspettarsi quando arrivano qui. Il nostro è un agriturismo, qui non abbiamo piscina né tv in camera ed è stata una scelta: desideriamo che chi viene da noi, impari ad apprezzare il silenzio della natura.

La familiarità che si respira a La vite rossa vale una visita e, di questi tempi, un salto per ritirare i loro “agri-piatti” da asporto: un modo per valorizzare, se pur a distanza, il territorio della Val di Vara e i suoi prodotti.

Articoli simili
Lavorare in smartworking viaggiando tra i borghi italiani: l’idea di Smartway
Lavorare in smartworking viaggiando tra i borghi italiani: l’idea di Smartway

«La nostra vita a Cascina Granbego: lenta, consapevole e a contatto con la natura»
«La nostra vita a Cascina Granbego: lenta, consapevole e a contatto con la natura»

#39 – ALVISE: vivere senza soldi, senza spreco e inquinamento
#39 – ALVISE: vivere senza soldi, senza spreco e inquinamento

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti

|

Marta: donne e antiproibizionismo per il futuro della canapa italiana