17 Giu 2021

Allenurbis:“Con arte e sport costruiamo una comunità attenta e inclusiva”

Scritto da: Valentina D'Amora

Pittura, tiro con l’arco, canottaggio, trekking, nordic walking e molto altro. Allenurbis è un progetto sfaccettato e innovativo, basato su intento semplice: giocando insieme si può superare ogni difficoltà. Praticare uno sport è importante sempre e a tutte le età, soprattutto in un periodo storico come questo, perché, al di là dell'attività fisica, dona ai ragazzi benefici psicofisici e sociali, oltre a sanare insicurezze.

La Spezia - Come si migliora la vita della comunità? Una collettività attenta sa tenere conto dei bisogni di tutti coloro che ne fanno parte, con un occhio di riguardo alle persone più fragili. Il 2020 è stato un anno particolarmente complesso, soprattutto per le famiglie con bambini o ragazzi disabili, confinati all’interno delle mura domestiche insieme ai loro caregiver. Un’emergenza nell’emergenza.

Proprio a partire da questi presupposti, nasce “Allenurbis Cimenti sportivi urbani”, che ha un intento chiaro, come spiega Paolo Cornaglia Ferraris, il presidente della Fondazione Aut Aut, capofila di questo importante progetto di inclusione sociale: «Vogliamo tirare fuori i ragazzi dalle case in cui la disabilità li ha relegati durante questo ultimo anno e mezzo, proponendo un ventaglio di attività sportive, sociali e soprattutto socializzanti, rivolte a una fascia di popolazione che è stata fortemente penalizzata».

Sport acquatici, canottaggio, tiro con l’arco, trekking, nordic walking, ma anche sport di squadra per stimolare la cittadinanza attiva anche dei ragazzi con disabilità. Leader in Europa, il progetto, finanziato dalla Fondazione Carispezia e dal Fondo Sociale Europeo, non è un caso che fiorisca proprio nello spezzino, un territorio fertile e capace di ascoltare i bisogni dei più fragili per costruire un una cittadinanza migliore.

s anna hostel spezia

GLI ATTORI DEL PROGETTO

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Allenurbis raduna tre importanti realtà territoriali: la prima è Fondazione AUT AUT, che riunisce due grandi associazioni spezzine di genitori di ragazzi autistici – Fondazione Il Domani dell’Autismo e A.G.A.P.O. odv – per promuovere, presso le strutture turistiche Luna Blu e Sant’Anna Hostel, l’inclusione socio-lavorativa di ragazzi con autismo e patologie correlate; poi c’è Anffas, che si occupa da sempre della tutela dei diritti di persone con disabilità, e infine la Cooperativa sociale I Ragazzi della Luna, che gestisce la locanda “Luna Blu” ed è attiva nel campo dell’inserimento sociale e lavorativo.

In un intreccio di istituzioni, fondazioni, associazioni del terzo settore – oltre, naturalmente ai cittadini – Allenurbis creerà preziose opportunità che incoraggeranno anche la partecipazione attiva e rinsalderanno i legami sociali tra le persone che vivono sul territorio.

SantAnna Hostel AUT AUT
L’area dove verrà allestito un campo di tiro con l’arco – Allenurbis

LO SVILUPPO

Il progetto, di durata biennale, vedrà coinvolti 140 ragazzi per circa 5.000 ore di sport e laboratori. «Sono previste attività sportive sia di carattere agonistico che amatoriale, iniziative di sensibilizzazione nelle scuole, oltre a percorsi di formazione per educatori e operatori», spiega il presidente di AUT AUT.

L’obiettivo primario è semplice: favorire l’inclusione a tutti i livelli attraverso modalità nuove e mai sperimentate prima. «I ragazzi autistici che coinvolgeremo potranno diventare i protagonisti di attività che promuoveranno l’aggregazione, incoraggiandone ulteriormente l’autonomia e il loro inserimento nel mondo del lavoro».

A fine progetto, una maratona attraverserà i luoghi storici di La Spezia e sarà un’occasione per attirare in città persone e famiglie dalla Liguria e da tutta Italia. Camminare insieme, verso un futuro comune.

Il progetto, vincitore del Bando “Abilità al Plurale 2” di Regione Liguria e finanziato dal Fondo Sociale Europeo, è sostenuto da ASL 5 Spezzino, dai Distretti Sociali 17 Val di Vara, 18 Il Golfo, 19 Val di Magra, dall’Ufficio Scolastico Provinciale, dall’Associazione Special Olympics e da Fondazione Carispezia, e vede la collaborazione di Isforcoop, come ente formativo accreditato.

Vuoi cambiare la situazione
della disabilità in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Una nuova cultura della disabilità: poter fare le proprie scelte di vita
Una nuova cultura della disabilità: poter fare le proprie scelte di vita

La Semente: coltivare il futuro dei ragazzi autistici

A Torino nascono i parcheggi “intelligenti” per le persone con disabilità
A Torino nascono i parcheggi “intelligenti” per le persone con disabilità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il crollo della natalità è davvero un problema? – #530

|

Erbe storne, la rassegna organizzata da un gruppo di teatranti per rendere omaggio alla comunità che li ha accolti

|

Seminare comunità: ecco la ricetta formativa che unisce agricoltura e abitare collaborativo

|

La Mia Banda è Pop: la devianza giovanile si combatte attraverso cura e giustizia riparativa

|

Malìa Lab: la sartoria artigianale etica di Flavia, tornata in Calabria per restare

|

Spazzamondo: anche quest’anno tornano i cittadini attivi per l’ambiente

|

In Sardegna c’è una Food Forest che riduce l’impronta ecologica facendo piantare alberi ai viaggiatori – Io Faccio Così #355

|

Emergency: “Ecco come aiutiamo la Moldavia ad accogliere i profughi ucraini”