9 Feb 2022

In Europa migliaia di aerei volano vuoti: i medici dell’ISDE dicono basta

Scritto da: Redazione

L'Associazione dei Medici per l'Ambiente denuncia l'assurdità della norma che "costringe" le compagnie aeree a far compiere ai propri velivoli migliaia di voli con pochissimi passeggeri a bordo o addirittura completamente vuoti. Tutto ciò evidenzia la preoccupante incapacità di valutare l'impatto di questa assurda e inutile pratica sull'ecosistema.

Nei giorni scorsi è stata diffusa da autorevoli fonti la notizia che si stanno facendo volare nei cieli europei aerei vuoti che compiono voli senza passeggeri o con pochissime persone a bordo al solo fine di “conservare gli slots”, ovvero i permessi di decollo e atterraggio negli aeroporti.

Secondo quanto comunicato da Lufthansa ad esempio – come ha riportato il nostro Andrea Degl’Innocenti in una rassegna stampa di qualche giorno fa –, questo inverno 18.000 voli, ovvero il 5-6% di tutte le rotte della compagnia tedesca, saranno voli “non necessari”, ovvero con troppo pochi passeggeri per essere redditizi.

Questo avviene perché c’è una norma europea che regola il traffico aereo negli aeroporti che prevede che ogni compagnia aerea abbia un certo numero di slot assegnati di decolli e arrivi nel corso di una giornata, che può mantenere se li utilizza almeno l’80% delle volte in cui ne ha diritto. In caso contrario questi slot vengono riassegnati. 

voli senza passeggeri aereo

All’inizio della pandemia, la Commissione Europea aveva sospeso questa norma a causa del crollo del traffico. Poi, dal 15 febbraio, l’aliquota è stata ridotta al 50%. Ma le prenotazioni sono state così poche che non riescono a saturare nemmeno quel 50% rimanente. E allora le compagnie, pur di non perdere gli slot e rischiare di avvantaggiare la concorrenza, fanno volare aerei vuoti o semivuoti. Con una perdita economica notevole e anche soprattutto, causando emissioni di CO2 dannose e immotivate.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

La Commissione è sotto forte pressione per ridurre ulteriormente le tariffe di sfruttamento sulle compagnie aeree, anche perché nel frattempo in quasi tutte le altre parti del mondo sono state approvate delle misure eccezionali su questo aspetto, rispettose del clima in tempi di pandemia. Per ora però, l’esecutivo europeo dice che non allenterà le regole. Anzi, il 15 dicembre scorso ha annunciato che alzerà il tasso al 64% dal 28 marzo, contando sulla ripresa della domanda quest’estate. 

Questo inverno 18.000 voli, ovvero il 5-6% di tutte le rotte della compagnia tedesca Lutfhansa, saranno voli “non necessari”

L’Associazione medici per l’ambiente Isde-Italia (International Society of Doctors for the Environment – Italia) chiede che cessino questi voli del tutto inutili e soltanto nocivi. È noto che il trasporto aereo è una fonte importante di inquinamento atmosferico e acustico e che contribuisce in modo rilevante ai cambiamenti climatici. Gli aerei infatti utilizzano combustibili fossili, cherosene e benzina avio. Le emissioni dei motori producono polveri e gas nocivi per il clima, l’ambiente e la salute delle persone.

Una vastissima letteratura scientifica indica nella netta riduzione e razionalizzazione del trasporto aereo una necessità fondamentale per contrastare il surriscaldamento climatico e l’inquinamento ambientale che causa malattie e morti: secondo l’Oms oltre 13 milioni di decessi ogni anno sono attribuibili a cause ambientali, all’inquinamento dell’aria, dell’acqua e dei suoli, alle esposizioni chimiche e ai raggi ultravioletti.

Permettere che aerei passeggeri pressoché vuoti, compiano lunghi voli e inquinino senza nessuna ragione o utilità alcuna solo per questioni amministrative facilmente risolvibili è – oltre che sbagliato e immorale – anche un inutile e ulteriore attentato alla biosfera e quindi all’esistenza di tutti gli esseri viventi. Significa, in estrema sintesi, non essersi ancora resi conto della gravità dell’emergenza climatica e ambientale che si sta vivendo sul nostro pianeta.

Articoli simili
Mal’Aria: quali città in Piemonte superano i limiti consentiti?
Mal’Aria: quali città in Piemonte superano i limiti consentiti?

Inquinamento atmosferico: ecco la classifica delle nostre città
Inquinamento atmosferico: ecco la classifica delle nostre città

Particolato fine: ecco quanta gente muore ogni anno in Italia a causa del Pm2.5
Particolato fine: ecco quanta gente muore ogni anno in Italia a causa del Pm2.5

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Chi era Leonardo Del Vecchio, patron di Luxottica – #550

|

Ortika, la moda etica e circolare che si ispira alla natura, dove gli scarti non esistono

|

Nella casa circondariale di Siracusa l’Arcolaio sperimenta modelli innovativi di economia sociale

|

Anche Roma sta cambiando grazie ai principi della decrescita felice

|

La società civile scende in piazza per Nicola Gratteri e contro la ‘ndrangheta

|

RAEE e riciclo di rifiuti elettronici: a che punto siamo in Italia?

|

Officina AgroCulturale Cafeci, alla scoperta della Sicilia in modo lento ed ecologico

|

Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”