2 Dic 2020

Pace, inclusione e solidarietà: l’impegno di Melagrana per la tutela dei diritti umani

Scritto da: Sara Capurso

Fattoria sociale, strutture di accoglienza per i minori in difficoltà, progetti nelle scuole, sostegno alla popolazione in Kenya. Sono solo alcune delle attività che in questi anni ha portato avanti Melagrana, un'associazione impegnata per promuovere la pace e i diritti umani contrastando i fenomeni di disagio, di devianza, di dipendenza e di tutte le forme di esclusione sociale e di povertà della persona.

Caserta - L’associazione Melagrana è un concentrato di solidarietà, aiuto concreto, idee, mani tese, opportunità di crescita e molto di più. “Nata nel 2001, con l’obiettivo di contrastare i fenomeni di disagio, di devianza, di dipendenza e di tutte le forme di esclusione sociale e di povertà della persona”. Se ci fermiamo a riflettere un momento, ci verranno in mente moltissime situazioni in cui purtroppo tutto questo si verifica continuamente e spesso sotto i nostri occhi. Spesso purtroppo le vittime sono dei minori.

Abbiamo parlato Roberto Malinconico, presidente dell’associazione Melagrana, e con Luigi Bove, portavoce della Fattoria Sociale Melagrana, che ci ha raccontato una moltitudine di attività concrete con cui ogni giorno l’associazione si impegna per stimolare, integrare e aiutare i giovani in difficoltà.

Fattoria Sociale Melagrana Vendemmia
Vendemmia alla Fattoria Sociale Melagrana

Tetto Rosso è uno dei progetti che Melagrana porta avanti dal 2004: una comunità di alloggio per minori dove vengono accolti ragazze e ragazzi italiani o stranieri non accompagnati e con gravi difficoltà. Grazie al lavoro di un’equipe di professionisti è stato creato un ambiente familiare di accoglienza, ascolto e aiuto concreto.

I ragazzi vengono supportati e inseriti in un percorso di formazione scolastica e professionale attraverso laboratori formativi nel campo della ristorazione e dell’agricoltura sociale. I risultati sono notevoli e a testimoniarlo è il fatto che molti di questi ragazzi hanno ottenuto delle qualifiche presso gli istituti alberghieri e collaborano con alcuni dei ristoranti più rinomati del territorio campano.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Luigi ha condiviso con noi i racconti, le foto e i video delle attività svolte e ciò che si percepisce fin da subito dai loro racconti è una grande resilienza e volontà di costruirsi un futuro.

Alcuni di questi ragazzi raccontano di essere arrivati da paesi in guerra, da soli e dopo infiniti viaggi della speranza. Nonostante questo però, ciò che trapela dalle loro parole è una grande forza di volontà nel voler studiare e lavorare, nel volersi rimboccare le maniche per fare sempre meglio e fa riflettere come siano loro stessi a criticare alcuni loro compagni di sventura che non fanno nulla aspettando che qualcuno li aiuti.

Una delle cose che non manca mai nel sentirli parlare è la loro gratitudine e riconoscenza verso Melagrana, lo fanno con un timido sorriso ed esprimendosi nella nostra lingua e anche questo trasmette un grande desiderio di farcela.

Melagrana ha dato vita a “La Fattoria Sociale” il cui obiettivo è la promozione dell’agricoltura sociale come opportunità di inserimento lavorativo di persone diversamente abili, oltre alla valorizzazione di una filiera virtuosa agro-alimentare. Tutto viene svolto insieme in un’ottica di crescita, continuo stimolo e condivisione.

Fattoria Sociale Melagrana Scacchiera

Alla fattoria si organizzano giornate dove vengono ospitate altre associazioni e dove si svolgono attività di cucina, lavorazione delle farine, preparazione di confetture, raccolta delle olive, oltre ad attività come la cura degli animali da cortile e momenti di condivisione tra giochi, ospiti esterni (come i circensi) e pasti preparati insieme.

Il Koinè Soul Food, all’interno della fattoria, è ristorante e punto di degustazione di formaggi, composte, salumi, carni, pasta, vino, olio, verdure e ortaggi a km zero, dove c’è una continua attenzione alla ricerca dei sapori, della qualità e dei processi di lavorazione e dove gli ospiti della fattoria sociale vengono coinvolti per imparare e sperimentare con mano la filiera produttiva a circuito interno.

Melagrana inoltre vanta una piccola casa editrice “Edizioni Melagrana” con un’offerta molto ampia: saggistica, poesia, narrativa. In vista delle festività Natalizie, potrebbe essere un’ottima idea acquistare uno o più libri, sostenendo così una buona causa.

Melagrana ha spesso creato un’importante sinergia tra le attività svolte, come durante le scorse edizioni di “Letture di Gusto”, evento realizzato a Caserta e incentrato sul libro, il cibo, l’ambiente, il territorio, la qualità della vita e dove i visitatori hanno potuto incontrare le persone che quotidianamente lavorano con entusiasmo per dare il loro contributo a Melagrana, degustando i frutti del lavoro svolto alla fattoria sociale.

Melagrana Marcia per la Pace 2018
Melagrana alla Marcia per la Pace del 2008

Melagrana è stata spesso presente nelle scuole come durante la “Settimana per il Benessere Psicologico in Campania”, organizzato in collaborazione con il Comune e in collaborazione con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani. L’evento è realizzato su tutto il territorio regionale con la partecipazione attiva degli psicologi campani e delle Città Amiche del Benessere Psicologico e ha coinvolto i ragazzi tramite incontri, dibattiti e seminari.

Le attività di Melgrana sono molteplici e “Impronte Sociali” è un altro progetto nato dalla collaborazione dell’associazione con altre realtà come “Yabasta!”, “Restiamo Umani” e “Nova Koinè”.

Il progetto, prima in versione cartacea è online dallo scorso 5 Giugno, una data che per molti non significa nulla ma che Melagrana ha voluto ricordare in memoria di una delle tante tragedie avvenute spesso nell’indifferenza generale. Il 5 giugno 2018 infatti ben cinquantadue persone si rovesciarono da un barcone al largo delle coste tunisine. “Impronte Sociali” vuole essere un punto di riflessione e della memoria, anche se dolorosa.

Si affrontano inoltre molteplici temi attuali di sensibilizzazione sociale come il banco alimentare, l’immigrazione e l’integrazione sociale.

Ricordare ciò che molte persone hanno vissuto e continuano a vivere quotidianamente nel mondo e intorno a noi è sicuramente un modo per non girarsi dall’altra parte. Come si legge sul sito: “La voce del silenzio acquieta le coscienze dei tanti che gridano ‘prima gli italiani!’ dimenticandosi che, senza se e senza ma, vengono prima le persone, quale che sia la provenienza, quale che sia la destinazione”.

Articoli simili
Hanno preso un forte militare e ne hanno fatto una casa famiglia

Proxima: una sartoria sociale dove ricucire tessuti e vite
Proxima: una sartoria sociale dove ricucire tessuti e vite

Le Madri di Quartiere: Un simbolo di solidarietà per gli abitanti del quartiere

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti