Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
22 Feb 2021

“Educazione alimentare e massaggi, così insegno alle persone a stare bene”

Scritto da: Valentina D'Amora

Il termine "dieta" deriva dal latino e significa letteralmente "stile di vita". Ilenia Vìzzari è una dietista genovese che ha voluto ispirarsi a questo concetto per realizzare un centro che propone piani alimentari, ma anche massaggi per ritrovare il proprio benessere e imparare a stare bene.

Ilenia ha 28 anni ed è una dietista che ha deciso di cambiare vita e realizzare finalmente il suo sogno: aprire un centro dedicato alla sana alimentazione e ai massaggi nel centro di Genova.

Dopo aver lavorato tre anni in una nota catena di erboristerie, in cui ha avuto modo di approfondire la fitoterapia e la cosmesi vegetale, oggi ha deciso di creare un luogo a sua misura, in cui la dieta non è solo una lista di cibi in grammature, ma riprende il suo significato etimologico. Un nuovo “stile di vita” a tutto tondo, capace di dialogare con la dimensione olistica, oltre che con la bilancia.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

ATTIVATI

«Mentre lavoravo, mi sono iscritta alla Scuola di Massaggio ArteCorpo e mi sono formata in massaggio tradizionale, massaggio olistico bioenergetico e riflessologia plantare. Un’esperienza che mi ha dato tanto, infatti oggi faccio parte dello staff dei docenti e insegno Dietetica all’interno del corso di massaggio in spa e wellness». Ho voluto approfondire questo argomento così ricco di sfumature e farmi raccontare la sua storia.

Come e quando ti sei appassionata al mondo dell’alimentazione?

La mia passione per il cibo nasce ai tempi delle elementari, quando portavo a casa il libretto della mensa scolastica e lo usavo per giocare a fare la dottoressa che scriveva i menù per i bambini nelle scuole. Da piccola ero allergica alle uova, perciò ero abituata a prestare molta attenzione alla lettura degli ingredienti di ciò che mangiavo: a scuola avevo un menù speciale dedicato alla mia allergia, ma questo non mi ha mai fatta sentire esclusa, anzi, ero curiosa di vedere ogni giorno le differenze tra i miei piatti e quelli dei miei compagni. 

Ilenia nel suo studio

Quando al liceo ho iniziato a studiare biologia ho capito che approfondire le tematiche di una sana alimentazione sarebbe stata la mia strada. Mi sono laureata in Dietistica con il massimo dei voti all’Università di Genova e l’anno dopo ho frequentato il Master in Disturbi Alimentari e Obesità presso l’Istituto “Il Miller”, Scuola di Psicologia e Psicoterapia cognitivo-comportamentale di Genova. Non avendo la disponibilità economica per aprire subito un’attività, ho deciso di cercare lavoro per mettere i soldi da parte per realizzare il mio sogno in un secondo momento. E ora quel momento è arrivato.

Spiegaci l’idea della combinazione innovativa “dieta + massaggi” che proponi nel tuo studio.

È proprio durante questo difficile momento storico che ho realizzato quanto sia importante tirare fuori il coraggio e costruire qualcosa di nuovo, che possa essere utile alla collettività. Ecco come, sulla base delle mie competenze e delle mie passioni, la sana alimentazione e i massaggi, è nato il mio centro, che ho chiamato LinfaDiet.

Il nome nasce dall’unione dei termini linfa – ovvero “che dà sostegno spirituale” – e dieta – che significa “stile di vita” – e in questo centro desidero dare sostegno a tutti coloro che desiderano ritrovare la forma e il benessere attraverso uno stile di vita sano e una corretta alimentazione, ma anche grazie all’energia di un massaggio.

Ad ogni percorso dietetico abbino un ciclo di massaggi professionali per alleviare lo stress e le tensioni muscolari e migliorare l’aderenza alla dietoterapia: il massaggio, infatti, ha il potere di stimolare il rilascio di endorfine, gli ormoni del benessere, che hanno la capacità di influire positivamente sul nostro stato d’animo e sono coinvolte nel controllo dell’appetito e dell’attività gastrointestinale.

Come ti sei avvicinata alla dimensione olistica?

Considerare il proprio corpo come un complesso unico e non come un semplice assemblaggio delle sue parti (come una macchina) mi ha sempre affascinato. Per aiutare la persona a raggiungere uno stato di benessere completo e duraturo nel tempo, l’approccio olistico è fondamentale, perché avere una visione globale dell’individuo permette di intervenire sia a livello corporeo sia a livello mentale. In quest’ottica, propongo ai pazienti un percorso unico, che comprende aspetti fisici, mentali ed emotivi.

Come definisci il tuo lavoro?

Come dietista, aiuto le persone ad alimentarsi in maniera corretta, consigliando la soluzione che meglio si adatta alle singole esigenze alimentari e nutrizionali. Ma mi piace molto anche progettare interventi di educazione alimentare, rivolti a singoli o a gruppi come famiglie, scuole, aziende e comunità oppure piani dietetici per pazienti con patologie, previa prescrizione medica attestante la diagnosi.

Quanto pensi sia importante l’educazione alimentare oggi?

L’educazione alimentare è fondamentale per prevenire l’insorgenza di sovrappeso, obesità, disordini metabolici e altre patologie che possono, a loro volta, portare a gravi complicanze a livello cardiovascolare. Il periodo storico che stiamo vivendo ci costringe a restare più spesso in casa e a condurre una vita tendenzialmente più sedentaria. Per questo è necessario prendere coscienza di quanto sia importante mangiare in maniera equilibrata e praticare attività fisica per mantenersi in salute.

Perché la dieta non deve far pensare a un elenco di privazioni, ma a un piano alimentare completo e un nuovo stile di vita, per ritrovare e, soprattutto, mantenere il proprio benessere.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Le morti dei lavoratori migranti per i mondiali in Qatar – Io Non Mi Rassegno #320

|

Ambiente e verde: come saranno fra vent’anni dipende da noi

|

Viaggio nell’Amore (e nel sesso) Che Cambia: ecco i primi incontri! [FOTO]

|

Pachamare, l’ecovillaggio diffuso che riallaccia il legame con la Terra

|

È davvero ora di cambiare, anche nel rapporto fra esseri umani e animali

|

Minì, le piantine nelle microserre per educare alla natura

|

Solidarietà allo spazio sociale romano Ex Lavanderia

|

All’Università di Torino si insegnano benessere e felicità agli studenti