11 Gen 2021

WomenUp, il mondo dell’economia etica unito per sostenere il potenziale delle donne

Alcune fra le principali realtà italiane che si occupano di finanza e imprenditoria etica uniscono le forze per avviare un percorso di confronto, sostegno e diffusione incentrato sui valori fondanti dell'economia responsabile e rivolto in particolare all'universo femminile. L'iniziativa si sviluppa in sei webinar gratuiti che si terranno dal 22 gennaio al 1° marzo.

Abbiamo parlato diffusamente in passato del lavoro di Alessia D’Epiro, formatrice, coach professionista e fondatrice del progetto Womanboss, che da tempo si batte per garantire la parità di genere nel mondo professionale, aiutando le altre donne nella loro trasformazione personale e lavorativa, aiutandole a sviluppare le proprie potenzialità e a divenire imprenditrici felici e realizzate.

Abbiamo parlato anche del mondo delle B-Corporation, una rete diffusa in tutto il mondo – e in particolar modo in Italia – accomunate dalla missione di perseguire profitto mettendo al centro della strategia aziendale il benessere delle persone e del pianeta, come approfondirà durante gli incontri Nativa Lab.

womenup
Alessia D’Epiro

Da sempre infine siamo legati a Banca Etica, che in maniera pionieristica ha aperto le porte alla finanza etica in Italia e ancora oggi, a più di vent’anni dalla sua fondazione, è una delle punte di diamante di un’economia nuova, slegata dai meccanismi del mercato e incentrata sulle persone e sui loro bisogni, sul bene comune e sulla sostenibilità ambientale.

Non è quindi un caso che queste tre realtà si siano incontrate lungo la strada, insieme ad altre compagne di viaggio con finalità analoghe, come la piattaforma di crowdfunding Produzioni dal Basso, Global Think Foundation, che promuove la diffusione dell’alfabetizzazione finanziaria, Angels for women, che promuove gli investimenti verso le start up femminili, e European Women Alliance, che ha l’obiettivo di influenzare le politiche pubbliche dell’Ue per realizzare pari opportunità tra donne e uomini.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Unendo le forze tutte queste realtà hanno intrapreso un percorso comune: WomenUp, un evento online che dal 22 gennaio al 1° marzo rappresenterà un’agorà digitale nella quale esponenti riconosciute nelle aree dell’economia, della finanza del crowdfunding e B-corporation discuteranno di idee, modelli e buone pratiche per promuovere lo sviluppo di una cultura di impresa al femminile e supportare le donne a trasformare le difficoltà di fare impresa in opportunità di crescita.

nativa ezechieli
Un incontro della rete B-Corp

Perché questo evento?

La crisi legata al covid ha colpito trasversalmente tutti o quasi i settori dell’economia e della società, accanendosi in particolar modo su alcuni di essi. Questo tempo fatto di attesa, di incertezza e di cambiamenti, ha avuto un impatto negativo sulla vita di alcune donne ed è stato un forte sprone per altre. Dopo il periodo di permanenza forzata in casa, in molte è rinato prepotentemente il desiderio di riprendere in mano il proprio progetto imprenditoriale, o di farlo crescere, e prendersi del tempo per coltivare cultura e competenze per trasformarle in opportunità.

Questo ciclo di eventi sarà il trampolino di lancio per un lavoro che Womanboss porterà avanti per tutto il 2021, così come ha fatto negli anni passati. Nel corso dell’anno si susseguiranno infatti gli incontri con imprenditrici e imprenditori, professioniste e professionisti, che si impegnano quotidianamente per realizzare un’imprenditorialità sostenibile, inclusiva e consapevole. Saranno fonte di ispirazione e apprendimento condividendo esperienze, consigli e pratiche da seguire per far crescere progetti professionali e startup.

Inclusione e lingua dei segni italiana

Quello dell’inclusione è uno dei valori fondanti del progetto, che Womanboss porta avanti in tutti i suoi percorsi. In occasione di Women Up è nata una bellissima partnership con la Cooperativa “Gruppo SILIS – Onlus” (Gruppo per lo Studio e l’Informazione sulla Lingua dei Segni Italiana) con l’obiettivo di promuovere l’utilizzo della lingua dei segni italiana quale strumento di integrazione, partecipazione e pari opportunità. SILIS, infatti, da anni partecipa a progetti nazionali e internazionali di inclusione sociale in tema di sordità e riconoscimento della Lingua dei Segni Italiana. A questo proposito, l’incontro conclusivo di Women Up, che si terrà il 1° marzo, sarà accessibile attraverso il servizio di interpretariato LIS per tutti coloro che vorranno prendervi parte.

womenup 5
Le relatrici di WomenUp

Le relatrici di WomenUp e il programma

Le panelist, voci autorevoli del panorama italiano, saranno: Alessia D’Epiro (Founder Womanboss) e Alessia Centioni (Political advisor al Parlamento europeo e presidente EWA) con l’incontro introduttivo del 22 gennaio “Che nessun talento sia lasciato indietro”; Marta Dall’Omo (Project Manager di Produzioni dal basso) con il suo intervento “Crowdfunding: sostegno dal basso per un alto impatto sociale” del il 25 gennaio; Anna Cogo (Benefit Unit Officer Nativa e Co-Founder B Women Italy) che, il 1° febbraio, parlerà del tema “B-Corporation: quando il business crea valore sociale e sostenibilità ambientale”; Angela Santi (Angel Investor e membro di Angels for Women) che, l’8 febbraio, ci introdurrà nel mondo dell’“Investire al femminile”; Claudia Segre (Presidente Global Think Foundation) che ci guiderà nel “Risparmio, investimento e libertà: i pilastri dell’educazione finanziaria” il 15 febbraio, Anna Fasano (Presidente Banca Popolare Etica) che, il 22 febbraio, parlerà di “Finanza al femminile”. Concluderà il ciclo di incontri Alessia D’Epiro, il 1° marzo, con l’intervento “Come capire se la tua idea funziona e ne vale un’impresa”.

«Ho la profonda convinzione che nessun talento debba restare indietro – conclude la fondatrice di Womenboss Alessia D’Epiro – per questo ho ideato WomenUp: un’opportunità in più per tutte le donne di essere accolte e sostenute nello sviluppare il proprio sogno imprenditoriale».

Per iscrivervi gratuitamente a tutti i webinar in diretta di WomenUp cliccate qui.

Articoli simili
Il Casentino e le sue donne
Il Casentino e le sue donne

Se non ti interessa questo articolo, non ti interessa l'Italia che Cambia

Il Piano rom nella città di Roma, tra diritti violati e marginalità sociale
Il Piano rom nella città di Roma, tra diritti violati e marginalità sociale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti