13 Apr 2022

No al Green Pass: in Liguria la Marcia della Libertà con l’ex giudice Paolo Sceusa

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Oggi inizia una marcia contro il Green Pass in Sardegna, che vedrà molti partecipanti della penisola, i quali erano presenti anche alla manifestazione pacifica partita da Bordighera (IM) a Ventimiglia che si è tenuta domenica scorsa. Tra i partecipanti di entrambe le marce, anche Paolo Sceusa, ex giudice presso il Tribunale di Gorizia, pubblico ministero a Trieste e presidente del tribunale per i minorenni di Trento fino al 2020. Vi raccontiamo cosa è avvenuto e cosa è in programma.

Imperia - Camminare per manifestare contro il Green Pass: sono stati circa una cinquantina i partecipanti alla Marcia della Libertà (e della Pace), organizzata dal Comitato no Green pass della provincia di Imperia, tenutosi domenica scorsa, 10 aprile. Il ritrovo per la partenza è stato a Bordighera (IM) e già dalle nove di mattina hanno iniziato ad arrivare i primi partecipanti, ognuno con indosso un gilet colorato, giallo o arancione.

Molti erano della provincia di Imperia e di Savona, ma la marcia ha visto al suo interno anche camminatori attivisti provenienti da altre città e regioni. Tra questi Paolo Sceusa, ex giudice presso il Tribunale di Gorizia, pubblico ministero a Trieste e presidente del tribunale per i minorenni di Trento fino al 2020. Sceusa per primo nei mesi scorsi aveva organizzato una Marcia per la Libertà, che era partita da Venezia e giunta nel sud Italia.

marcia liberta paolo sceusa bordighera 566180

Alla nostra collaboratrice Alessia, che ha incontrato Sceusa alla manifestazione e lo ha intervistato – dovrete attendere ancora qualche giorno per leggere l’intervista completa – l’ex giudice ha dichiarato: «Ero presidente di un Tribunale per i minori a Trento, sono andato in pensione per avere proprio il tempo libero da poter dedicare al contrasto di quello che si stava prospettando e che puntualmente si è verificato: leggi liberticide, il passaporto dell’obbedienza, come lo chiamo io, altri lo chiamano green pass».

«Di fronte a questa situazione – prosegue Sceusa – ho agito da giurista, quindi attraverso cause, petizioni e denunce, e col tempo ho poi accettato di fare una cosa che non avrei mai pensato: indire manifestazioni e parlare in piazza erano proprio cose che stavano fuori dalle mie corde e dai miei programmi, però l’ho fatto perché tutto era necessario. Io lavoro per sommatorie, mai per sottrazione».

«Quando sono partito – racconta ancora Sceusa riferendosi alla prima marcia da lui organizzata – era pieno inverno. Sono partito il 6 gennaio, data non casuale perché è l’Epifania e vuol dire manifestazione, esternazione, e quello per me aveva un significato. Io sono attento ai simboli perché, come tutti in qualche misura, ne sono influenzato; qualche volta li subisco, non volevo farli subire agli altri, ma sono un mezzo di comunicazione importante».

Progetto senza titolo3

Tutto questo ha consentito al giurista di apprezzare la potenza enorme della marcia e fargli capire perché tante persone importanti l’hanno scelta come strumento di comunicazione. «Pensiamo alle piazze: uno parla, tanti ascoltano, poi possono applaudire, far partire dei cori, si conoscono anche tra di loro; poi dopo però quando è finita ci si saluta e si va via. La marcia invece è una cosa che continua, ognuno la fa per il tratto e per il tempo che vuole, che può».

Il cammino, iniziato alle 10, è stato organizzato con un’attenzione molto particolare, prevedendo veicoli per supportare chi camminava attraverso brevi pit stop. La direzione? Il confine tra Italia e Francia, dove era previsto l’incontro con gli attivisti francesi che a loro volta stavano marciando per le vie blu, bianche e rosse, con gli stessi ideali e le stesse richieste.

Di fronte a questa situazione ho agito da giurista, quindi attraverso cause, petizioni e denunce

Al meeting point però, i transalpini hanno fatto sapere che non ci sarebbero stati, perché erano stati fermati prima di riuscire ad arrivarci dalle forze dell’ordine francesi. Così la marcia italiana è arrivata comunque a Ventimiglia, passando attraverso la parte alta della città e giungendo al Forte dell’Annunziata. Lì i partecipanti si sono presi per mano formando un grande cerchio che accoglieva tutti per un momento di condivisione, riflessioni e aspettative attese sul prossimo futuro.

Le manifestazioni pacifiche contro il Green Pass continuano: proprio ieri è salpata da Genova una nave che ha portato in Sardegna alcuni dei partecipanti della marcia che inizia oggi e che continuerà per diversi giorni, partendo da Bosa Marina, sulla costa ovest, fino ad arrivare il 24 aprile a Porto Torres, da dove poi ripartiranno.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
“Quanto lo pagate qui un chilo di coca?”. Via d’Amelio, Gratteri e la mafia che non è solo un problema del Sud
“Quanto lo pagate qui un chilo di coca?”. Via d’Amelio, Gratteri e la mafia che non è solo un problema del Sud

La società civile scende in piazza per Nicola Gratteri e contro la ‘ndrangheta
La società civile scende in piazza per Nicola Gratteri e contro la ‘ndrangheta

23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata
23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Iran, tre giorni di sciopero contro il regime – #633

|

Coca-Cola è la regina dei rifiuti plastici: cosa fare per fermare le multinazionali inquinanti?

|

Cosa porta sofferenza e cosa porta felicità? Alcune riflessioni sulla ricerca spirituale

|

Tra falafel e cultura, a Palermo Fateh Hamdan si batte per la Palestina e i diritti civili

|

RECUP Roma: “Ridiamo un valore sociale a quel cibo che ha perso valore economico”

|

Il Gridas e il “modello Scampia”: unire le forze per far rinascere le periferie – Dove eravamo rimasti #6

|

Gigliola Sigismundi: “Medicina forestale e olii essenziali, le grandi passioni che ho trasformato in lavoro”

|

Alla riscoperta di un’Italia poco conosciuta, fra borghi e piccoli contadini