13 Mag 2021

Mediazione tra pari: ecco la scuola dove i bambini fanno pace senza adulti

Scritto da: Alessia Rotolo

In una scuola di Palermo tutte le controversie vengono risolte da bambini-giudici tramite un sano confronto per trovare un accordo, ma con delle regole precise. La vicepreside dell'istituto ci racconta come funziona questo metodo, qual è stata la strada che ha portato ad adottarlo e quali sono gli effetti positivi che restituisce ai ragazzi.

Nelle scuole le controversie tra i bambini e i ragazzi vengono spesso risolte con l’intervento esterno di un adulto che decreta chi ha ragione, chi torto e chi dovrà chiedere scusa, anche se molto spesso dati i conflitti pregressi, i piccoli torneranno ben preso a litigare. In un istituto comprensivo – che include scuola d’infanzia, primaria e secondaria di primo grado – con due plessi, uno nel quartiere Noce e l’altro alla Zisa di Palermo, si sperimenta la nuova tecnica, risultata vincente, della mediazione fra pari: a mediare tra i due litiganti è un coetaneo.

mediazione tra pari 2

Tutto nasce grazie a un progetto Erasmus a cui la scuola palermitana ha partecipato insieme a tanti altri istituti di altri paesi, fra cui la Turchia, che già da sette anni sperimenta questa metodologia innovativa. «Qui in Italia la modalità per affrontare i conflitti tra studenti – spiega la professoressa Marilena Salemi, vice preside – è legata all’intervento di un adulto, che commina una sanzione e decreta chi è la vittima e chi il colpevole. Al contrario, tra pari si prova a ragionare insieme e a superare il contrasto e gli attriti preesistenti, ma seguendo delle regole ben precise che devono essere messe in campo da ogni parte coinvolta».

La professoressa Salemi, insieme ad altri colleghi della scuola Antonio Ugo di Palermo, ha visitato la scuola turca formandosi sulla “mediazione tra pari”. Al ritorno in Sicilia, il primo passo è stato selezionare degli studenti mediante dei test oggettivi, poiché i mediatori devono avere delle caratteristiche specifiche: la capacità di ascoltare, pacatezza e la propensione a essere neutrali. Questa modalità di gestire i conflitti parte infatti dalla consapevolezza che nessuno ha ragione, ma una parte di ragione o di torto ce l’hanno tutti i contendenti; dopo che essi hanno preso coscienza delle cause del conflitto quindi, devono trovare delle soluzioni insieme, sempre grazie alla conduzione del loro compagno mediatore.

mediazione tre pari 1

Devono essere i ragazzi in conflitto a chiedere che avvenga la mediazione. Per mettere in pratica quella che ormai è una modalità consolidata – e anche apprezzata dai ragazzi della scuola – si è dedicato uno spazio neutro, un’aula della mediazione dipinta di blu. È stato anche acquistato un tavolo apposito a forma di triangolo alla base del quale siede il mediatore in modo che le due parti in causa si possano guardare in faccia. Alle pareti ci sono le regole da seguire: non urlare, non insultare, non infierire, non interrompere, non dire parolacce. Se e quando si arriverà alla risoluzione del conflitto si compilerà un patto, una specie di contratto dove si dice che la mediazione è andata a buon fine, ed entrambe le parti in causa firmeranno per sancire la pace.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

«I ragazzi chiedono spesso questa modalità di risoluzione dei conflitti», conclude la professoressa Salemi. «Sono circa trenta i mediatori; siccome è già un paio d’anni che abbiamo adottato questa prassi, diversi mediatori che prima frequentavano la scuola primaria adesso sono nella secondaria. Non appena la scuola tornerà ad avere un assetto di normalità, in presenza, formeremo nuovi mediatori nella scuola primaria. Siamo convinti che la mediazione sia una forma di civiltà. Sviluppare nei ragazzi questa metodologia ha un forte impatto anche nella loro vita sociale: quando i ragazzi si trovano a vivere i conflitti con un bagaglio di questo tipo rafforzano il loro autocontrollo. La motivazione nella crescita dello studente è fondamentale».

Articoli simili
Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese
Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

Mille studenti uniti per rendere le loro scuole plastic free
Mille studenti uniti per rendere le loro scuole plastic free

Gru.Co, il bicibus che accompagna i bimbi a scuola in sicurezza
Gru.Co, il bicibus che accompagna i bimbi a scuola in sicurezza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Le “follie” del Centro America, fra criptovalute e nuove dittature – Io Non Mi Rassegno #386

|

Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

|

Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?

|

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

|

Asili nel bosco, una “foresta di relazioni” per un futuro migliore

|

Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

|

Ricominciamo 2021: il Casentino riparte all’insegna di arte, musica e natura

|

Impariamo dagli animali a stare bene con noi stessi e con gli altri