21 Dic 2022

Regali etici per un Natale più sostenibile e consapevole

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Ancora alla ricerca di regali per Natale? Perché non provare, nonostante la frenesia del momento, a fermarci e riflettere su qual è il significato di questo momento e cosa possiamo donare "davvero" alle persone a noi care? Ecco alcuni spunti per regali più etici e sostenibili da attività della nostra regione.

Savona - Si fa presto a parlare di regali solidali: vetrine e claim pubblicitari ci inondano in questo periodo dell’anno di parole e messaggi di vario genere per cercare di attrarre la nostra attenzione e convincerci ad acquistare, scegliendo l’uno piuttosto che l’altro prodotto.
Non è facile riuscire a resistere, a scegliere con consapevolezza il regalo migliore da fare, tenendo in considerazione tutti quegli elementi che in altri momenti dell’anno avremmo valutato senza problemi.

L’entusiasmo, la mancanza di tempo, e spesso l’incertezza giocano brutti scherzi, tanto da farci trovare alla fine con oggetti appariscenti tra le mani, destinati a un utilizzo discutibile, che verranno poi messi in qualche armadio dal destinatario del pacco e lì dimenticati.

Progetto senza titolo4 2

Non solo. Materiali scadenti, creati a migliaia di chilometri di distanza, utilizzando materie prime estratte, coloranti artificiali, sfruttamento di persone. E quindi? Meglio non acquistare nulla? In generale credo che la scelta migliore debba essere quella di autoprodurre ciò che doniamo e se proprio non riusciamo per svariati motivi, optiamo almeno per regali realmente utili e significativi.

I festeggiamenti in questo periodo dell’anno hanno origine in antichità quando si festeggiava il solstizio invernale, ovvero superato il giorno più buio dell’anno, la luce tornava ad aumentare. Sono moltissimi i rituali nelle culture pagane antiche che si sono sovrapposte a quelle del Natale.

Il miglior augurio è quello di abbandonare il consumismo e la futilità di pensieri, parole e oggetti superflui

Allora come oggi l’invito che riceviamo è quello di scendere nel proprio buio interiore, per poter riuscire a far riemergere la luce, rinascendo a nuova vita. E il miglior augurio che si possa fare a noi stessi e alle persone a noi care è di farlo con consapevolezza, abbandonando il consumismo e la futilità di pensieri, parole e oggetti superflui, optando invece per qualcosa che passi dal cuore, che abbia un significato per chi lo dona, come per chi lo riceverà.

Ma non solo, poiché c’è dell’altro: informazioni apparentemente non visibili di chi l’ha creato, delle emozioni assorbite, dei possibili “danni” creati con materiali poco etici per il mondo, dei chilometri di distanza che ha dovuto compiere per arrivare sino a noi. Abbiamo pensato quindi di darvi qualche spunto di progetti sostenibili che propongono per queste feste regali altrettanto sostenibili, ma ce ne sono mille altri, magari proprio vicino a te, e chissà che da una chiacchierata per un regalo non possano nascere anche collaborazioni, amicizie tra persone impegnate in ambiti diversi alla ricerca di un mondo migliore.

Progetto senza titolo5 1

Ecco allora qualche spunto per voi:

  • La Bottega della solidarietà di Savona, che offre diverse alternative alimentari e non, etiche e sostenibili;
  • A.B.E.O. Liguria O.D.V., l’Associazione Ligure del Bambino Emopatico ed Oncologico O.D.V. ha inserito una serie di regali e donazioni sotto il progetto di sostegno RegalAbeo;
  • Donare cesti di alimenti ad Empori di sostegno dei meno abbienti, che consentano festeggiamenti anche ai meno fortunati;
  • Una delle creazioni degli artigiani e artisti di Fatto a Mano, realizzate e proposte nelle botteghe del borgo medievale ligure di Finalborgo;
  • Save the children da molto tempo propone diverse opzioni per regali solidali che vanno a supportare i loro progetti;
  • Regala un albero con Treedom, che permette di piantare alberi a distanza e seguire online la storia del progetto che si contribuisce a realizzare
  • Emercency propone anche una lista regali, un cui ci sono una serie di regali virtuali che rappresentano le attività concrete nei loro progetti, da poter donare tramite un contributo

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica
Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

Veronica Saetti racconta Buy Nothing, il modello economico fondato sul dono e sulle relazioni
Veronica Saetti racconta Buy Nothing, il modello economico fondato sul dono e sulle relazioni

Io creo i tuoi regali: l’iniziativa di Anna e Valeria che a Natale sostiene l’economia di prossimità
Io creo i tuoi regali: l’iniziativa di Anna e Valeria che a Natale sostiene l’economia di prossimità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Usa e Germania inviano i carri armati: cosa succede? – #660

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”

|

Dall’Australia a Mussomeli. Danny McCubbin con The Good Kitchen prepara pasti gratis per chi ne ha bisogno

|

L’endocrinologo Giovanni Frajese: i vaccini a mRNA influiscono sul sistema ormonale?

|

Wakhan, il corridoio che collega Cina e Afghanistan dove le minoranze vengono sacrificate

|

Veronica Saetti racconta Buy Nothing, il modello economico fondato sul dono e sulle relazioni

|

Kukì e il canto del fiume