26 Mag 2022

A Genova inaugura la prima panchina della gentilezza, verniciata dai bambini di Sampierdarena

Scritto da: Valentina D'Amora

Una panchina in un parco pubblico sta per diventare un simbolico luogo di incontro e di scambio intergenerazionale. Un progetto nato dal basso che mette al centro i più piccoli: il nido-scuola infanzia Baby Sapiens di Genova, che da anni porta avanti l’idea di un outdoor urbano per l'integrazione nel territorio, ha equipaggiato con pennello e vernice viola gli alunni, i quali hanno colorato una panchina di Villa Scassi, trasformandola nella prima panchina della gentilezza del capoluogo ligure.

Genova - Uno dei tanti aspetti stimolanti del mio lavoro è quello di prendere ogni giorno ispirazione dalle tante iniziative dal basso che rendono migliore un territorio. Lasciarmi contagiare dalle idee belle, sane e, allo stesso tempo, semplici tocca da sempre le mie corde, per questo, quando ho scoperto il progetto nazionale Costruiamo gentilezza è subito scattata in me la voglia di prenderne parte attivamente. Mi sono informata, quindi, su come realizzare una panchina della gentilezza nel quartiere dove sono nata e cresciuta e dove ho scelto di continuare a vivere.

Ho subito pensato alle questioni pratiche, dai permessi, con il patto di collaborazione, alle vernici, senza soffermarmi sui soggetti. Ed ecco che un’altra lampadina si è accesa: perché non coinvolgere i piccoli abitanti di Sampierdarena? Detto fatto, mi sono rivolta subito alla scuola che frequenta mia figlia per capirne la fattibilità e insieme a Romina Stillitano, la titolare della struttura, abbiamo dato in poco tempo vita al progetto da proporre all’amministrazione municipale. Dopo qualche tempo veniamo audite in commissione dal Municipio II – Centro Ovest: la proposta viene accolta con entusiasmo alla quasi unanimità. Ed eccoci, con ventisei bambini vestiti con “magliettone” prestate da papà o zii, un cartello con scritto “Attenzione: qui si costruisce gentilezza“, pennelli e pittura lilla.

vernice viola bimbi
UN VALORE DIMENTICATO

Cos’è la gentilezza? L’etimologia ci riporta originariamente all’importanza del contesto sociale con cui si interagisce – dal latino gens – sino ai giorni nostri, in cui la delicatezza nei modi e nelle intenzioni prende sotto braccio la nobiltà, ma non quella di sangue, bensì quella d’animo. “Ovunque ci sia un essere umano vi è possibilità di gentilezza”, diceva Seneca. E questo valore – che sia innato o appreso negli anni – esprime al meglio la propria persona, diventa un inno alla bellezza e tutto ciò che a essa è legato e rafforza il carattere.

In questo momento storico così particolare, perché non provare a costruire un mondo migliore a partire proprio dalla gentilezza? Ecco, quindi, il primo tassello di questo piccolo grande puzzle che parte dalla cittadinanza attiva: la prima panchina della gentilezza del capoluogo ligure sorgerà in una villa storica, Villa Scassi, a Sampierdarena, nel cuore del quartiere dove la scuola si colloca.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

DALL’APPROCCIO PEDAGOGICO ALLA PANCHINA DELLA GENTILEZZA

«Quando 14 anni fa si è concretizzato il mio desiderio di aprire una struttura educativa che ben si integrasse nel territorio, non avrei mai pensato a un’opportunità così arricchente», sottolinea Romina Stillitano, titolare del Baby Sapiens. La scuola, che negli anni si è trasformata da micronido a nido per diventare infine un centro per l’infanzia 0-6 anni, ha rimodulato anche gli spazi interni per ispirarsi ancora di più a un progetto pedagogico che ogni giorno punta su quella spontanea condivisione e sul rispetto reciproco che si instaurano naturalmente tra bambini di diverse fasce di età.

Per questo motivo all’interno della struttura è stato creato uno spazio ampio e aperto denominato “piazza”, dove i piccoli possono ritrovarsi a condividere con gli altri le proprie esperienze ed emozioni, proprio come avviene per noi adulti nelle “agorà” delle città. Dare vita a una panchina della gentilezza, coinvolgendo attivamente i bambini nella verniciatura, diventa così un modo concreto, seppur simbolico, per dare il proprio contributo a un mondo migliore, a partire dal quartiere. Ispirato al progetto nazionale Costruire gentilezza, la panchina viola non farà diventare più gentili le persone, ma ricorderà a tutti i passanti l’importanza di esserlo sempre.

«L’intento è quello di sensibilizzare la comunità, soprattutto dopo un periodo lungo e difficile in cui si sono un po’ persi i valori della gentilezza e dell’altruismo», prosegue la Stillitano. Il progetto non si limita alla coloratura della panchina, perché diverrà un punto di incontro di svariate iniziative sul territorio, affinché la gentilezza si trasformi in un’abitudine sociale diffusa, capace di infondere benessere a tutta la comunità.

panchina della gentilezza genova
IL LUOGO SCELTO

La panchina individuata si trova vicino all’area giochi inclusiva Creuza de mä, nella parte inferiore di Villa Scassi, destinazione di molte delle uscite dei piccoli allievi del Baby Sapiens. «Con il nostro progetto di outdoor urbano siamo soliti passeggiare fuori dalla struttura, in compagnia della nostra amica corda, e fare capolino anche a Villa Scassi: per questo ci auguriamo che la panchina viola possa custodire futuri atti e momenti di gentilezza, proprio al nostro “solito” posto”».

Perché non provare a costruire un mondo migliore a partire proprio dalla gentilezza?

«Durante le nostre settimanali “passeggiate”, spesso ci ritroviamo a condividere sorrisi e tempo con la comunità. In questo senso la panchina può diventare proprio un luogo di scambio anche generazionale, in cui i cittadini diventano parte attiva di una comunità educante». Un punto di incontro insomma, dove ogni gesto di gentilezza è consentito. All’iniziativa ha preso parte anche la pittrice Mara Fedele, titolare dell’atelier d’arte L’Albero Magico (ve ne abbiamo parlato qui), che dipingerà la frase gentile e decorerà la panchina con tante piccole margherite, simbolo della gentilezza.

La panchina della gentilezza verrà ufficialmente inaugurata lunedì 30 maggio alle ore 10:30, in presenza del Municipio II – Centro Ovest. Il progetto è stato sponsorizzato da GRUPPO BOERO, che ha fornito le vernici e gli smalti alla scuola.

Articoli simili
What a festival: un appuntamento per ripensare il ruolo dei grandi eventi in Sicilia
What a festival: un appuntamento per ripensare il ruolo dei grandi eventi in Sicilia

Barbara Cassioli racconta a I(n)spira-Azioni il suo viaggio a piedi e senza soldi attraverso l’Italia – #10
Barbara Cassioli racconta a I(n)spira-Azioni il suo viaggio a piedi e senza soldi attraverso l’Italia – #10

Educazione territoriale: il ruolo dell’educatore nel sostegno di ragazzi e bambini
Educazione territoriale: il ruolo dell’educatore nel sostegno di ragazzi e bambini

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne