23 Feb 2022

Coast to Costa: “Portiamo la pallacanestro ai bambini perché lo sport sia davvero un diritto di tutti”

Scritto da: Lorena Di Maria

Coast to Costa è un progetto che dall’Italia ci porta dritti in Costa d’Avorio. Con quest’idea il Gruppo Abele vuole portare ai bambini e alle bambine di Grand Bassam il gioco del basket: attraverso la realizzazione di un campo e accompagnando la creazione di una vera e propria squadra, vuole dimostrare che il diritto allo sport non è soltanto uno svago ma è integrazione, scambio e spazio di apprendimento.

Torino - Esistono terre lontane dove i bambini e le bambine sono costretti a lottare quotidianamente contro problemi e difficoltà enormi. Luoghi dove il gioco e lo sport sono utopie quasi irrealizzabili. Così il Gruppo Abele di Torino, che da più di 50 anni lotta accanto agli ultimi, sta lanciando un progetto per portare in Africa una scuola di pallacanestro per bambini e bambine.

“Il basket è l’unico sport che tende al cielo. Per questo è una rivoluzione per chi è abituato a guardare sempre a terra“. Sono queste le parole rese immortali da Bill Russell, monumento del basket mondiale, che hanno ispirato il progetto del Gruppo Abele: Coast to Costa.

I PROGETTI IN COSTA D’AVORIO

Come il nome ci fa ben intendere, il progetto sarà realizzato a Grand Bassam, città della Costa D’Avorio. Sono trascorsi ormai 35 anni da quando il Gruppo Abele è giunto in questo luogo e dal principio ha dato vita alla Communauté Abel: un’esperienza che è nata per offrire una possibilità di accoglienza e reinserimento sociale a numerosi minori carcerati e che successivamente, in risposta alla crescente crisi politica, economica e sociale del Paese, si è ampliata ad altre fasce deboli della popolazione come orfani, bambini di strada, sfollati di guerra, vittime del traffico di esseri umani, vittime di sfruttamento lavorativo e donne in difficoltà.

L’obiettivo ora è portare il diritto allo sport ai bambini e alle bambine di Gran Bassam e per riuscire in questa impresa il Gruppo Abele, con la Communauté Abel e Mens Sana Siena ha lanciato una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Gofundme. La missione del progetto è l’acquisto di materiali come birilli, palloni, maglie, canestri, tabelloni, oltre che il rinnovamento delle strutture locali e finanziare la partecipazione di 600 bimbe e bimbi ivoriani al campo estivo che il Gruppo Abele sta allestendo per il prossimo luglio.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

«Il sogno, nemmeno tanto proibito, è dare vita in futuro a una vera squadra di basket. In questo modo vogliamo portare i bambine e le bambine a sperimentare un agonismo diverso rispetto a quello che li obbliga spesso solo a fare i conti con le esigenze di base in un contesto dove tutto sembra un privilegio. E vogliamo provare a valorizzare quello che qualcuno potrebbe pensare essere uno svago e che invece è un mattoncino di diritto in più nel nome della relazione, dell’educazione, del benessere fisico».

Coast to Costa
LA COMMUNAUTÉ ABEL: ALFABETIZZAZIONE, INCLUSIONE E LOTTA ALLE DISCRIMINAZIONI

La Communauté Abel non ha mai avuto la pretesa di approcciare la realtà africana come “bisognosa” di interventi dall’esterno, ma nasce per essere parte integrante di un tessuto sociale preesistente. L’obiettivo infatti è costruire insieme, distinguendo il concetto di cooperazione da quello di aiuto, appoggiando le popolazioni africane nel cammino verso una reale autonomia che fornisca gli strumenti necessari per una crescita autonoma e libera, evitando di intervenire secondo una logica assistenziale.

Vogliamo portare i bambine e le bambine a sperimentare un agonismo diverso rispetto a quello che li obbliga spesso solo a fare i conti con le esigenze di base in un contesto dove tutto sembra un privilegio

Coast to Costa1

Per questo i progetti includono anche un coinvolgimento dell’intera popolazione in attività ricreative, sportive, culturali, oltre che servizi di sostegno alle fasce più deboli. «Il nostro lavoro è fatto di contaminazione, di collaborazione, di scambi, di confronto e di reti con soggetti pubblici e privati della Costa d’Avorio. Attivi in processi di alfabetizzazione, lotta alle discriminazioni, alla tratta e formazione lavorativa, collaboriamo con ONG e associazioni locali che condividono i riferimenti che ci guidano».

Per la realizzazione del progetto, al fianco della Communauté Abel, ci sono Mens Sana Basket Academy, che nasce nel 2019 da una tradizione cittadina che fa di Siena la capitale della pallacanestro toscana e Corte dei Miracoli, un’associazione culturale, sempre della città di Siena, attiva in campo sociale con varie attività per bambini e non solo. 

Articoli simili
CO+: la sottile linea rossa che divide rigenerazione e gentrificazione
CO+: la sottile linea rossa che divide rigenerazione e gentrificazione

Una storia di accoglienza dalla Calabria: Irina e la piccola Sofia arrivano nel borgo di Badolato
Una storia di accoglienza dalla Calabria: Irina e la piccola Sofia arrivano nel borgo di Badolato

SPIGA: il forno sociale per la rigenerazione artigiana della periferia
SPIGA: il forno sociale per la rigenerazione artigiana della periferia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’India vieta l’esportazione di grano – #522

|

Spiegare la guerra ai bambini: c’è un modo giusto per farlo?

|

Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli

|

La storia di Mathias, il contadino che ha guidato la sua gente nella battaglia contro una multinazionale

|

Sabina Licursi: “La vita delle aree interne della Calabria è strettamente legata alla restanza dei giovani”

|

Viaggi digitali per alleviare la solitudine degli anziani ospiti delle RSA

|

Inaugurata la panchina della pace: un angolo dove sedersi a riflettere sul presente

|

Le persone piccole: come crescono i bambini e le bambine nella comunità educante di un ecovillaggio