27 Apr 2022

La Natura ligure viene premiata e l’ecoturismo cerca di prendere il volo

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Da pochi giorni è uscita la notizia che a vincere il premio annuale di Parco più bello d'Italia è stato un giardino botanico di Alassio (SV), località da sempre conosciuta quasi esclusivamente per un turismo tradizionale. Che sia un segnale che può esistere un turismo più gentile e sano, legato alle bellezze della Natura e alla loro tutela? Ecco qualche informazione in più per chi volesse organizzare un weekend o una vacanza alla scoperta dei parchi e delle aree protette.

Savona - Non solo mare, divertimento, mezzi pubblici poco efficienti e autostrade scadenti. La Liguria è molto altro, ma rispetto ad altre regioni italiane che hanno cambiato nel corso degli ultimi decenni la loro immagine di sé, la mezzaluna del nord ovest fatica a farlo.

Eppure muovendosi in settimane come queste soprattutto nell’entroterra è facile incontrare diversi turisti europei che, molto più preparati degli stessi abitanti, conoscono le bellezze naturalistiche liguri e sono pronti ad esplorarle attraverso un ecoturismo rispettoso ed ecologico. Chi attraverso trekking, chi escursioni in cresta alle montagne più alte, chi per arrampicare le falesie, mentre altri si godono il silenzio intervallato dal rumore dei piatti delle cucine dei ristoranti che in questi giorni lavorano a pieno ritmo. 

mountains gab2cc78e9 1280

Ciò che è certo è che le “bellezze verdi” della regione spesso sono più conosciute e apprezzate dai turisti che da chi in prima persona le vive quotidianamente: forse perché ci si abitua, forse perché spesso si conosce poco di altre parti di mondo. O forse semplicemente perché si sogna una vita diversa e non si può avere.

Sono sempre più però le persone che si stanno trasferendo dalla costa all’entroterra o dalle città alle campagne e montagne liguri, per condurre consapevolmente una vita diversa (qui alcuni esempi). E sono proprio loro, che stanno contribuendo a mostrare con una lente diversa, le potenzialità turistiche che si nascondono dietro ad aree ritenute sino a poco tempo fa svantaggiate.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Eppure sono state proprio la limitazione di costruzioni umane e il relativo abbandono degli ultimi decenni che hanno permesso alle aree interne, e non solo, di poter mantenere la loro naturalezza e selvaticità che invece l’area costiera ha perduto a causa dello sfruttamento illimitato del suolo che ha subito.

Se da qualsiasi punto della costa però si risale verso i monti, ci si può imbattere inaspettatamente in luoghi poco antropizzati che hanno molto da offrire: boschi centenari, una fauna vivace e selvatica. Si è fatto molto per cercare di proteggere tutto ciò: le aree naturali protette della Liguria infatti comprendono coprono una superficie complessiva di circa 60.000 ettari, ovvero quasi il 12% del territorio regionale, che non è poco, se rapportato ad esempio al 10% della vicina Toscana. 

I parchi più conosciuti della Liguria sono il Parco Nazionale delle Cinque Terre e il Parco Naturale Regionale del Beigua, ma non tutti sanno che la regione a mezza luna vanta anche nove parchi regionali, una riserve statale e quattro riserve regionali, e molte aree protette naturali: un patrimonio di biodiversità ed ecosistemi unici che meritano attenzione e cura da parte non solo di turisti appassionati, ma occasionali, bensì anche da chi vive a stretto contatto e ancor poco ne comprende il valore incommensurabile.

Ciò che forse fa ancora fatica a essere compreso dagli abitanti che hanno vissuto di turismo speculativo e di massa legato alla presenza del mare e dei divertimenti, è che è possibile praticare un turismo differente, che oltre a tutelare e valorizzare l’ambiente può contribuire attivamente allo sviluppo socio-economico del luogo, salvaguardando tutti i beni naturali e culturali più significativi.

275204239 482681580020288 2912499400672289686 n
Immagine dei Giardini botanici della Pergola di Alassio

A supporto di tutto ciò vi sono premi e riconoscimenti delle bellezze naturali liguri, sempre di più in questi anni. Recentemente è giunta la vittoria del concorso del Parco più bello d’Italia per Il Giardino Botanico della Riviera di Villa della Pergola ad Alassio, località particolarmente conosciuta per il turismo più tradizionale, che grazie a questo premio potrebbe beneficiarne. Questo concorso infatti vanta il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, del Ministero dell’Ambiente, dell’UNESCO, dell’ACI e con l’adesione del FAI e dell’AIAPP.

Al Comitato scientifico che ha valutato e assegnato il premio è stato chiesto di valutare diversi parametri, tra cui l’interesse storico-artistico e botanico, lo stato di conservazione, gli aspetti connessi con la gestione e la manutenzione, l’accessibilità, la presenza di servizi, le relazioni con il pubblico e la promozione turistica.

I Giardini sono stati definiti dalla giuria “meta di impareggiabile bellezza che affaccia sull’acqua”: nati a fine ‘800 e portati a splendore dalla famiglia Hanbury nel secolo scorso, si estendono su 22.000 mq, in una posizione molto particolare che affaccia sul golfo di Alassio. Vantano una collezione di glicini e agapanti unica in Europa, che si può apprezzare soprattutto in questa stagione di fioritura completa.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Il turismo 2.0: opportunità e rischi
Il turismo 2.0: opportunità e rischi

Puglia: tutte le foto!

Tra Udine e Trieste (e non sono scomparso!)

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’India vieta l’esportazione di grano – #522

|

Spiegare la guerra ai bambini: c’è un modo giusto per farlo?

|

Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli

|

La storia di Mathias, il contadino che ha guidato la sua gente nella battaglia contro una multinazionale

|

Sabina Licursi: “La vita delle aree interne della Calabria è strettamente legata alla restanza dei giovani”

|

Viaggi digitali per alleviare la solitudine degli anziani ospiti delle RSA

|

Inaugurata la panchina della pace: un angolo dove sedersi a riflettere sul presente

|

Le persone piccole: come crescono i bambini e le bambine nella comunità educante di un ecovillaggio