16 Lug 2021

Donne e finanza: Banca Etica racconta l’economia al femminile

Grazie a una collaborazione con l'associazione Donne e Finanza da Urlo, lo storico istituto bancario italiano ha lanciato un filone che racconta storie di donne e di economia etica, riconoscendo il ruolo spesso decisivo che esse rivestono nel rendere più etico e sostenibile un settore che da secoli è in mano agli uomini.

Da sempre Banca Etica è legata all’universo femminile: non solo simbolicamente – l’istituto è stato fondato l’8 marzo del 1999 – ma anche fattivamente, con un impegno costante volto a superare il divario di genere che caratterizza un settore tradizionalmente maschiocentrico e a valorizzare il potenziale creativo e propulsivo delle donne.

Lo confermano anche i numeri, che evidenziano un gender gap ancora molto marcato: secondo gli ultimi dati Istat, il tasso di occupazione femminile nella fascia tra i 15 e i 64 anni è di 19 punti inferiore rispetto a quello degli uomini. E se arriva al 60% al Nord, al Sud si ferma appena al 33%, mentre la media nazionale vede l’occupazione femminile ferma al 48%. Eppure il 45% dei clienti di Banca Etica che ha ottenuto un prestito è donna; il 49,1% dei conti correnti aperti è intestato a donne e il 29% delle imprese finanziate dall’istituto di credito  sono femminili.

donne e finanza paola maugeri
Paola Maugeri

L’ultima iniziativa che va in questa direzione è nata da una collaborazione tra l’associazione Donne e Finanza da Urlo e Banca Etica: si tratta di una serie di podcast che, attraverso la voce di Paola Maugeri, raccontano le esperienze di donne illustri del presente e del passato che narrano storie di sostenibilità ambientale, sociale e di finanza etica.

È cominciato tutto con una call lanciata qualche mese fa, in seguito alla quale Banca Etica ha ricevuto oltre 300 contributi tra novembre e gennaio. Fra essi sono state selezionate le 15 voci protagoniste del progetto che ha visto la realizzazione di 5 podcast che sono poi stati pubblicati.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Non solo: sul sito dedicato all’iniziativa si posso leggere, guardare o ascoltare decine e decine di contributi di altrettante donne – socie, correntiste, collaboratrici o protagoniste di progetti sostenuti da Banca Etica – che raccontano la loro esperienza e, come suggerisce la presidente Anna Fasano, diffondono la loro “storia da urlo” allo scopo di diffondere e liberare la loro energia.

Storie di donne comuni, piccole e grandi eroine della vita di tutti i giorni, che si intrecciano con quelle più celebri di chi ha prestato il proprio nome, il proprio volto e il proprio impegno per portare avanti i principi di sostenibilità, welfare e inclusione nel mondo dell’economia, della finanza, dell’imprenditoria.

Ed è così che la storia delle giovani attiviste Greta Thunberg e Malala Yousafzai si interseca con quelle di Dina Rosa Agyemang, studentessa in economia ed esperta del terzo settore; il vissuto di Lidia Menapace con quello di Maura Gancitano, filosofa e fondatrice di Tlon, progetto di divulgazione culturale, casa editrice e libreria teatro, e di  Marina Simeoni, architetta e ideatrice di un B&B molto particolare in cui le barriere non esistono.

Morena Rossi è presidente dell’associazione Donne e Finanza da Urlo, che ha raccolto l’invito di Banca Etica per dare voce alle donne: «Vogliamo valorizzare il loro ruolo in un mondo ancora per molti versi maschile – racconta –, in cui l’educazione finanziaria può e deve diventare una leva per la parità di genere, affinché barriere e stereotipi possano essere abbattuti ridisegnando una ripresa inclusiva. Questa sinergia ha dato origine a una risposta davvero significativa. Le donne sollecitate sulle loro storie “da urlo” si sono subito raccontate, con grande generosità e responsabilità. Ne abbiamo scelte solo quindici, ma tutte erano importanti».

Le fa eco la presidente di Banca Etica Anna Fasano: «La nostra forza è data dalla potenza e dalla ricchezza delle storie a cui dà linfa strategica, progettuale e finanziaria. Abbiamo scelto di liberare tutta l’energia delle storie delle donne – socie e clienti, lavoratrici, imprenditrici – che hanno raccontato non solo loro stesse, ma anche il senso dell’essere Banca Etica. Storie connesse che con sguardo territoriale e allo stesso tempo globale, attente all’oggi ma proiettato verso il domani, stanno lavorando per l’ecologia integrale».

Articoli simili
AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17
AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17

Spazio Lib(e)ro, i detenuti di un carcere siciliano evadono grazie ai libri
Spazio Lib(e)ro, i detenuti di un carcere siciliano evadono grazie ai libri

Un’ondata di greenwashing sta inquinando il mercato della finanza “sostenibile”
Un’ondata di greenwashing sta inquinando il mercato della finanza “sostenibile”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna

|

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente