16 Lug 2021

In Alto Piemonte l’enoturismo promuove il territorio tramite tecnologia blockchain

Scritto da: Lorena Di Maria

In Alto Piemonte il vino diventa “ambasciatore del territorio”: attraverso un progetto di promozione turistica sono state coinvolte dieci cantine che, grazie all’uso di etichette digitali e della tecnologia Blockchain, potranno far conoscere i propri vini e la storia di ognuno di loro. Così l’innovazione si unisce alla promozione della filiera agroalimentare per valorizzare l’enoturismo e le eccellenze locali.

Novara - La viticoltura in Alto Piemonte è una tradizione millenaria: tra vitigni autoctoni e un clima favorevole e tipico della zona prealpina italiana, questa pratica è da sempre parte integrante della storia, dell’enoturismo e dell’economia locale. E sono proprio turismo e vino, con l’aggiunta della tecnologia, le tre parole al centro del nuovo progetto lanciato dal Consorzio Alto Piemonte Turismo, in accordo con il Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte e con il contributo della Regione Piemonte.

Enoturismo Alto Piemonte
Foto di Maya Petric tratta da Unsplash

L’obiettivo di questa collaborazione è supportare le piccole e medie imprese del comparto agroalimentare italiano e valorizzare i prodotti locali attraverso esperienze digitali attraverso cui condividere con i consumatori la storia e i valori dei piccoli produttori locali. Il progetto nasce dalla partnership con QualityChain, una startup svizzera fondata da Ciro Borrelli, Saverio Salaris e Carlo Vespa, tre ragazzi italiani che hanno sviluppato una piattaforma che racconta la storia dei prodotti agroalimentari e lo fa tramite un’etichetta digitale, alla quale chiunque può accedere scansionando un QR Code apposto sul packaging.

Come raccontano, «i piccoli produttori lottano ogni giorno per sopravvivere in un panorama competitivo e omologato, ma possono usare un’arma potentissima: la qualità dei loro prodotti». Così il progetto trae la sua forza da questa visione: «Un mondo in cui i produttori possono dedicare la loro attenzione non solo a vendere, ma anche e soprattutto a informare ed educare sulla qualità dei prodotti». La loro missione è quindi creare una sorta di vetrina da cui poter osservare le mani che lavorano la terra, il vino, il pane, e tutto ciò che di buono producono le nostre aziende».

Enoturismo Alto Piemonte1
Foto di Kim Ellis tratta da Unsplash

La collaborazione tra queste realtà vuole infatti promuovere le attrattive turistiche del territorio tramite i suoi stessi prodotti tipici: per questo sono state coinvolte nel progetto dieci cantine, ciascuna delle quali ha messo a disposizione tre dei suoi vini che sono stati dotati di speciali QR code che ne raccontano la storia in oltre 36 lingue. Ad esempio, possiamo conoscere tutti i dettagli su come sono stati prodotti, su quali valori dei produttori si basano e su quali sono le caratteristiche che li rendono unici. Insomma, possiamo ripercorrere l’intera storia di una filiera raccontata in ogni singolo passaggio.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

«Convertire il prodotto d’eccellenza al ruolo di ambasciatore del territorio – ha raccontato il coordinatore di Alto Piemonte Turismo Dario Bertoli – è un’idea tanto semplice quanto efficace. Immaginiamo migliaia di bottiglie dei pregiati vini alto piemontesi che raccontano le nostre colline, i laghi, le città, le montagne con una tecnologia alla portata di ogni smartphone e si trasformano in piccoli cataloghi di destinazione: grazie a Quality Chain questo è stato possibile in poche settimane».

Enoturismo Alto Piemonte2

«Tracciare su blockchain significa prendersi piena responsabilità della propria filiera di fronte ai consumatori», spiegano Ciro, Saverio e Carlo. Infatti l’utilizzo di questa tecnologia permetterebbe di rendere più trasparenti e tracciabili i prodotti attraverso la dimensione digitale. Inoltre, raccontano, attraverso l’utilizzo del QR «il tuo prodotto è il tuo ambasciatore nella casa del cliente: ti permette di parlare con lui anche dopo l’acquisto e magari spingerlo a visitare il tuo shop online».

In Alto Piemonte si distinguono tre aree principali – le Valli Ossolane, le Colline Novaresi e le Coste della Sesia – e ognuna delle tre rappresenta una propria Denominazione di Origine Controllata. In ciascuna delle etichette digitali proposte dal progetto è presente la promozione di un’attività turistica sul territorio dell’Alto Piemonte: dalla visita alla cantina stessa a vari pacchetti legati ad altre attività, sia outdoor che indoor. In questo modo i vini diventano veri e propri ambasciatori del territorio, attraverso un viaggio dal ristorante alla cantina e ampliandosi all’intero territorio.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Parco Cristallo: cinque amiche gestiscono un centro olistico immerso nella natura
Parco Cristallo: cinque amiche gestiscono un centro olistico immerso nella natura

IT.A.CÀ: il tema dell’edizione 2021 sarà il diritto a respirare
IT.A.CÀ: il tema dell’edizione 2021 sarà il diritto a respirare

La Via delle Dee, il primo cammino interamente al femminile

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora